Gennaio 16, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Organizzazione Mondiale della Sanità riconosce la disuguaglianza nella salute e nei vaccini come il più grande errore del 2021

Ginevra-. L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha riconosciuto oggi che la disuguaglianza nei servizi sanitari e l’accesso ai vaccini contro il Covid-19 è stato il più grande errore dell’umanità nell’ultimo anno 2021.

In una conferenza stampa virtuale, il direttore di questa entità sanitaria, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha osservato che la disuguaglianza nelle vaccinazioni sta uccidendo persone e posti di lavoro e minando la ripresa economica globale.

Mentre ci sono paesi che forniscono una quarta dose di vaccini, altri non hanno coperto gli operatori sanitari o le popolazioni vulnerabili. Non è il modo per porre fine all’epidemia. “Nessuno sarà al sicuro finché non saremo tutti”, ha detto.

Ha osservato che con l’attuale tasso di vaccinazione, 109 paesi non sarebbero in grado di vaccinare completamente il 70% della loro popolazione entro l’inizio di luglio 2022.

Ha sottolineato che l’emergere di tutte le varianti considerate preoccupanti come Alfa, Beta, Delta, Gamma e Ómicron riflette, in parte, a causa dei bassi tassi di vaccinazione, la creazione dell’ambiente ideale per il loro aspetto.

“La scorsa settimana è stato segnalato il maggior numero di casi di COVID-19 fino ad oggi e dobbiamo tenere presente che sono sottostimati perché i numeri riportati non riflettono il totale dei test durante le vacanze, test domiciliari positivi non registrati e sorveglianza sovraccarica. sistemi che non vengono rilevati casi in tutto il mondo.

Sugli effetti della variante Omicron, Adhanom Ghebreyesus ha affermato che sebbene sembri essere meno grave rispetto a Delta, specialmente tra le persone vaccinate, non dovrebbe in alcun modo essere classificata come “lieve”.

“Sono molto preoccupato che il Micron sia più trasmissibile e che circoli contemporaneamente al Delta, stia provocando uno tsunami di casi. Come le varianti precedenti è ricoverato in ospedale e provoca morti”.

READ  Il Ministro degli Esteri cubano parla con la Missione Al Jazeera nella Repubblica Dominicana - Escambrai

Ha spiegato che lo “tsunami” dei casi è così grande e veloce da travolgere i sistemi sanitari e gli ospedali stanno diventando sovraffollati e con carenza di personale, il che porta a più morti, che possono essere prevenuti.

Ha anche affermato che i vaccini di prima generazione potrebbero non fermare tutte le infezioni e la trasmissione, ma sono ancora molto efficaci nel ridurre i ricoveri ospedalieri e i decessi per SARS-CoV-2.

“Serve equità nell’acquisizione dei vaccini, nel trattamento e nell’applicazione dei test. Ha concluso il suo discorso dicendo: “Equità, equità e nient’altro che diritti di proprietà”.