domenica, Luglio 14, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Elon Musk ha inviato un'auto nello spazio nel 2018, e ora sta orbitando tra Marte e la Terra, ma non si sa nulla al riguardo.

Sapevi che un'auto Tesla è stata lanciata nello spazio? Bene, ora sappiamo cosa fanno i registi veloce e arrabbiato Quando si lancia a Pontiac Firebird. Bene, non siamo qui per parlare di film, ma stiamo parlando di questa impresa Elon Musk Osato fare nel 2018.

Lo sappiamo già SpaceXL'azienda di Elon Musk si dedica allo spazio e prima ancora all'invio Astronave In orbita, nel 2018 ha inviato una Tesla Roadster da guidare Uomo stella – Un robot progettato per questa missione – Questo robot indossava una tuta spaziale e ha intrapreso questo viaggio, forse per non tornare mai più.

La missione spaziale ha ricevuto un nome Falcone Pesante E praticamente è stato mandato in orbita per raccogliere dati tra la Terra e Marte, ricorda che Elon vuole essere lui Il primo colonizzatore di Marte.

Può sembrare strano, ma si può dire che sia ufficiale La prima macchina nello spazioMa la possibilità di tornare a casa potrebbe essere impossibile in questa fase. Dal suo lancio ha compiuto 3 rivoluzioni attorno al sole e, secondo le stime, si trova a 99.021.137 km dalla Terra e viaggia ad una velocità di 47.965 km/ora. Secondo i dati del sito web – Dov'è il Roadster? – Startman è effettivamente passato vicino al pianeta rosso nell'ottobre 2020 a una distanza di 804.672 chilometri.

Questo potrebbe essere vero, anche se altri analisti ritengono che l'auto si sia disintegrata sin dal suo lancio a causa dell'elevata radiazione al decollo e che i materiali compositi come la fibra di carbonio si trasformerebbero in cenere. Se il veicolo è ancora intero, secondo il software della NASA, ciò garantisce che dovremo aspettare fino al 2035 per vederlo vicino all'orbita di Marte.

READ  Chrome ti costringerà a scegliere il tuo motore di ricerca preferito a partire da questa data

Elon Musk ha pensato a cosa sarebbe successo allora Tesla Roadster È stato ritrovato in futuro, dove spera che i suoi nipoti “potranno trainare una roadster al museo”, così potranno vedere che uno dei computer era caricato con le opere di Isaac Asimov e una targa con i nomi dei persone responsabili di questa missione spaziale.

Desideria Zullo
Desideria Zullo
"Educatore generale della birra. Pioniere del caffè per tutta la vita. Sostenitore certificato di Twitter. Fanatico di Internet. Professionista dei viaggi."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles