Febbraio 28, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Immigrati irregolari negli Stati Uniti chiedono una riforma dell’immigrazione – Juventud Rebeldi

WASHINGTON, 14 febbraio – Centinaia di immigrati illegali si sono riuniti lunedì davanti alla Casa Bianca per chiedere al presidente Joe Biden di mantenere una promessa elettorale per risolvere la loro situazione.

La protesta è stata organizzata anche in diverse città del sindacato nell’ambito di un’iniziativa che ha già dimostrato il suo impatto, considerando che in molti stati gli immigrati privi di documenti costituiscono la maggior parte della forza lavoro nel settore dei servizi.

A Day Without Immigrants si è rivelato efficace nel 2017 e nel 2006, quando anche gli immigrati privi di documenti sono stati chiamati a non andare al lavoro e ad astenersi dall’acquistare.

Questa volta la campagna è stata lanciata dai social dal giovane uruguaiano Carlos Eduardo Espina, che ha più di 2,4 milioni di followers su Tik Tok e ha avuto il significato di questa azione, soprattutto in una giornata come il 14 febbraio, quando si fanno tanti acquisti.

Ma gli osservatori hanno commentato che il provvedimento ha anche cercato di attirare l’attenzione sulla questione dell’immigrazione in vista delle elezioni legislative di medio termine previste per novembre.

Rapporti sui luoghi alternativi ha redatto un rapporto di mezzogiorno per una passeggiata di 12 chilometri di cinquanta immigrati illegali a New York City, in linea con i 12 milioni di immigrati privi di documenti che trarrebbero vantaggio se, finalmente, la riforma dell’immigrazione permettesse loro di essere naturalizzati.

“Rispetto, umanità, dignità”, cantavano i manifestanti mentre camminavano dal nord di Manhattan a Central Park, dove hanno raccontato le loro storie e ascoltato la musica di John Lennon.

READ  Assassinio di Jovenel Moyes: deliberato, coinvolgimento degli Stati Uniti e connivenza del personale di sicurezza

In dichiarazioni ai media non ufficiali, i manifestanti hanno affermato di non solo aver partecipato a favore di un disegno di legge che li ha avvantaggiati ed è ancora bloccato al Congresso, ma in generale, per essere “rispettato dai cittadini americani come immigrati”. Hanno sottolineato che questo include il loro posto di lavoro in modo che “non ci siano pericoli o molestie e il furto di salari finisca”.

Ma la folla è stata più densa e potente a Washington, dove gli attivisti hanno denunciato la presenza di migliaia di loro davanti alla Casa Bianca, con la stessa richiesta.

Le proteste si sono svolte anche a Chicago, Houston, Dallas, San Jose, San Francisco, Los Angeles, Atlanta, Denver, Boston e Philadelphia.

La campagna è stata sostenuta da Alexandria Ocasio-Cortez, una deputata di Porto Rico, e Ilhan Omar (un ex rifugiato).
somali e musulmani), nonché artisti e organizzazioni di base come Dreamers Mothers In Action (DMIA), il cui presidente, Lenka Mendoza, apprezza che stiano rispondendo al “bisogno della nostra gente di far sentire la propria voce di fronte all’incapacità di promuovere la legalizzazione di migliaia di noi”, ha detto.

Tra le altre promesse non mantenute, Biden ha annunciato durante la sua campagna elettorale una riforma dell’immigrazione che legalizzerebbe circa 11 milioni di immigrati illegali, che da anni aspettano i loro documenti.

Il Los Angeles Times ha riferito a dicembre che dallo scorso novembre la terza versione della proposta è bloccata al Senato dopo essere stata esaminata alla Camera, ma è un progetto completamente diverso dall’originale.

Secondo il Pew Center, il quotidiano ha osservato che nelle elezioni presidenziali del 2020, Biden ha ricevuto il 59% dei voti ispanici mentre Donald Trump ha ricevuto il 38%, molto più del 25% ricevuto dai candidati repubblicani. parlamentari nel 2018.

READ  La Spagna prevede di porre fine all'accordo sulla migrazione e l'asilo quest'anno

Il quotidiano avverte che a novembre, quando ci saranno le elezioni per la Camera dei Deputati e per il Senato, il comportamento della comunità latina potrebbe essere decisivo.