martedì, Luglio 23, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

La guerra tra Israele e Gaza in diretta | Tutti gli ospedali nel nord di Gaza, tranne uno, sono fuori servizio a causa dell’attacco militare israeliano internazionale

I parenti degli israeliani rapiti iniziano una marcia per chiedere a Netanyahu il ritorno dei loro cari

I parenti degli israeliani rapiti da Hamas nella Striscia di Gaza hanno iniziato martedì una marcia di cinque giorni da Tel Aviv a Gerusalemme per chiedere al governo del loro Paese di fare di più per garantire la sicurezza dei loro cari e il loro ritorno a casa.

Durante l’attacco di Hamas contro Israele il 7 ottobre, sono state rapite 240 persone, da neonati di pochi mesi ad anziani di 85 anni. Si sospetta che i detenuti si trovino nei tunnel sotto la Striscia. Da allora, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha ricevuto dure critiche da parte di alcuni membri della sua famiglia.

“Chiedo che Netanyahu e il suo governo ci diano risposte”, ha detto Shelly Shem-Tov, con il figlio di 21 anni, Omar, rapito cinque settimane fa. “Dove sei? Dove sei?” Si chiedeva questa donna all’inizio della marcia. Accanto a lui, altre persone portavano le foto dei volti dei loro parenti, cantando: “Rimandateli alle vostre case!”

Un altro parente, Amit Zak, nipote dell’ostaggio Adina Moshe (72 anni), ha detto: “Non penso che siamo in mani sicure. Non pensiamo di avere abbastanza informazioni. Vogliamo risposte”. “Abbiamo la soluzione”, ha aggiunto, “ma non è mio compito ottenerla”. Il mio compito è chiedere il ritorno dei miei familiari.” Questi manifestanti intendono terminare la loro protesta sabato, davanti alla residenza di Netanyahu a Gerusalemme, dopo un viaggio di circa 65 chilometri.

Nel frattempo, il ministro degli Esteri israeliano Eli Cohen ha confermato martedì che “non ci sono prove” che queste persone siano vive, dopo il suo incontro con la presidente del Comitato internazionale della Croce Rossa, Mirjana Spoljaric, a Ginevra. Le dichiarazioni di Cohen sono arrivate nel corso di una conferenza stampa presso la sede delle Nazioni Unite nella città svizzera.

READ  Il supporto per la Biennale dell'Avana aggiunge voci da 35 paesi • Lavoratori

Cohen, in visita a Ginevra per fare pressione sulle organizzazioni internazionali affinché aiutino a liberare i suoi cittadini, ha attaccato il segretario generale dell’ONU Antonio Guterres, che secondo lui “non merita di essere presidente dell’ONU” perché “non ha incoraggiato alcun processo di pace in Medio Oriente”. ” Area.” Cohen è apparso accompagnato dai parenti delle persone rapite a Gaza.

Hamas ha confermato di essere pronto a rilasciare 70 di questi ostaggi (donne e bambini) in cambio di una tregua e del rilascio di 275 palestinesi (compresi donne e bambini) rinchiusi nelle carceri israeliane, ma Israele sta ritardando tale iniziativa. (Reuters).

Ciriaco Capone
Ciriaco Capone
"Creatore. Amante dei social media hipster. Appassionato di web. Appassionato fanatico dell'alcol."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles