Maggio 18, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Chiedono spiegazioni al governo italiano sulla libertà dell’oppressore Carlos Malato, che ha due mandati di cattura internazionali.

Chiedono spiegazioni al governo italiano sulla libertà dell’oppressore Carlos Malato, che ha due mandati di cattura internazionali.

Una delegazione italiana ha presentato un’interrogazione ai funzionari del governo locale per spiegare quali passi si stanno facendo per ottemperare ai mandati di arresto internazionali nei confronti di Carlos Malato, un soldato in pensione accusato di crimini contro l’umanità in Argentina durante l’ultima dittatura civile militare. Un giudice federale di San Juan ha emesso due mandati di arresto per Malato nel 2016 e nel 2019, ma l’Italia non ne ha accusato ricevuta. L’oppressore è stato visto l’ultima volta nel 2019 a Portorosso, in Sicilia, dove viveva.

I rappresentanti del Pd, Fabio Porta e Lia Cuartabel Procopio, rappresentante della regione latinoamericana al Parlamento italiano, sono stati incaricati lunedì scorso di presentare un’interrogazione ai ministri della Giustizia, degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Nel caso Malatto, l’esecutivo interno italiano ha risposto alle richieste di un giudice argentino di fornire spiegazioni per l’inerzia del governo volta a trattenere i militari in pensione.

Malato è fuggito da Mendoza nel 2011. Durante la dittatura, è stato detenuto per le sue azioni in crimini contro l’umanità nella provincia come comandante del 22° reggimento di fanteria da montagna di San Juan. Ma il suo processo è stato ritardato, consentendo alla Camera di Cassazione Penale di liberarlo e nel 2011, dopo espressa elaborazione del suo passaporto italiano, è fuggito. Nel 2011 l’Argentina ha emesso il primo mandato d’arresto contro di lui e Malato è stato arrestato in Italia per la sua partecipazione alle violazioni dei diritti umani di quattro persone. Ma quando è arrivato il momento di determinare la sua espulsione, il giudice del paese l’ha respinta.

READ  Italia e America Latina per discutere di cooperazione contro la criminalità organizzata

Nel 2015 è stato condannato dall’organizzazione “24 marzo” incaricata di condannare e monitorare cause legate a dittatori e oppressori in America Latina. Nel 2016, un giudice federale di San Juan Leopoldo Raco Gallo ha emesso un nuovo mandato di arresto contro il latitante dell’esercito da un giudice argentino. E nel 2019 ne ha rilasciato un altro per altri cinque casi. L’Italia non ha ancora risposto a nessuno degli ultimi due.

“Quando ho saputo che per la terza volta la giustizia argentina e il tribunale di San Juan hanno chiesto alla giustizia italiana l’estradizione di Malato, insieme alla mia collega Lea Cuartabelle, ho chiesto formalmente al governo italiano di intervenire e aiutare a consegnare questo criminale”, ha detto Borda a proposito della sua spiegazione nei servizi di questo giornale. ha sostenuto. Il deputato ha sottolineato di essere “a conoscenza della drammatica dittatura argentina degli anni ’70”. Il suo partito è intervenuto nel processo. In Italia – stanno processando Jorge Troccoli, militare uruguaiano già lì condannato – per i reati del progetto Condor.

La mossa è “molto positiva” per i membri di “24Marzo”. “L’Italia non sta rispettando i mandati di arresto internazionali emessi dal giudice Raco Gallo e dovrebbe farlo”, ha detto il presidente del comitato, George Iturburu, che ha affermato che l’unica risposta possibile alla situazione di Malato è “fermarlo”. “Se non lo fermano spiegateci perché le due richieste di arresto verificate dall’Interpol non verranno soddisfatte. Non capiamo perché Malato non sia stato trattenuto”, ha concluso.

24Marzo, gli avvocati dell’Alleanza italiana per i diritti e i diritti civili (CILD) e Proyecto Derechos Onlus hanno raccolto nuove testimonianze e prove per “rafforzare” il caso contro Malato esattamente un anno fa a Mendoza e San Juan. Lui nel 2015. L’interesse del governo argentino era che il soldato in pensione potesse però essere processato nel paese, nonostante l’inattività del suo esercito italiano.

READ  L’Italia mette in pericolo la vita dei migranti impedendo i salvataggi, condannano le ONG

Intanto, da quando è stata emessa l’interpellanza – una “inchiesta” secondo il nome italiano – i funzionari del governo locale a capo dell’estrema destra Giorgia Meloni hanno avuto 30 giorni per rispondere. Secondo Porta, la presentazione del canale legislativo contribuirà ad accelerare l’estradizione di Malato, e lo ha spiegato a questo giornale: “Negli ultimi anni, grazie alla cooperazione giudiziaria internazionale, abbiamo assistito a molti casi in cui l’estradizione è stata consentita. reati nei rispettivi paesi. In questo caso il ministro della Giustizia per diverse vittime che hanno la cittadinanza italiana. Spero che risponda rapidamente e agisca”, ha aggiunto.