Il Comune di Lamezia Terme aderisce alla rete RE.A.DY. Le politiche antidiscriminatorie e di pari opportunità fanno un importante passo avanti

L’adesione da parte del Comune di Lamezia Terme alla rete nazionale RE.A.DY. è un risultato importante per la comunità, perché poter lavorare di concerto con i Comuni, che sono gli enti di prossimità rispetto ai cittadini, è quanto mai utile e prezioso per contrastare ogni forma di discriminazione e promuovere intercultura, integrazione e pari opportunità, esaltando il rispetto e la ricchezza della varietà umana.
Il Comune di Lamezia Terme aderendo alla rete RE.A.DY. si aggiunge al Comune di Pianopoli e al Comune di Rende; certo, i Comuni calabresi sono oltre 400 e quindi ancora una goccia nel mare, ma proprio partendo da qui confidiamo in una moltiplicazione di adesioni e di iniziative.
A livello locale l’Associazione Radicale Certi Diritti sta facendo ogni sforzo per fare anche rete con altre realtà associative e con il Sindacato e questa è anche l’occasione per ringraziare Carlo Carere, Presidente dell’UNA Associazione culturale di Lamezia Terme e Giuseppe Valentino, Segretario generale della Cgil Catanzaro Lamezia; questo nostro lavorare insieme ci permette di integrare le nostre rispettive esperienze, arricchendo la professionalità nelle azioni in cui siamo impegnati quotidianamente.
Per approfondimenti si allega la copia della delibera della Giunta comunale della Città di Lamezia Terme e la carta d’intenti della rete nazionale RE.A.DY.
Marco Marchese
Direttivo Associazione Radicale Certi Diritti
Responsabile dell’Osservatorio sulle politiche di genere e pari opportunità