Febbraio 28, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il video di una folla che fa il saluto fascista ha scioccato l’Italia, ma non il suo primo ministro, Giorgia Meloni.

Il video di una folla che fa il saluto fascista ha scioccato l’Italia, ma non il suo primo ministro, Giorgia Meloni.

(CNN) — Un video virale di oltre 150 uomini vestiti di nero che alzano la mano destra in un saluto fascista nel centro di Roma ha suscitato indignazione ovunque tranne che nell'ufficio del primo ministro italiano Giorgia Meloni.

L'evento, sul quale ora indaga il Nucleo speciale antifascista della Questura di Roma, è avvenuto la notte del 7 gennaio, 46esimo anniversario della strage dell'Acca Laurentia, quando tre giovani militanti neofascisti del Movimento Sociale Italiano (MSI) ) sono stati uccisi per strada.

Due, Franco Bigonzetti e Francesco Ciavatta, sono stati uccisi da presunti attivisti di sinistra nella strada davanti alla sede del partito MSI, e un terzo, Stefano Recchioni, è stato ucciso da un agente di polizia che rispondeva agli scontri dopo le prime uccisioni.

Nessuno è mai stato accusato in relazione agli omicidi del 1978.

Nei video registrati dagli spettatori lo scorso fine settimana, si possono sentire chiaramente uomini che salutano alzando la mano destra e gridando “presente” per tre volte.

Uno di loro lancia allora il classico grido di battaglia neofascista: “Per tutti i compagni caduti”.

Ogni 7 gennaio si commemora la morte dei poliziotti incaricati della sicurezza sia sotto i governi di sinistra che di destra. Membri di entrambe le estremità dello spettro politico partecipano regolarmente mentre depongono corone di fiori al memoriale per i giovani.

Il partito MSI nasce dalle ceneri del Partito Nazionale Fascista di Benito Mussolini alla fine della Seconda Guerra Mondiale, quando il dittatore fu deposto e giustiziato.

È stato il partito in cui la Meloni è entrata per la prima volta in politica. Ha guidato l’MSI prima di fonderlo con il suo partito, i Fratelli più moderati d’Italia, che ha vinto le elezioni anticipate del 2022.

READ  L'Italia organizza un vertice per l'Africa dove presenterà il suo "new deal".

Secondo i suoi stessi social, Meloni ha partecipato più volte in passato alle commemorazioni di Via Acca Laurentia, ma mai come Primo Ministro.

Lo scorso fine settimana erano presenti diversi esponenti del partito di Meloni, tra cui Francesco Rocca, presidente della regione Lazio dove si trova Roma, e Miguel Cotter, referente culturale di Roma, che fa parte del Partito Democratico all'opposizione. Kotter e Rocca hanno deposto corone di fiori in un memoriale per gli attivisti caduti, ma se ne sono andati prima che avesse luogo il saluto fascista, hanno detto i loro uffici alla CNN.

L’opposizione italiana, inclusa la leader democratica Ellie Schlein, ha invitato la Meloni a vietare i gruppi neofascisti.

Sebbene la Costituzione italiana vieti l’ideologia fascista, essa esiste ancora in tutto il Paese Monumenti del passato fascista dell'ItaliaCome un obelisco con il nome di Mussolini davanti allo Stadio Olimpico di Roma.

Si tratta di una questione complessa e la legge, come molte in Italia, non è chiara. “Chiedere scusa” per il vecchio fascismo è un crimine in Italia, ma i gruppi neofascisti non sono illegali: questi gruppi sono generalmente attenti a non adottare apertamente l’ideologia fascista nelle loro costituzioni.

I cimeli fascisti o gesti come il saluto fascista non sono illegali, e i critici dicono che questo dovrebbe cambiare.

“Questa è Roma, il 7 gennaio 2024. Sembra il 1924,” ha scritto Schlein sui social con una foto di congratulazioni. “Quello che è successo è inaccettabile. I gruppi neofascisti devono essere sciolti”.

