Marzo 5, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guterres: I palestinesi vivono “uno dei capitoli più oscuri della loro storia”

Guterres: I palestinesi vivono “uno dei capitoli più oscuri della loro storia”


Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres – Stampa Europa/Contatti/William Volkov

Segui direttamente le ultime notizie sulla guerra a Gaza

Condanna la “catastrofe umanitaria” a Gaza e chiede di procedere “in modo deciso e irreversibile verso una soluzione a due Stati”.

Madrid, 29 novembre (Stampa europea) –

Mercoledì il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha dichiarato che il popolo palestinese sta attraversando “uno dei capitoli più oscuri della sua storia” ed è “scioccato” dalla “morte e distruzione” nella regione impantanata nella tragedia. Si tratta di un conflitto dopo gli attacchi compiuti il ​​7 ottobre dal Movimento di resistenza islamica (Hamas) contro Israele.

Così, Guterres ha sottolineato, in un messaggio in occasione della Giornata internazionale di solidarietà con il popolo palestinese, che la regione è “sopraffatta dal dolore, dall’angoscia e dal rimorso”, sottolineando al contempo che “i palestinesi di Gaza soffrono di una catastrofe umanitaria” che ne risulta dall’attacco militare israeliano dopo i già citati attentati sferrati dal gruppo islamico palestinese.

Esprimendo preoccupazione, Guterres ha affermato: “Quasi 1,7 milioni di persone sono state costrette a lasciare le proprie case, ma nessun posto è sicuro. Allo stesso tempo, c’è il rischio di ribolle nella Cisgiordania occupata, compresa Gerusalemme Est”. Le mie condoglianze a “migliaia di famiglie che piangono i loro cari”.

Ha sottolineato: “Ciò include i membri della famiglia delle Nazioni Unite che sono stati uccisi a Gaza, il che rappresenta la più grande perdita di personale nella storia della nostra organizzazione”. L’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi nel Vicino Oriente (UNRWA) ha confermato la morte di oltre 100 dei suoi dipendenti a seguito degli attacchi israeliani alla Striscia di Gaza.

READ  Il vaccino nasale russo contro la viremia entrerà presto in circolazione - Escambrai

In questo modo, il Segretario generale dell’ONU ha sottolineato di essere stato “chiaro” nel “condannare gli attacchi terroristici compiuti da Hamas il 7 ottobre”, sebbene abbia sottolineato di essere “chiaro” anche nel fatto che questi attacchi terroristici e abbia aggiunto che gli attacchi “non “potrebbero giustificare una punizione collettiva contro il popolo palestinese”.

Guterres ha elogiato il lavoro dell’UNRWA, che fornisce “sostegno vitale a milioni di rifugiati palestinesi” nella regione, e ha spiegato che “è più importante che mai per la comunità internazionale sostenere l’UNRWA come fonte di sostegno per il popolo palestinese”. Ha sottolineato: “Questa è soprattutto una giornata per riaffermare la solidarietà internazionale con il popolo palestinese e il suo diritto a vivere in pace e dignità”.

Per questo motivo ha ribadito il suo appello per “un cessate il fuoco umanitario a lungo termine, un accesso umanitario illimitato, il rilascio di tutti gli ostaggi, la protezione dei civili e la fine delle violazioni del diritto internazionale”. Ha sottolineato che “dobbiamo essere uniti nel chiedere la fine dell’occupazione e dell’assedio di Gaza”.

Ha aggiunto: “È tempo di muoversi in modo deciso e irreversibile verso una soluzione a due Stati, sulla base delle risoluzioni delle Nazioni Unite e del diritto internazionale, dove Israele e Palestina vivano fianco a fianco in pace e sicurezza con Gerusalemme come loro capitale”. difendere.

Infine, Guterres ha osservato che le Nazioni Unite “non rinunceranno al loro impegno nei confronti del popolo palestinese”. Ha aggiunto: “Siamo oggi e ogni giorno solidali con le aspirazioni del popolo palestinese di realizzare i propri diritti inalienabili e di costruire un futuro in cui tutti godano di pace, giustizia, sicurezza e dignità”.

READ  Scopri perché gli aerei a idrogeno potrebbero essere il futuro

La Giornata internazionale di solidarietà con il popolo palestinese si celebra il 29 novembre di ogni anno dal 1977, per commemorare la data di approvazione da parte dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite della Risoluzione 181, che prevedeva la creazione di uno “Stato ebraico” e di uno “Stato arabo”. stato.” “Nei territori della Palestina, Gerusalemme sarà una parte separata soggetta ad uno speciale regime internazionale.

Israele ha lanciato un attacco contro la Striscia palestinese dopo gli attacchi compiuti da Hamas il 7 ottobre, che hanno causato la morte di circa 1.200 persone e il rapimento di circa 240 persone. Le autorità di Gaza, controllata dal Movimento islamico, hanno stimato il bilancio delle vittime in circa 15.000 palestinesi, oltre ad altri 230 per mano dell’esercito israeliano e degli attacchi dei coloni in Cisgiordania e Gerusalemme est.