Marzo 4, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Anno di speranza per lo Yemen

Anno di speranza per lo Yemen

Scritto da Roberto Castellanos

Principale corrispondente di Prensa Latina in Egitto

Anche se è ancora troppo presto per festeggiare la pace, quest’anno si sono verificati eventi importanti che permettono ai residenti di guardare al futuro con entusiasmo.

Il dialogo tra il gruppo ribelle Ansar Allah (noto come movimento Houthi) e l’Arabia Saudita, che sostiene il governo yemenita, è stato un chiaro passo in questa direzione.

Ad aprile una delegazione saudita è sbarcata a Sanaa, la capitale yemenita occupata dai ribelli, per parlare direttamente con i loro leader. A settembre, una squadra di questi ultimi ha visitato Riyadh.

Sebbene non sia stato raggiunto alcun accordo in nessuno dei due incontri e le due parti abbiano espresso le loro differenze, hanno risolto le loro posizioni e questa era la prima volta che si incontravano dall’inizio del conflitto.

Un altro raggio di luce è il mantenimento della tregua raggiunta nell’aprile 2022, che entrambe le parti hanno rispettato, anche se negli ultimi mesi sono stati segnalati piccoli incidenti.

Diversi sviluppi quest’anno hanno fornito motivo di ottimismo, tra cui uno scambio di prigionieri mediato dall’inviato speciale delle Nazioni Unite Hans Grundberg e dalla Croce Rossa, e la ripresa dei voli da e per Sanaa, che erano stati interrotti nel 2016.

La revoca del blocco marittimo e aereo sulle aree controllate dagli Houthi ha consentito l’ingresso di prodotti vitali per milioni di civili, compresi cibo e carburante.

L’evacuazione di oltre un milione di barili di petrolio dalla nave arrugginita Safer, al largo delle coste del paese, è stato un altro passo nella giusta direzione ed ha evitato un grave disastro ambientale.

READ  Guerra Ucraina-Russia, oggi in diretta last minute: Putin ordina cessate il fuoco

Tuttavia, è ancora troppo presto per immaginare una soluzione pacifica che consenta agli Houthi e all’autorità esecutiva riconosciuta dalla comunità internazionale di condividere il potere.

Quest’ultimo rappresenta una leadership collettiva chiamata Presidential Leadership Council, composta da diverse figure chiave nello Yemen.

Dopo anni di combattimenti, morte e sfiducia, è necessario molto lavoro per raggiungere la pace in questo Paese impoverito, dove più di due terzi della sua popolazione ha bisogno dell’assistenza internazionale per sopravvivere.

Situazione umanitaria critica

Le Nazioni Unite e diverse organizzazioni non governative hanno accolto questi segnali positivi per alleviare la crisi umanitaria nello Yemen, il paese più povero della penisola arabica.

Recentemente, la ONG Save the Children ha avvertito che gli aiuti umanitari al paese sono diminuiti del 62% in cinque anni, una situazione che mette a rischio la vita di milioni di persone.

Save the Children ha spiegato che i programmi per proteggere i bambini yemeniti hanno ricevuto solo il 7,5% dei fondi necessari per il 2023 e il 9,6% del totale dei fondi necessari per l’istruzione.

Il Programma alimentare mondiale, che sta affrontando una profonda crisi di finanziamento per le sue operazioni nel paese, si è espresso in un contesto simile, che potrebbe colpire 4,4 milioni di persone che dipendono dalle sue razioni alimentari.

Secondo le Nazioni Unite, due terzi della popolazione dello Yemen, 21,6 milioni di persone, tra cui 11 milioni di bambini, avranno bisogno di assistenza umanitaria e protezione nel 2023.

Il Comitato internazionale della Croce Rossa stima che più di 20 milioni di yemeniti, su una popolazione di 31 milioni, non hanno assistenza sanitaria di base e che 16,2 milioni sono minacciati dalla scarsità di cibo.

READ  Rappresentante ALBA-TCP in visita a Fidel Castro Ruz › Mondo › Granma

Il direttore regionale del Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia, Adele Khader, ha denunciato l’uccisione o il ferimento di quasi 11.000 bambini durante la guerra.

Nel frattempo, l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari stimava in circa 500.000 il numero di minori affetti da malnutrizione acuta.

A fuoco lento, gli yemeniti e gli attori regionali e internazionali stanno preparando la pace necessaria per questo paese povero e devastato, dove i bisogni quotidiani si accumulano da nove anni.

Staffa/Rub