Maggio 22, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli 8 ostacoli per le azioni nel 2024

Gli 8 ostacoli per le azioni nel 2024

Con l’avvicinarsi della fine dell’anno ai mercati azionari, il bilancio appare positivo. Gli indici statunitensi sono in territorio di massimi storici (il Nasdaq 100, ad alto contenuto tecnologico, è vicino a registrare il suo anno migliore dal 1999 con un guadagno di oltre il 50%) e le azioni europee stanno toccando i massimi precedenti la Grande Crisi Finanziaria. Dopo la battuta d'arresto del 2022 segnata dagli aumenti dei tassi d'interesse da parte delle banche centrali, i mercati azionari hanno ripreso vita nel 2023 nonostante le autorità continuassero a esercitare pressioni: sullo sfondo si evidenziava la speranza che le autorità allentassero presto le pressioni monetarie mentre l'inflazione continua placarsi. La grande domanda ora è: cosa accadrà nel 2024?

Per stilare le sue previsioni, Knut Hylandsvik, responsabile azionario di DNB Asset Management e gestore del fondo DNB Global, fa innanzitutto un rapido sguardo al passato: “Prima di fare previsioni per il prossimo anno, è utile rivedere brevemente come siamo arrivati ​​a quel punto. è che gli ultimi tre anni sono stati tutt’altro: abbiamo avuto una pandemia globale, una mini-crisi bancaria, un boom tecnologico basato sull’intelligenza artificiale, due guerre e il panorama geopolitico sembra il più preoccupante degli ultimi decenni. , la pandemia, seguita dalla forte risposta fiscale e monetaria da parte delle autorità di tutto il mondo, ha avuto il maggiore impatto sui mercati finanziari.


“Guardando indietro, possiamo concludere che gli stimoli ciclici erano troppo forti, perché hanno causato un surriscaldamento dell'economia globale, e quindi un enorme balzo dell'inflazione. Come rimedio, le banche centrali hanno dovuto intraprendere più spesso un programma di aumenti. Aggressivo. tassi di interesse Vecchio di decenni, che sta iniziando a prendere piede. E il mese scorso lo abbiamo visto Riduzione significativa dell’inflazione, accompagnato da un calo significativo dei tassi di interesse a lungo termine, che ha portato l'indice MSCI World a salire di oltre il 9% nel solo mese di novembre. In questo contesto, i mercati azionari globali hanno registrato performance relativamente buone. Dall’inizio del 2020 (prima del lockdown dovuto al coronavirus) ad oggi, l’indice azionario MSCI World è cresciuto del 26%, guidato dal mercato azionario statunitense. Nello stesso periodo l’S&P 500 è salito rispettivamente del 36% e il Nasdaq Composite del 45%.


Ma sotto la superficie, sottolinea l’esperto, stiamo assistendo Mercato altamente concentratoche di solito è un segnale preoccupante: “Gli Stati Uniti non vedevano un mercato così ristretto dagli anni ’70, e i cosiddetti Magnifici Sette (Apple, Microsoft, Meta, Alphabet, Tesla, Nvidia e Amazon) rappresentano ora un l'enorme 28% dell'indice.” Standard & Poor's 500. La capitalizzazione di mercato combinata di questi titoli è di 1 miliardo di euro. La capitalizzazione di mercato combinata di questi titoli è aumentata di oltre il 100% quest'anno, mentre l'indice S&P 500 a pari ponderazione ha aumentato solo di 6,00 (anche l'indice Russell 2000, “che comprende le 2.000 società più piccole del Russell 3000, è aumentato di un magro 6%. Infatti, oltre il 40% delle azioni dell'S&P 1500 sono in ribasso quest'anno.”

READ  Crescono le aspettative che ottobre sarà un mese rialzista per Bitcoin


Tutto ciò fa credere in molti, come sottolinea il manager, che il prossimo rally del mercato azionario globale Dovrebbe essere guidato da persone arretrate, come small cap, mercati emergenti, Cina, settore bancario e value. “Non siamo d'accordo con questa ipotesi”, afferma Hylandsvik, e prosegue elencando gli otto “venti contrari” che DNB AM prevede per il mercato azionario nel 2024:


