Maggio 22, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’euro è sopra 1,10 dollari dopo la Fed e prima delle decisioni della Banca Centrale Europea da parte dell’EFE

L’euro è sopra 1,10 dollari dopo la Fed e prima delle decisioni della Banca Centrale Europea da parte dell’EFE

©Reuters. L’euro supera quota 1,10 dollari dopo la Federal Reserve e prima delle decisioni della Banca Centrale Europea

Francoforte (Germania), 2 febbraio (.). – L’euro è salito oggi e ha superato quota 1,10 dollari, il massimo da dieci mesi, dopo le decisioni della Federal Reserve (Fed) sui tassi di interesse e prima ancora della Banca Centrale Europea (BCE). annuncia loro.

L’euro è stato scambiato intorno alle 08:00 GMT a $ 1,1001, rispetto a $ 1,0912 nelle ultime ore di negoziazione del mercato valutario europeo il giorno precedente.

Mercoledì la Federal Reserve (Fed) ha alzato i tassi di interesse di un quarto di punto percentuale, a un intervallo compreso tra 4,50 e 4,75%.

Il suo presidente, Jerome Powell, è apparso meno duro alla conferenza stampa rispetto a dicembre, affermando che la Fed sta prendendo in considerazione altri due aumenti dei tassi di 25 punti base ciascuno, ma che potrebbero essere inferiori se i dati sull’inflazione fossero inferiori. del previsto, hanno commentato gli analisti di UniCredit (BIT:).

Powell ha anche voluto frenare le aspettative del mercato secondo cui la Fed taglierà nuovamente i tassi di interesse quest’anno.

I mercati stanno decidendo che oggi la Banca Centrale Europea alzerà i tassi di interesse di mezzo punto percentuale, fino al 3%.

Analogamente, salirà al 2,50% anche la deposit facility, attraverso la quale vengono compensate le riserve giornaliere in eccesso.

Nel luglio dello scorso anno la Banca centrale europea ha avviato il ciclo di rialzi dei tassi più rapido dal suo inizio nel 1999, con quattro aumenti consecutivi in ​​sei mesi dai 250 punti base dello scorso anno, per frenare l’elevata inflazione nell’area dell’euro, che si stava avvicinando all’11% nel Alcuni punti nel 2022.

READ  Domenica soleggiata con temperature piacevoli prima di grandi cambiamenti meteorologici in arrivo - NBC Chicago

Gli analisti di UniCredit si aspettano che il presidente della BCE Christine Lagarde invii un messaggio forte oggi che l’aumento di oggi sarà seguito da un altro a metà marzo e che i tassi di interesse potrebbero aumentare ulteriormente nel secondo trimestre perché l’economia dell’eurozona ha resistito meglio del previsto agli aumenti effettuati finora .

Il tasso di inflazione è sceso su base annua nell’area dell’euro di sette decimi a gennaio, all’8,5%, ed è sceso per tre mesi consecutivi, il che alimenta la speranza che l’aumento dei prezzi nell’area dell’euro abbia raggiunto il suo tetto massimo.

Ma il core, che detrae energia, alimentari, tabacchi e bevande, è rimasto al 5,2%.