In un appello al governo affinché condanni il culto, Nomi Di Cegna, presidente dell'Unione delle comunità ebraiche italiane, ha chiesto leggi più severe, definendo tali atti “nostalgia pericolosa”.

“Chiediamo da tempo di rafforzare le disposizioni sulla nostalgia del neofascismo”, ha dichiarato.

READ  Georgia Meloni gioca per affermare la sua autorità in Italia

Anche il vice e ministro degli Esteri della Meloni, Antonio Tajani, attuale leader del partito Forza Italia dopo la morte di Silvio Berlusconi, ha condannato l'episodio.

Meloni non era presente alla commemorazione di domenica sera, e ha risposto ai disordini invitando a reazioni e chiedendo di vietare “attacchi” di gruppi neofascisti al suo governo.

“Questo governo ha continuato a rispondere con fatti e risultati agli attacchi e alle polemiche gratuite di alcuni partiti di opposizione negli ultimi giorni”. ha scritto su Facebook.

Un portavoce di Maloney ha detto che il primo ministro non avrà ulteriori commenti.

Italia Meloni inglese

Il premier italiano Giorgia Meloni. (Credito: Valeria Mongelli/Bloomberg/Getty Images)

Un testimone che abita nella strada dove si è svolta la commemorazione ha detto alla CNN che avviene ogni anno, anche con il saluto fascista.

“Ogni anno commemorano gli omicidi e mettono fiori sul monumento e ogni anno, dopo che i dignitari se ne sono andati, fanno il saluto”, ha detto Maria Calderon alla CNN. “Ciò che è scioccante è che in 46 anni, solo ora si presta attenzione.”

“Il fascismo non è mai morto in Italia”

Paolo Perizzi, un giornalista italiano de La Repubblica che viveva sotto la protezione della polizia e ha ricevuto il video per il suo reportage sul neofascismo, ha detto alla CNN che il motivo per cui il fascismo è “ancora di moda” in Italia è perché “non è mai andato via”.

“Il fascismo non è un prodotto del governo Maloney”, ha detto alla CNN. “Il fascismo non è mai morto in Italia. È stato sconfitto militarmente, ma non è stato sconfitto culturalmente (…) Sta in un certo senso nel ventre del Paese, e risorge nei momenti di debolezza.”

READ  I monumenti si oscurano in Italia per combattere i costi energetici

Ciò è in contrasto con altri paesi, come la Germania, che hanno tolleranza zero verso altre forme di fascismo. “In questo momento i gruppi neofascisti si sentono protetti dal silenzio della Meloni, dalla sua oscurità. La Meloni non riesce a tagliare il filo con il suo passato. In un certo senso è ostaggio del suo passato”, ha detto Perizzi.

Sul fatto la Procura capo di Roma ha aperto un'inchiesta per accertare se qualcuno avesse violato la legge “Apologia del fascismo” con il saluto fascista.

La Divisione Generale delle Investigazioni e delle Operazioni Speciali (DIGOS) italiana ha identificato 150 partecipanti, nove dei quali sono noti militanti di destra con precedenti penali legati al fascismo, ha detto un portavoce dell'agenzia.

Nel suo primo anno al potere, Meloni ha mantenuto la promessa di staccarsi dalla sua educazione neofascista, diventando uno dei leader più moderati in Europa, dove è stato elogiato per la sua leadership su questioni che vanno dall’Ucraina alla migrazione. . Ma il suo silenzio sulla crisi interna che ora scuote il Paese potrebbe cambiare tutto ciò.

Martedì il Parlamento europeo a Strasburgo si occuperà del caso mentre dibatte la rinascita del neofascismo in Europa. Ewan MacPhee, portavoce dei socialdemocratici al Parlamento europeo, ha avvertito che intendono prendere sul serio il dibattito.

“Troviamo ancora più spiacevole il silenzio del primo ministro e ci chiediamo perché non abbia condannato gli eventi del 7 gennaio”, ha annunciato MacPhee prima dell'incontro di martedì, secondo i media italiani. “Il dibattito è necessario ed è importante che il Parlamento faccia ciò che Maloney non è riuscito a fare: cioè condannare quanto accaduto”.