Dicembre 5, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Insieme a Spagna, Italia, Regno Unito, Belgio e Paesi Bassi, tra i paesi che accelerano maggiormente la digitalizzazione – ORH

Secondo un nuovo studio di SD Worx, più della metà delle aziende europee (53%) ha semplificato la digitalizzazione dei processi HR all’interno della propria organizzazione. In particolare, le aziende in Italia (61%), Regno Unito e Belgio (entrambi 59%), Paesi Bassi (57%) e Spagna (53,4%) sono i paesi europei più focalizzati nel campo della digitalizzazione delle risorse umane. 53% in media. Questi processi sono altamente integrati in settori come la finanza e le assicurazioni e l’industria manifatturiera.

Lo studio mostra che l’impegno per la digitalizzazione dei processi HR è in aumento, Come per i modelli, le aziende si preoccupano di trovare l’equilibrio ottimale tra un approccio digitale e un approccio personaleIn questi orari di lavoro ibridi, è importante tenere conto delle esigenze dei dipendenti, della situazione dell’organizzazione e delle aspettative di una particolare area di manodopera.

Un sondaggio condotto su 4.371 uomini d’affari europei ha mostrato che la digitalizzazione dei processi HR è altamente integrata in settori come la finanza e le assicurazioni (60%) e la produzione (60%). In miglioramento anche i settori non profit (58%) e sanità (57%). Anche le aziende molto piccole (con meno di 100 dipendenti) e le aziende di medie dimensioni sono più focalizzate sulla digitalizzazione rispettivamente al 61% e al 60%. Tuttavia, un’attenzione particolarmente crescente è visibile tra le aziende più grandi, con il 68% di quelle da 500 a 999 dipendenti e il 71% di quelle con più di 1.000 dipendenti.

Procede bene, ma deve migliorare

D’altro canto, le risposte di oltre 10.000 dipendenti europei riflettono la necessità di digitalizzazione delle risorse umane, con quasi la metà (48%) che indica che la digitalizzazione sul posto di lavoro deve essere migliorata. In particolare, i dipendenti italiani (54%), spagnoli (53%) e francesi (50%) concordano che c’è ancora molto lavoro da fare nelle loro aziende, mentre i dipendenti di età inferiore ai 35 anni (54%) credono fortemente che la digitalizzazione si può fare. verrà aggiornato.

READ  Non è (ancora) l'Italia.

Inoltre, la digitalizzazione dei processi HR ha assunto un posto importante Liste di priorità dei dipendentiFai attenzione Processi di automazione, analisi e interpretazione Lavoratori altamente istruiti (53%), lavoratori della conoscenza (51%), lavoratori regolari (50%), collaboratori (52%) e dirigenti (54%).

Trovare il giusto equilibrio tra il giusto livello di digitalizzazione e un approccio personalizzato è ovvio, soprattutto nelle seguenti aree:

  • Onboarding di nuovi dipendenti: 76,2% (il 10,6% preferisce l’approccio digitale).
  • Lavoro di squadra: 74,5% (il 10,8% preferisce l’approccio digitale).
  • Colloqui per licenziamenti: 72,4% (l’11,3% preferisce l’approccio digitale).
  • Processo di assunzione: 72,1% (il 13,3% preferisce l’approccio digitale).
  • Valutazioni delle prestazioni: 71,9% (il 13,4% preferisce l’approccio digitale).

Forse perché sono nativi digitali, i dipendenti di età inferiore ai 25 anni hanno maggiori probabilità di gravitare verso un approccio digitale, in particolare nelle aree HR del processo di reclutamento (23,1%), salute e benessere (21%), buste paga (23%), Fornitura di servizi HR – interazione con il dipartimento HR – (27%), gestione HR (32%), revisioni delle prestazioni (16%) e interviste finali (16%).

Carlos Pardo, CEO di SD Worx Iberia, commenta:

La digitalizzazione dei processi HR e un approccio personale non devono necessariamente essere incompatibili. I dati confermano che investire in entrambi gli approcci può ripagare i dipendenti. Durante una revisione delle prestazioni, i dipendenti non vogliono solo vedere un punteggio su uno schermo, ma si aspettano una spiegazione personale”.

Immagine Bram van Ost Dentro Unsplash