Aprile 12, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I timori di una nuova svalutazione si stanno attenuando e il divario del tasso di cambio è già inferiore al 20%.

I timori di una nuova svalutazione si stanno attenuando e il divario del tasso di cambio è già inferiore al 20%.

Il dollaro libero era a un passo dai 1.000 pesos. (Immagine: Shutterstock)

Il mercato dei cambi è stata la piattaforma più importante dopo il discorso Javier Miley All'apertura delle sessioni ordinarie. Il calo del dollaro è stato maggiore del previsto. Il risultato è stato un nuovo restringimento del divario di cambio, che ha portato direttamente al crollo delle aspettative di una nuova svalutazione del tasso di cambio ufficiale.

Il dollaro libero è stato a un passo dal rompere il livello dei 1.000 dollari, chiudendo a 1.015 dollari dopo aver perso oltre il 3% durante la giornata. Curiosamente, il dollaro del Parlamento Europeo era insolitamente più alto, a 1.030 dollari. Al calo dei dollari fiscali si è aggiunta un'altra giornata di forti acquisti da parte della Banca Centrale: sono stati 303 milioni di dollari, e il totale degli acquisti dall'insediamento del nuovo governo ammonta ora a 8,9 miliardi di dollari.

Ma ciò che è stato ancora più scioccante è stato il crollo dei futures sul dollaro su Roofex. Oltre il 6% a fine marzo e il 5,5% a fine aprile. Il dollaro ufficiale, secondo le previsioni degli operatori, supererà i 1.000 dollari solo a giugno. Il grossista ha chiuso la giornata a 844 dollari.

Dopo la significativa svalutazione di dicembre, e una volta entrato in carica il nuovo governo, il governo centrale ha mantenuto un aggiustamento mensile del tasso di cambio pari solo al 2%. Non c’è dubbio che l’elevata inflazione degli ultimi mesi stia erodendo il reale miglioramento osservato nel dollaro ufficiale.

Sia il Presidente che il Ministro dell’Economia, Luigi CaputoConsideravano il tasso di cambio ufficiale ragionevole e i dollari fiscali costosi.

READ  Dal “Sorpaso” della Cina al declino della Spagna

Ha aggiunto: “È sbagliato confrontare il valore attuale del dollaro con la media tra il 2019 e il 2023, perché è stato il momento peggiore della storia per l'economia argentina”. In questo modo, da diverse settimane, giustificano il motivo per cui non è necessario accelerare il ritmo della svalutazione.

Ridurre il divario di cambio a meno del 20% non ha precedenti negli ultimi anni e per molti porterà l’apertura delle azioni più vicino. Tuttavia, il governo preferisce non affrettare il tempo, in attesa di un maggiore accumulo di riserve e forse di un nuovo accordo con il Fondo monetario internazionale.

Miley ha riflettuto sulla caduta libera del dollaro nelle ultime settimane e l'ha vista solo come un'anteprima di ciò che alla fine accadrà con l'inflazione, che ne accelererebbe anche la tendenza al ribasso nei prossimi mesi. In questo senso ritiene anche che ciò consentirebbe l'apertura delle azioni, pur evitando di fornire date precise.

L’ex ministro dell’Economia, Domingo Cavallo, ha ritenuto, in un articolo pubblicato sul suo blog, che il governo dovrebbe approfittare della bassa inflazione per accelerare il ritmo del “creeping peg”, cioè il tasso mensile di svalutazione della moneta. Dollaro ufficiale. “In questo modo si eviterà in futuro un rialzo maggiore del tasso di cambio”, ha osservato.

Alcuni analisti di mercato, come Christian Boteler, sono inoltre arrivati ​​a suggerire che un forte calo del divario del tasso di cambio sia l’ideale per una spinta azionaria: “Se non ora, allora quando?”

READ  CNMV avverte la ripresa "a rischio" se non ci sarà debutto sul mercato

Ma il governo non sembra avere lo stesso problema. Miley ha già chiarito che il miglioramento del bilancio centrale è ancora un lavoro in corso. Tutto indica che, prima di prendere qualsiasi decisione, preferirebbero aspettare che il reddito in dollari derivante dal raccolto complessivo continui ad accumulare riserve. Il rischio principale di un allentamento dei controlli sui cambi resta da parte degli importatori, che hanno firmato per ripagare i debiti in dollari con i loro fornitori.

Tuttavia, le aziende che devono pagare i propri fornitori all’estero continueranno ad avere un peso significativo nel circuito bancario, il che potrebbe mettere sotto pressione il mercato dei cambi se i controlli venissero allentati.

Anche il Fondo monetario internazionale ha suggerito che le condizioni non sarebbero state attuate prima della metà dell’anno. L’obiettivo è che una volta eliminate le restrizioni sui cambi, il tasso di cambio si avvicini il più possibile al valore ufficiale in quel momento. Una nuova svalutazione avrebbe effetti molto negativi, come l’accelerazione dell’inflazione, la diminuzione del potere d’acquisto e il peggioramento della recessione.