giovedì, Giugno 20, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Netanyahu si impegna a invadere Rafah “con o senza accordo” mentre continuano i colloqui con Hamas

Martedì il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu si è impegnato a lanciare un raid sulla città di Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, dove centinaia di migliaia di palestinesi si stanno rifugiando per sfuggire alla guerra che dura da sette mesi, mentre si stanno negoziando un cessate il fuoco tra le autorità israeliane. e Hamas sembra stia guadagnando forza.

Le dichiarazioni di Netanyahu arrivano poche ore prima che il Segretario di Stato americano Anthony Blinken arrivi in ​​Israele per portare avanti il ​​dialogo al fine di raggiungere una tregua, in quello che sembra essere uno dei cicli di comunicazione più pericolosi tra le due parti dall'inizio del conflitto. L’obiettivo dell’accordo è liberare gli ostaggi, fornire sollievo all’enclave assediata e prevenire un attacco a Rafah che potrebbe causare danni ai civili.

Parlando davanti a un gruppo di famiglie in lutto e a un'organizzazione che rappresenta i parenti dei prigionieri detenuti dai militanti, Netanyahu ha detto che Israele entrerà a Rafah per distruggere le rimanenti brigate di Hamas, indipendentemente dal fatto che venga raggiunta o meno una tregua.

Netanyahu ha affermato, secondo una dichiarazione rilasciata dal suo ufficio: “L’idea che fermeremo la guerra prima di raggiungere tutti i suoi obiettivi è fuori luogo”, e ha aggiunto: “Entreremo a Rafah ed elimineremo lì le brigate di Hamas – con o senza un accordo”. .” Raggiungere la vittoria completa.

Netanyahu sta subendo pressioni da parte dei suoi partner nel governo nazionale affinché non proceda con un accordo che potrebbe impedire l’invasione di Rafah, che secondo lui è l’ultima roccaforte del gruppo ribelle. Il suo mandato potrebbe essere minacciato se accettasse l’accordo perché i membri più conservatori del suo dipartimento esecutivo chiedevano un attacco alla città.

READ  L'incontro sulla strada verso la cima dell'Amazzonia inizia in Colombia

Ma con oltre la metà dei 2,3 milioni di abitanti della Striscia che si rifugiano lì, la comunità internazionale, compresi gli Stati Uniti, il principale alleato di Israele, ha lanciato l’allarme su qualsiasi attacco che metta in pericolo i civili.

Non è chiaro se le dichiarazioni di Netanyahu mirassero a calmare i suoi partner nella coalizione di governo o se avrebbero stipulato un possibile accordo con Hamas.

Netanyahu si è rivolto al Forum Tikva, un piccolo gruppo di parenti degli ostaggi separato dal gruppo principale che ha indicato che preferirebbe schiacciare Hamas piuttosto che liberare i propri cari. Le famiglie degli ostaggi e i loro sostenitori manifestano a migliaia ogni settimana per chiedere un accordo per il ritorno degli ostaggi nelle loro case, affermando che dovrebbero avere la precedenza sull'azione militare.

L'accordo in discussione – mediato da Stati Uniti, Egitto e Qatar – prevederebbe in una prima fase il rilascio di decine di ostaggi in cambio di un cessate il fuoco di sei settimane, secondo un funzionario egiziano e i media israeliani. Verranno rilasciati anche centinaia di palestinesi rinchiusi nelle carceri israeliane.

Il punto critico è ciò che accadrà dopo. Hamas ha chiesto garanzie che il rilascio di tutti gli ostaggi porrebbe fine alla campagna israeliana a Gaza e porterebbe al ritiro delle sue forze dalla zona devastata. Israele ha offerto solo una pausa prolungata e si è impegnato a riprendere il suo attacco non appena la tregua fosse finita. La questione ha ripetutamente ostacolato gli sforzi dei mediatori durante mesi di colloqui.

Netanyahu ha più volte rifiutato di fermare la guerra in cambio della restituzione degli ostaggi, e afferma che l'operazione a Rafah è necessaria per eliminare i militanti.

READ  Anders Celsius, la storia dietro il nome

La guerra a Gaza è iniziata dopo l’attacco senza precedenti del 7 ottobre al sud di Israele, in cui i militanti hanno ucciso circa 1.200 persone, la maggior parte delle quali civili, e hanno preso in ostaggio circa altre 250 persone. Si ritiene che Hamas detenga circa 100 israeliani a Gaza e i resti di almeno altri 30.

La successiva campagna aerea e terrestre israeliana nella Striscia è costata la vita ad almeno 34.536 palestinesi, la maggior parte dei quali donne e minori, secondo il Ministero della Sanità di Gaza, le cui statistiche non fanno distinzione tra vittime civili e combattenti. Ha aggiunto che almeno altre 77.704 persone sono rimaste ferite.

I combattimenti hanno costretto circa l'80% della popolazione di Gaza a fuggire dalle proprie case, hanno causato una distruzione diffusa in molte città e paesi e hanno lasciato la Striscia sull'orlo della carestia.

Ciriaco Capone
Ciriaco Capone
"Creatore. Amante dei social media hipster. Appassionato di web. Appassionato fanatico dell'alcol."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles