Aprile 16, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Programma Trans Culture dell’UNESCO lancia un appello a Cuba

Il Programma Trans Culture dell’UNESCO lancia un appello a Cuba

Con il tema “Made in the Caribbean”, il concorso invita i giovani stilisti a presentare una capsule collection che metta in mostra l’identità caraibica e la diversità culturale della regione.

Il bando è rivolto ai creativi del settore moda, di età compresa tra i 18 e i 35 anni, e ai cittadini e residenti permanenti di uno dei 17 Paesi beneficiari di Transcultura.

Sono Antigua e Barbuda, Bahamas, Barbados, Belize, Cuba, Dominica, Grenada, Guyana, Haiti, Giamaica, Montserrat, Repubblica Dominicana, Saint Kitts e Nevis, Santa Lucia, Saint Vincent e Grenadine, Suriname e Trinidad e Tobago.

Le candidature possono essere presentate in tre categorie: design della moda, accessori e gioielli, e i finalisti presenteranno il loro lavoro all'evento Fashion in da House, che si terrà presso l'Ufficio regionale dell'UNESCO all'Avana nel maggio 2024.

Il programma coprirà interamente il costo della partecipazione dei finalisti alla mostra e alla cerimonia di premiazione nella capitale cubana, dove la migliore opera di ogni categoria riceverà il Premio Transcultura e verrà annunciato il Premio del Pubblico.

La giuria può assegnare premi speciali per promuovere e riconoscere le aziende con una presentazione rispettosa dell'ambiente.

L'invito è aperto fino al 29 e i candidati possono visualizzare il regolamento al seguente link: https://rb.gy/lvl8o0

Il Premio Transcultura è stato lanciato come distinzione regionale nel quadro dell’attuazione del programma Transcultura: integrare Cuba, i Caraibi e l’Unione Europea attraverso la cultura e la creatività.

Il suo scopo è esplorare e promuovere i talenti creativi di giovani professionisti culturali particolarmente talentuosi e il loro potenziale nelle industrie culturali e creative dei Caraibi.

Riyal dell'Oman/Amr

READ  La Germania è stata costretta a negare la sua intenzione di fornire missili all’Ucraina