Aprile 25, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Italia assume la guida del G7 in un momento critico della geopolitica globale

L’Italia assume la guida del G7 in un momento critico della geopolitica globale

Roma, 1 gennaio (EFE).- L'Italia assume oggi la presidenza del G7, che si trova ad affrontare grandi sfide come le guerre a Gaza e in Ucraina e la crisi nello Stretto di Taiwan, il terrorismo, le epidemie o l'intelligenza artificiale (AI). Mette in discussione l’ordine internazionale stabilito dopo la fine della Guerra Fredda.

In questo momento critico della geopolitica mondiale, secondo gli esperti, il Giappone sta trasferendo la leadership dei sette Paesi più ricchi del mondo all'Italia, che dovrà raggiungere un consenso più complesso, allargato al G20 per fronteggiare le nuove minacce.

Il compito sembra impossibile per il primo ministro italiano, l'estrema destra Giorgia Meloni, che è pronta a mettere il volto migliore dell'Italia sulla più grande vetrina internazionale.

Un momento importante

Il vertice dei leader mondiali del 13 tratterà della crisi in Medio Oriente, della guerra in Ucraina, dei rapporti con il “Sud globale”, dell'Africa e delle migrazioni, nonché del legame tra intelligenza artificiale (AI) e democrazia. Fino al 15 giugno in Puglia (Sud), una cornice accuratamente selezionata.

“Rappresenta il calore tra Oriente e Occidente ed è un ottimo modo per affrontare le storie dell'Occidente da un lato e del resto del mondo dall'altro”, ha spiegato Meloni.

Il vertice arriva dopo una serie di eventi che hanno confermato che il mondo non è stabile nell'ultimo anno: la guerra in Ucraina, la crisi dello Stretto di Taiwan, la guerra del Nagorno-Karabakh e le aggressioni e ritorsioni di Hamas.

“Nei documenti strategici delle grandi potenze, della NATO, dell'Unione Europea, si parla di minacce che mettono in pericolo la sopravvivenza dell'ordine che hanno scatenato alla fine della Guerra Fredda e la sicurezza degli Stati che lo hanno garantito”, spiega. EFE Gabriele Natalizia è professore di Sicurezza e Politica Internazionale presso l'Università La Sapienza di Roma.

READ  Infantino condanna il razzismo “abominevole” nei partiti in Italia e Inghilterra

Il pericolo viene da Russia e Cina, “forze revisioniste” che devono affrontare sfide come “attori non statali come il terrorismo” ed “eventi nazionali: pandemie, migrazione, intelligenza artificiale, cambiamento climatico”.

Guerre

“È chiaro che la questione più controversa è la politica estera”, dice a EFE Alberto Vannucci, professore all'Università di Pisa, che si interroga su “uno dei grandi enigmi” dei prossimi mesi: “Cosa accadrà al sostegno. Q?” Perché alla “stanchezza dell'Occidente” si aggiunge “la mancanza di risultati e la nuova situazione del Medio Oriente”.

È chiaro che la decisione di avviare il processo di ingresso dell'Ucraina nell'Ue dà a Kiev una spinta politica, ma resta da vedere come si rifletterà sul fronte: “Non escludo che inizieranno a parlare per conto Vertice di giugno. Sulla possibilità di una trattativa”, dice Natalia.

“La guerra si trascina già da troppo tempo, i costi sono alti”, sottolinea e indica come fattore decisivo le elezioni presidenziali americane, mentre Vannucci ritiene che impedire all'Ucraina di esistere dipenderà dalla “perseveranza” della Meloni. “

In Medio Oriente, con decenni di conflitto, il G7 e l’UE hanno mostrato un divario maggiore rispetto all’Ucraina, poiché “Israele ha un ampio sostegno per il bastione della democrazia occidentale nella regione”.

Ma, dice l'esperto, “non possiamo restare indifferenti di fronte al pericolo di una reazione eccessiva e di fare il gioco degli estremisti con i cittadini di una delle regioni più densamente popolate del pianeta”. Riluttanza a prendere posizioni chiare” e “Malony trova molto difficile raggiungere un consenso.

La leadership di Maloney

Ma dopo un anno al governo, il primo ministro italiano è una figura politica unita e non perderà l'occasione del G7 di mostrare al mondo “il nuovo volto della leadership italiana”.

READ  Festa della Repubblica Italiana: Passione e Omaggi a Lomas di Zamora :: Notizie da Lomas di Zamora

“Nonostante la differenza di colore politico, la Meloni ha avuto ottimi rapporti con Usa e Germania nell'ultimo decennio e ha stabilito ottimi rapporti con l'Unione Europea contro ogni previsione”, dice Natalia, presidente italiana del G7. Le carte giuste per ricoprire quel ruolo”, anche se non ha dimenticato questo e il pericolo più grande che ogni governo italiano deve affrontare: “l'instabilità interna”.

In ambito nazionale, spiega Vannucci, “si distingue per non aver mantenuto le promesse elettorali”. Su Instagram sono trapelate “Conversazioni sessuali con il suo fidanzato e il padre di sua figlia” con un collega.

“Ha dimostrato capacità di leadership, sa gestire bene le tensioni, questo è innegabile”, ammette il politologo, che considera le “qualità altamente discutibili” della sua squadra di governo come il suo “problema più grande”.

Marta Rullan