Febbraio 26, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La fine del lungo e persistente buco dell’ozono in Antartide

La fine del lungo e persistente buco dell’ozono in Antartide

Il buco dell’ozono antartico del 2023 si è finalmente chiuso il 20 dicembre, diventando a metà settembre uno dei più grandi e il settimo più lungo mai osservato.

Martedì 2 gennaio 2024

Il buco dell'ozono in Antartide per il 2023 si è finalmente chiuso il 20 dicembre, diventando uno dei più grandi a metà settembre e… Il settimo periodo più lungo mai osservato.

Le ragioni di questo comportamento indicano cambiamenti climatici o emissioni vulcaniche, ma i motivi esatti non sono ancora noti, secondo quanto riportato dal sito “Russia Today”. un permesso Dal servizio di monitoraggio dell'atmosfera Copernicus (CAMS).

Le temperature stratosferiche polari sono aumentate nell’emisfero australe con previsioni e venti più bassi, Ciò ha portato alla disintegrazione del vortice polareCiò consente il ripristino dello strato di ozono nella regione.

Buco dell'ozono nel 2023 Ha attirato rapidamente l'attenzione degli specialisti. A causa della sua insorgenza precoce, provoca uno dei buchi dell’ozono più grandi mai osservati a metà settembre di qualsiasi anno.

Successivamente l’area del buco dell’ozono si è ridotta drasticamente fino a raggiungere la media, ma è rimasta insolitamente costante fino a novembre, rimanendo a più di 14,2 milioni di chilometri quadrati, all’incirca la dimensione dell’Antartide, fino all’inizio di dicembre. Diventa la terza percentuale più alta per questo periodo dell'anno nei registri del Sistema di gestione della garanzia delle competenze (CAMS)..

Il processo di chiusura è poi iniziato con una serie di rimbalzi che hanno ritardato la chiusura definitiva fino al 20 dicembre. Il buco dell’ozono più duraturo nel record di dati risalenti al 1979 si è verificato nel 1999 e nel 2020; Entrambi continuarono fino al 27 dicembre.

READ  Un giocatore in Call of Duty Modern Warfare 2 che batte un record è quasi impossibile senza uccidere nessuno

Questo è il quarto anno consecutivo che il buco dell’ozono nell’emisfero australe ha mostrato un comportamento strano, nonostante il successo globale nel vietare le sostanze che distruggono lo strato di ozono.

Area del buco dell'ozono nell'emisfero australe nel 2023 rispetto agli anni precedenti e alla media 1979-2020 / Grafico: CAMS

I ricercatori suggeriscono che l’eruzione del vulcano Honga Tonga-Hunga Haapai all’inizio del 2022, che ha pompato enormi quantità di vapore acqueo nella stratosfera, potrebbe aver influenzato l’entità e la gravità della riduzione dell’ozono nel 2023. Altri specialisti spiegano che un periodo di positività potrebbe La situazione anulare meridionale potrebbe comportare un ritardo “Il riscaldamento stratosferico definitivo” Che di solito chiude il buco dell’ozono, rompendo il vortice polare.

Una nuova ricerca indica anche le dinamiche atmosferiche a lungo termine scoperte a partire dai primi anni 2000 come possibile motore dei grandi buchi dell’ozono osservati negli ultimi anni, indicando i potenziali impatti del cambiamento climatico.

Sebbene la ricerca abbia fatto notevoli progressi negli ultimi anni, ci sono ancora lacune nella conoscenza dei precisi processi chimici e dinamici e delle interazioni con altre classi. A causa delle difficoltà nell'ottenere osservazioni in questa remota regione della nostra atmosfera.

Lo strato di ozono si trova nella stratosfera ad un'altitudine che varia dai 15 ai 30 chilometri. Protegge la vita sulla Terra dai dannosi raggi ultravioletti. Alla fine degli anni ’70 e all’inizio degli anni ’80, gli scienziati lo hanno dimostrato Sostanze che riducono lo strato di ozono, come i clorofluorocarburi (CFC) e gli idrofluorocarburi (HFC)Il suo accumulo nella stratosfera provoca l’assottigliamento stagionale dello strato di ozono nell’emisfero australe, ovvero il buco dell’ozono.

READ  10 app Android nuove e gratuite che dovresti provare

Le sostanze che riducono lo strato di ozono erano precedentemente vietate Protocollo di Montreal del 1987, Ma i gas clorurati e bromurati rilasciati prima del divieto rimarranno nell’atmosfera per diversi decenni.