Marzo 5, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Notizie, attacchi di ritorsione degli Stati Uniti in Iraq e Siria, tensione in Medio Oriente e altro ancora

Notizie, attacchi di ritorsione degli Stati Uniti in Iraq e Siria, tensione in Medio Oriente e altro ancora

Una vista di un edificio distrutto mentre continuano gli attacchi israeliani a Rafah, Gaza, il 7 febbraio 2004. (Foto di Jihad Al-Sharafi/Anadolu tramite Getty Images)

La CNN ha ottenuto una copia della risposta di Hamas alla proposta israeliana di cessate il fuoco e di fornitura di aiuti umanitari in cambio del rilascio degli ostaggi detenuti a Gaza, come confermato da Muhammad Nazzal, alto funzionario del movimento estremista.

Di seguito è riportata la ripartizione di ciascuna fase:

Hamas ha affermato che la prima fase prevede il rilascio di ostaggi israeliani, tra cui donne e bambini (sotto i 19 anni) “che non siano coscritti, così come anziani e malati, in cambio di un numero specifico di prigionieri palestinesi. “

La decisione includerà anche “l'intensificazione degli aiuti umanitari, il trasferimento delle forze fuori dalle aree popolate, l'inizio dei lavori di ricostruzione di ospedali, case e strutture in tutte le aree di Gaza e la possibilità che le Nazioni Unite e le sue agenzie forniscano servizi umanitari”. Creazione di campi di accoglienza per i residenti.

La prima fase prevede anche “una cessazione temporanea delle operazioni militari e di ricognizione aerea, e il ritiro delle forze israeliane dalle aree popolate di Gaza parallelamente alla linea di demarcazione, per facilitare lo scambio di detenuti”.

La seconda fase comprenderà “il completamento dei colloqui (indiretti) sui requisiti necessari per la continuazione della cessazione reciproca delle operazioni militari e il ritorno ad uno stato di completa calma”.

Questa fase mira a liberare tutti gli ostaggi maschi detenuti a Gaza (civili e soldati) “in cambio di un numero specifico di prigionieri palestinesi, la continuazione delle misure umanitarie della prima fase e il ritiro delle forze israeliane dai confini di tutte le aree .” Gaza, e la ricostruzione globale delle case, delle strutture e delle infrastrutture distrutte in tutte le aree di Gaza.

READ  L'ex presidente panamense è legato al riciclaggio di denaro

Lui ricorda: Israele ha ripetutamente affermato che non ritirerà le sue forze da Gaza finché non sarà ottenuta la vittoria completa su Hamas e altri gruppi estremisti nella Striscia.

La terza fase mira a “scambiare i corpi e i resti dei defunti da entrambe le parti dopo il loro arrivo e l'identificazione”, con il continuo arrivo di aiuti umanitari e di ricostruzione.

Infine, Hamas propone che i paesi garanti dell'accordo siano Egitto, Qatar, Turchia, Russia e Nazioni Unite. Tra i paesi garanti non figurano gli Stati Uniti.