Febbraio 27, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I tentacoli del denaro saudita “catturano” anche Brava Nadal |  soddisfazione

I tentacoli del denaro saudita “catturano” anche Brava Nadal | soddisfazione


L'incrollabile impegno dell'Arabia Saudita per questo sport ha raggiunto Rafael Nadal. Federazione Tennistica Saudita Lunedì è stato annunciato che il giocatore delle Baleari era stato “ingaggiato” come nuovo ambasciatore Sport in quel Paese, con obbligo di passaggio”.StagioneAnni nel suo territorio, sviluppando nuove accademie che portano il suo nome e “sempre più interesse per il tennis tra i giovani”.

L'accordo, diffuso sui social media, conteneva una foto di Nadal sorridente con venti bambini sauditi. Ciò è coinciso con una visita a sorpresa dello spagnolo in una clinica Con i giovani Tenutosi a Riad. Secondo la federazione, “sono già stati lanciati piani per sviluppare una nuova Accademia Rafa Nadal che funga da centro di eccellenza” in Medio Oriente, cosa che costringerà Nadal a “Trascorri un po' di tempo in Arabia Saudita ogni anno Contribuire a incoraggiare e pianificare lo sviluppo dei ragazzi e delle ragazze nello sport.

L'atleta di Manacor è l'ultimo atleta a “prendere” gli artigli del denaro saudita. Il caso di Jon Rahm, che promise di non giocare al LIV Golf organizzato dall'Arabia Saudita e che mesi dopo firmò per il circuito saudita per 550 milioni di dollari, è stato uno dei più clamorosi, ma non l'unico.

Negli ultimi anni, ad esempio, l’Arabia Saudita ha saputo portare nel suo deserto una competizione simbolica come il Rally Dakar; Ospitare importanti eventi di Formula 1, boxe e tennis; Acquista la Supercoppa spagnola e quella italiana prima di inseguire stelle come Cristiano Ronaldo, Benzema o Neymar; Crea il tuo campo da golf; Assumere l'organizzazione dei Giochi asiatici invernali del 2029; Ottieni i migliori pedali al mondo; E ha messo il fiore all'occhiello accettando la Coppa del Mondo del 2034. E nel tennis, oltre a fondare il proprio marchio di abbigliamento sotto l'egida del Fondo sovrano saudita (PIF) e reclutare nomi come Ons Jaber, sono rimasti fino al Prossimo. Cinque edizioni delle Next Gen ATP Finals. Sembra che questo sia solo l'inizio.

READ  La squadra argentina sub-20 ha battuto la Nuova Zelanda e sta pensando agli ottavi di finale

Nello stesso contesto, Nadal ha espresso la sua felicità per questa nomina:In Arabia Saudita, ovunque si guardi, si vedono crescita e progresso e sono entusiasta di farne parte. Gioco ancora a tennis perché lo amo, ma al di fuori del gioco voglio aiutare questo sport a crescere in tutto il mondo e c’è un grande potenziale in Arabia Saudita. I ragazzi qui oggi sono lungimiranti e hanno una vera passione per tutti gli sport. Se posso aiutarti a riprendere il racket o semplicemente a rimetterti in forma e goderti i benefici di una vita sana“Sarò felice di aver fatto la differenza.”

La Federazione Saudita è orgogliosa di affermare che il Regno dell'Arabia Saudita è diventato “uno dei paesi in più rapida crescita al mondo, poiché lo sport è diventato una parte sempre più importante della vita quotidiana, soprattutto per la popolazione del Regno di età inferiore ai 30 anni. che conta 20 milioni di persone”. Omar Anche loro ne sono contenti.Nell’ambito della Vision 2030, la partecipazione sportiva di uomini e donne in Arabia Saudita è aumentata rapidamente Adesso siamo vicini al 50%”.

La Penisola Arabica e il “lavaggio sportivo”

Carlos de las Heras, esperto di sport e diritti umani di Amnesty International, ha spiegato sul sito Relivo che la penisola arabica sta assistendo ad un certo processo di apertura… che non deve nascondere il fatto che è uno dei paesi che viola i diritti umani diritti al massimo. diritti. “È vero che c’è un leggero sviluppo, e lo abbiamo osservato da quando il principe ereditario (Mohammed bin Salman) ha acquisito più potere, alla fine del 2017 e nel 2018 (…) Ma il fatto più evidente è che è uno dei paesi che, anno dopo anno, è tra i primi due o tre paesi con il maggior numero di condanne a morte.. Nello scorso ottobre avevano già giustiziato più di 100 persone. Al di là dei numeri, bisogna parlare di questioni. “Oltre alla pena di morte, ci sono altre preoccupazioni: la libertà di espressione e i diritti delle donne”.

Lo stesso De las Heras ha spiegato cosa Lavaggio sportivo: “Si tratta di insabbiamento dello sport, che consiste essenzialmente nel fatto che alcuni paesi o regimi utilizzano lo sport per vendere una serie di immagini, riforme o aperture all’estero”. Ciò in realtà non ha nulla a che fare con la situazione dei diritti umani in quei paesi“Questa pratica è iniziata meno di vent’anni fa come qualcosa di specifico e isolato (il primo Gran Premio di Formula 1 si è svolto in Bahrein nel 2004) ed è diventata un’evidente strategia di occultamento, il cui obiettivo finale è far pensare alla popolazione a grandi traguardi o eventi sportivi.Quando si sente il nome di un particolare paese piuttosto che la mancanza di diritti che ne deriva.

Anche Areej Al-Mutabbabani, presidente della Federazione tennistica saudita, ha espresso la sua felicità nel collaborare con il 22 volte campione del Grande Slam. “Incarna tutti i valori che apprezziamo in un vero vincitore dentro e fuori dalla pista. È semplicemente il modello perfetto da seguire per i nostri ragazzi e ragazze. È chiaro che Rafa vive ogni giorno la versione migliore di se stesso. La sua dedizione all'allenamento, il suo impegno in ogni tiro e il modo in cui lotta per ogni punto sono valori che speriamo di infondere nelle future stelle. Rafa va oltre il tennis e continua a ispirare generazioni in tutto il mondo. “Non ho dubbi che avrà lo stesso impatto in Arabia Saudita”.

Oltre al suo ruolo di ambasciatore. Nadal e la sua squadra lavoreranno per sviluppare un programma prezioso per ispirare le squadre nazionali Sauditi Che rappresentano i Comitati Olimpici e Paralimpici Sauditi nei tornei internazionali.

Manuel Omar

Manuel Amor è nato a Ferrol, ha studiato giornalismo all'Università di Valladolid ed è cresciuto fin dalla giovane età in diversi media. Pubblicato in El Progreso o El Norte de Castilla