mercoledì, Giugno 19, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Non ci sarà “un modello vincente” nell’intelligenza artificiale, afferma un dirigente di Amazon

Microsoft e il suo alleato OpenAI hanno lanciato lo scorso anno una corsa frenetica verso l’intelligenza artificiale generativa, e Google ha rapidamente seguito l’esempio. Da allora, i due giganti hanno dominato questa importante tecnologia, grazie ai loro modelli sempre più potenti, mentre Amazon è stata costretta a concentrarsi sulla permanenza. il mercato. il gioco.

“Con tutto il rispetto, non sono d'accordo con questa opinione”, ha detto il direttore di Amazon Cloud Adam Selipski in un'intervista all'Agence France-Presse. “Non ci sarà un modello (IA generativa) che dominerà tutti gli altri”.

“Abbiamo modelli grandi e piccoli, alcuni molto veloci, altri molto precisi, i clienti devono scegliere per rispondere alle diverse esigenze”, ha aggiunto, citando le qualità di diversi modelli sulla piattaforma AWS Bedrock, come Claude (Anthropic) e Llama. . (Meta), quelli sono della francese Mistral e quelli della Titan, che è un marchio Amazon.

“Altri fornitori di servizi cloud potrebbero non avere una scelta così ampia”, ha scherzato il manager.

L’intelligenza artificiale generativa – che prevede la produzione di testo, immagini, linee di codice e suoni su semplice richiesta nel linguaggio quotidiano – è vista nella Silicon Valley e oltre come un’inevitabile rivoluzione industriale.

Pubblicità – Scorri per continuare

In particolare, le società cloud che archiviano dati per organizzazioni di tutte le dimensioni stanno commercializzando servizi di intelligenza artificiale e ora ospitano i modelli necessari a questa nuova tecnologia.

Amazon, leader nel commercio online e nel cloud, domina il calcolo remoto. Secondo Stocklytics, alla fine del 2023 AWS deteneva il 31% del mercato.

Ma dietro di loro ci sono Microsoft (con Azure al 24%) e Google Cloud (11%), che stanno facendo progressi.

Con quasi 13 miliardi di dollari investiti in OpenAI e nuovi strumenti di intelligenza artificiale generativa, Microsoft è “all’avanguardia”, secondo l’analista Dan Ives.

Il colosso informatico e Google competono nel campo degli assistenti virtuali basati sull’intelligenza artificiale per la creazione di contenuti (e-mail, pubblicità, ecc.) e applicazioni.

Amazon sembra essere più riservato. AWS è poco conosciuto dal grande pubblico e Alexa, il suo assistente vocale, non ha ancora conversazioni come ChatGPT.

“Ma lavoriamo nel campo dell'intelligenza artificiale da più di 25 anni”, sottolinea Selipski. “Nel 1998, su un sito di e-commerce, questa si chiamava 'personalizzazione'”.

Pubblicità – Scorri per continuare

“Abbiamo migliaia di esperti di intelligenza artificiale e alcuni di loro si sono rapidamente rivolti all’intelligenza artificiale generativa”, ha aggiunto, progettando in particolare chip per Trainium (che addestra modelli di intelligenza artificiale), la piattaforma Bedrock (lanciata a ottobre) e Amazon Q, un assistente di intelligenza artificiale. Amnesty International.

“Se portiamo avanti i nostri piani e continuiamo a innovare realmente, penso che continueremo a essere leader nel settore cloud.”

Pubblicità – Scorri per continuare

Alla guida di AWS dal 2021 – quando l’ex CEO Andy Jassy ha sostituito Jeff Bezos alla guida di Amazon – Selipski vorrebbe che i suoi clienti e partner lo vedessero.

Tra questi c'è Nvidia, la stella dell'intelligenza artificiale generativa grazie ai suoi processori altamente avanzati, o unità di elaborazione grafica. L'azienda californiana “ha appena annunciato sul palco con me che sta costruendo un 'supercomputer' su AWS, con i propri chip, per svolgere la propria ricerca e sviluppo interna”, insiste.

L’azienda di Seattle ha investito 4 miliardi di dollari in Anthropic, un concorrente di OpenAI che riceve anche finanziamenti significativi da Google.

La startup utilizzerà i chip AWS e Trainium per “costruire versioni future dei suoi modelli”, si è congratulato con Adam Selipski. “Ci aiuterà a migliorare la nostra tecnologia.”

Per quanto riguarda le nuove applicazioni dell’intelligenza artificiale generativa, Selipski cita principalmente esempi di miglioramento della produttività.

Ha spiegato che il laboratorio farmaceutico Pfizer, “che ha circa 20 progetti pilota di intelligenza artificiale su Amazon Web Services, stima che lancerà (farmaci) più potenti più rapidamente e otterrà (fino a) risparmi annuali fino a un miliardo di dollari grazie a intelligenza artificiale.”

Aziende come le compagnie aeree utilizzano le nuove tecnologie per creare chatbot che interagiscono con i propri clienti. Anche se non sono infallibili.

“Le aziende ci dicono che neanche gli esseri umani sono infallibili”, ha detto Adam Selipski. “In molti casi, i modelli sono più efficienti in termini di precisione e utilità rispetto” ai fattori in carne ed ossa.

Secondo il CEO, i licenziamenti in AWS non hanno nulla a che fare con la sostituzione dei dipendenti con l’intelligenza artificiale.

La piattaforma di servizi cloud ha appena tagliato centinaia di posti di lavoro, soprattutto nelle vendite e nel marketing, per concentrarsi sulla sua priorità: l’intelligenza artificiale.

“AWS offre migliaia di opportunità di lavoro”, ha affermato. “Così è stato ieri e così sarà domani”, ha concluso Selipski.

Desideria Zullo
Desideria Zullo
"Educatore generale della birra. Pioniere del caffè per tutta la vita. Sostenitore certificato di Twitter. Fanatico di Internet. Professionista dei viaggi."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles