martedì, Luglio 16, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

La relazione del suo personaggio di Netflix con “The Last of Us”


All’inizio non immaginavamo che un film spagnolo su Netflix come Bird Box Barcelona finisse per ricordare The Last Of Us. E no, non ci riferiamo al loro misero presente e alla sopravvivenza di società in rovina. Stiamo parlando dei suoi personaggi principali, quelli interpretati rispettivamente da Mario Casas e Pedro Pascal. Ancora una volta, non potremmo immaginare di paragonare l’attore spagnolo al cileno, ma è inevitabile. È qualcosa che diventa evidente, ad esempio, quando vediamo i nostri articoli sul finale chiarito di “Bird Box Barcelona” e ricordiamo i nostri scritti sul finale della stagione 1 di “The Last of Us”, ma come alcuni lettori o lettori abbiamo ancora Non ho visto entrambi fermarsi piccoli per spoiler.

Spoiler per i film Bird Box Barcelona e The Last of Us di seguito

Per gentile concessione di Netflix//HBO

In effetti, il legame tra “Bird Box Barcelona” e “The Last of Us” deriva anche da “cieco”. Nel film originale, Sandra Bullock inizia il film mentre è incinta. Apprendiamo che dopo cinque anni rischia la vita per portare a destinazione due bambini. Anche se a un certo punto non voleva nemmeno suo figlio e si rifiutò di nominarlo, progettando persino di sacrificarne uno per attraversare le scogliere, finì per abbracciare suo figlio biologico e figlia adottiva. Il film non solo ha un lieto fine dovuto al successo e alla sopravvivenza dei tre, ma ci racconta anche che nella protagonista si risveglia finalmente il gene della madre, quel rapporto con gli altri, che lei non era riuscita a realizzare prima del disastro.

In “Bird Box Barcelona” sopravvive anche il personaggio Mario Casas, insieme a sua figlia. Tuttavia, non ci vuole molto per capire che è uno degli “Illuminati” che vedono le creature e che sua figlia è solo nella sua mente. Sebbene il film giochi con l’incertezza delle creature, non ci vuole molto a sottolineare che sono entità malvagie e la presenza della figlia del protagonista come una semplice manipolazione mentale del personaggio di Casas. Non potendo proteggere sua figlia, da quando è morta, il protagonista si è perso e ha “ucciso” decine di persone facendole guardare le creature.

Anche Joel, il personaggio di Pedro Pascal in The Last of Us, ha perso sua figlia Sarah all’inizio dell’epidemia di Cordyceps. Anche se non impazzisce, trascorre 20 anni come mercenario e contrabbandiere, chiuso all’amore e alla comunicazione. Joel diventa quella persona, potendo cremare il corpo di un’altra ragazza senza sentire nulla. Ma poi arriva Eli… Il personaggio di Mario Casas inizia a disintossicare le creature mentre parla con una ragazza tedesca viva, una ragazza che gli ricorda davvero sua figlia, quella che c’era e non quella che gli appare nella testa . attraverso le creature. Il personaggio rianima e diventa il primo che conosciamo a vedere le creature e non vuole che muoiano né segua la loro influenza. Si ribella per proteggere la ragazza, perché è l’unica cosa che conta. Nonostante un destino tragico con risvolti ben più complessi (stiamo parlando, dopotutto, di due atti che giocano in due campionati diversi), anche Joel fa lo stesso alla fine della prima stagione di “The Last of Us”.

L'ultimo di noi Joel Elle

HBO

Entrambi, il film Netflix e la serie HBO, sono dimostrazioni di amore paterno in situazioni estreme e che la redenzione umana è emotiva piuttosto che fisica. “Bird Box Barcelona” è ora disponibile su Netflix, mentre la prima stagione di “The Last of Us” è disponibile su HBO Max.

Colpo di testa di Rafael Sánchez Casademont

Raphael è un esperto di film, serie e videogiochi. È un classico del cinema e un autore, anche se non perde mai un successo Marvel o Netflix del momento a causa della sua deformità professionale. Ha anche il suo lato geek, come dimostra la sua specializzazione in anime, K-pop e tutto ciò che riguarda la cultura asiatica.

READ  Nicolas Cage e la foresta di tartufi

Di generazione in generazione, a volte tocca a lui scrivere le hit del momento, da Bizarrap a Blackpink. Ha anche il suo lato eccitante, ma sfortunatamente è limitato nella selezione delle migliori serie e film thriller. Ma non è limitato lì, poiché ama anche scrivere di gastronomia, viaggi, umorismo e meme.

Dopo 5 anni di scrittura per Fotogramas ed Esquire, la verità è che ha fatto un po’ di tutto, dall’intervistare star internazionali a spettacoli di telefonia mobile o degustare olio, insetti e sì, con un po’ di fortuna, vino.

Formatosi in comunicazione audiovisiva presso l’Università di Murcia. Successivamente ha proseguito gli studi presso l’Università Carlos III di Madrid e ha conseguito un master in Ricerca sulla Comunicazione. Oltre a iniziare un dottorato in rappresentazione sessuale nel cinema d’autore (che non ha mai completato), ha anche studiato un master in critica cinematografica, sia all’ECAM che all’Escuela de Escritores. Prima di allora, ha lavorato duramente scrivendo sul blog Cinealacarbonara, ha continuato su media come Amanecemetropolis, Culturamas o Revista Magnolia e ha dedicato tutti i suoi sforzi a Revista Mutaciones sin dalla sua fondazione.

È arrivato in Hearst nel 2018 ed è riuscito a prendere piede nelle redazioni Fotogramas ed Esquire, dove continua a scrivere di tutto ciò che ama e gli viene inviato (spesso in coincidenza). Il suo buon o cattivo gusto (a seconda di come la si guardi) lo ha portato anche ad avventurarsi nel mondo della gastronomia e dei videogiochi. Andiamo, gli piace divertirsi.

Chiara Pisano
Chiara Pisano
"Drogato televisivo certificato. Ninja zombi esasperatamente umile. Sostenitore del caffè. Esperto del Web. Risolutore di problemi."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles