Ottobre 16, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Fino a 40 terremoti di prima mattina: preoccupa l’aumento dell’attività sismica sull’isola di La Palma

Foto: Reuters/Juan Medina.

Dopo il notevole calo dei giorni scorsi, L’attività sismica sull’isola è raddoppiata in frequenza e magnitudo. I terremoti si verificano a profondità medie e basse, quindi non c’è paura di aprire nuovi centri di emissione. Una nuova lingua di lava raggiunge l’oceano e distrugge le piantagioni di banane.

Secondo le informazioni aggiornate dal Dipartimento della sicurezza nazionale (DSN), il livello dei terremoti sull’isola di La Palma ha registrato un forte aumento tra il 7 e l’8 ottobre, una situazione che contrasta con il calo osservato nei giorni scorsi.

I sismografi hanno registrato fino a 40 scosse di prima mattina, una delle quali, a una profondità di 36 km sotto il comune di Fuencaliente, ha raggiunto i 3,8 punti della scala Richter. La maggior parte dei terremoti (33) si è verificata sotto il suolo sotto quest’area, il resto si trova a Villa del Mazo.

Questa situazione ha causato disordini tra i residenti di entrambe le città, quindi il Pevolca (Piano di emergenza vulcanica per le Isole Canarie) organizza incontri informativi con loro per dire loro cosa fare nel caso in cui sia necessaria l’evacuazione, sebbene il DSN lo indichi, dato il profondità in cui si verificano i tremori, non c’è motivo di temere l’emergere di nuovi centri in eruzione di lava e problasti separati dal cono vulcanico in Cumbre Vega.

L’aumento dell’attività sismica diventa più evidente se si considera che tra il 6 e l’8 ottobre il numero totale di terremoti presenti nell’area interessata dalla riattivazione vulcanica a Cumbre Vega è stato di 180, di cui 56 palpabili. Alle 22:42 (UTC) del sesto giorno, uno si è verificato a una profondità di 13 chilometri con una forza di 3,9 punti. Il più potente, intensità 4.3, ce l’ha fatta a 35 km. “La rete di stazioni GNSS permanenti sull’isola mostra la ristabilizzazione delle deformazioni delle stazioni vicino ai centri vulcanici”, afferma in parte l’Institute of National Geographic (IGN).

READ  L'app spiega: perché Haiti è soggetta a terremoti devastanti?

Aree agricole più colpite

L’eruzione di Cumbre Vega ha 20 giorni. Alle limitazioni aeree dell’isola dovute all’offuscamento della visibilità dovuto a pennacchi di fumo e cenere, si aggiunge l’arrivo di una nuova lingua di lava nelle acque dell’Atlantico, ramo uscito dal torrente principale.

Questo nuovo flusso si deposita nel delta lavico situato tra la spiaggia di Los Guirres e El Charcón, formatosi dopo l’eruzione del vulcano San Juan nel 1949, e si è dimostrato particolarmente distruttivo in quanto distrugge un’area dominata da coltivazioni di banane, depositi d’acqua per l’irrigazione e qualche costruzione ausiliaria. In totale, l’area interessata dalla lava è di 431,2 ettari. Oltre a case e fattorie, sono stati interrati anche 26,47 chilometri di strade.

La qualità dell’aria è peggiorata nelle ultime ore a causa della riflessione termica alle quote più basse (tra 600 e 700 metri di quota) e anche perché i venti non soffiano abbastanza da disperdere le particelle inquinanti.

L’accumulo di cenere all’aeroporto di La Palma ha causato una significativa riduzione delle sue operazioni. Oltre ai voli di linea per l’isola, Binter ha già cancellato i voli di linea per Gran Canaria, Fuerteventura ed El Hierro. I voli dalla penisola sono stati dirottati su uno dei due aeroporti di Tenerife, a sud di Tenerife. Secondo Pevolca, la scarsa qualità atmosferica potrebbe durare fino al 9 ottobre.

READ  Avvertimento sull'intensità degli incendi nella regione della Yakutia in Russia

(preso da Sputnik)