  1. Rallentamento economico. In questo mondo post-bellico, la crescita economica ha resistito meglio del previsto nel 2023, grazie alla minore disoccupazione, alla crescita dei salari reali, a consumatori ricchi di liquidità e a un forte accumulo di ordini sulla scia della pandemia. Ci aspettiamo una crescita economica più debole il prossimo anno, come indicato dagli indici compositi dei responsabili degli acquisti (PMI) globali, nonché un sistema monetario e fiscale altamente restrittivo.
  2. I risparmi in eccesso scompaiono. La liquidità in eccesso acquisita dalle famiglie durante il periodo di crisi si sta riducendo rapidamente. JP Morgan stima che la liquidità in eccesso sia ora concentrata principalmente tra gli americani relativamente ricchi (il 20% più ricco), mentre la classe media (dal 20% al 60% più ricco) ha riacquistato la sua liquidità reale prima della crisi, e il 40% della classe media è diventata Il mondo è in una situazione peggiore. Situazione.
  3. Bassa liquidità e mercati creditizi deboli. L’offerta di moneta sia negli Stati Uniti che in Europa sta diminuendo. Le banche stanno inasprendo gli standard di prestito sia per i consumatori che per le imprese, e il costo del finanziamento continua ad aumentare. I tassi di insolvenza delle carte di credito sono in aumento, il mercato degli immobili commerciali si sta indebolendo, mentre ci sono scadenze significative fino al 2024. Anche i prestiti sindacati vedono un aumento dei tassi di insolvenza.
  4. ¿Tassi più alti per più tempo? Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha mantenuto il rally al rialzo più a lungo. È vero che l’inflazione è diminuita in modo significativo, ma con il mercato che ora prevede tagli da parte della Fed di 130 punti base per il prossimo anno, ci si potrebbe chiedere se il mercato non stia andando troppo avanti. Una riduzione così massiccia avverrà solo se: 1) l’economia americana sarà in difficoltà, il che non sarebbe una buona notizia per il mercato azionario, o 2) se l’inflazione diminuirà ulteriormente da qui, cosa che riteniamo improbabile.
  5. Pressione sui margini. Si prevede che il margine di profitto si indebolirà in futuro a causa del calo dell’inflazione, del calo del potere di determinazione dei prezzi, del rallentamento della domanda globale, dell’inasprimento degli standard di credito e prestito e della rigidità dei costi salariali. Tuttavia, il consenso prevede una crescita degli utili per azione (EPS) nel 2024 del 9% per MSCI World.
  6. Curva dei rendimenti invertita. Storicamente, non siamo mai stati in grado di evitare una recessione dopo un lungo periodo di inversione della curva dei rendimenti. Speriamo che la storia non si ripeta.
  7. apprezzamento. Il mercato prevede un declino quasi completo, con un’inflazione bassa e nessun impatto sulla domanda o sulla capacità dei prezzi. Il mercato azionario statunitense, che rappresenta oltre il 70% dell’indice MSCI World, prevede un rapporto prezzo/utili di 19 volte, rispetto a una media di 16 volte. Le valutazioni in Giappone ed Europa appaiono più sobrie, sostanzialmente in linea con le medie storiche. Tuttavia, non c’è molto spazio per battute d’arresto, soprattutto perché riteniamo che le stime degli utili globali per azione siano un po’ ottimistiche.
  8. Rischi geopolitici. Con due guerre in corso, entrambe a rischio di escalation, i rischi geopolitici sono ai livelli più alti degli ultimi decenni. Si noti inoltre che il 2024 è un anno elettorale importante, poiché più di 40 paesi terranno elezioni nazionali (comprese le elezioni presidenziali statunitensi), che potrebbero portare a un aumento significativo dell’inflazione.

C'è il permesso? Argomentazioni a favore Del reddito variabile? “Un calo strutturato dell'inflazione verso l'obiettivo del 2% consente alle banche centrali di tagliare significativamente i tassi di interesse. Il rallentamento della crescita economica viene mitigato, il mercato del lavoro si stabilizza e i profitti aziendali sorprendono al rialzo. In uno scenario del genere” potremmo vedere ” espansione multipla dovuta al minor costo del capitale. Ovviamente, una riduzione della tensione geopolitica aiuterebbe anche il sentiment generale”, ammette Hellansvik.


Lui Condizione ribassistaD’altro canto, continua l’analista, potrebbe essere causato da uno shock geopolitico, per cui un’escalation della guerra in Medio Oriente provocherebbe un aumento dei prezzi dell’energia e dell’inflazione, il che potrebbe portare a una riduzione dei profitti e, in definitiva, a una recessione. . “Notiamo anche che la situazione nel sud della Cina (Taiwan) è molto tesa e che il conflitto militare potrebbe essere devastante per l'economia globale. Allo stesso modo, esiste uno scenario in cui la pressione sui margini di cui sopra è così grave che le aziende iniziano a diminuire in modo significativo”. Riduzione del numero dei dipendenti: si tratta di un fenomeno che di solito avviene alla fine del ciclo economico. Un elevato tasso di disoccupazione può ridurre significativamente l’attività economica, poiché la spesa dei consumatori rappresenta in genere i 2/3 del PIL, e può portare a una vera e propria recessione. . “Durante le recessioni, i prezzi delle azioni scendono generalmente tra il 20% e il 30%”, aggiunge.


“Per tutto questo siamo Saggezza per il 2024Perché crediamo che il mercato prezzi uno scenario irrealistico. Manteniamo a Strategia del ferro Che combina una buona crescita con sacche di valore, come l’energia e parti della finanza e della tecnologia. All'interno della categoria Quality Growth, ci concentriamo su sanità, cura personale della casa e beni di lusso, dove deteniamo società che beneficiano di forti fattori di crescita strutturale che, a nostro avviso, non si riflettono pienamente nel prezzo attuale. Per quanto riguarda le regioni, preferiamo l’Europa e il Giappone agli Stati Uniti a causa della valutazione”, conclude lo stratega di DNB AM.