Marzo 4, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

OpenAI consente di utilizzare i suoi sistemi di intelligenza artificiale per scopi militari

OpenAI consente di utilizzare i suoi sistemi di intelligenza artificiale per scopi militari

OpenAI ha aggiornato la sua politica di utilizzo per rimuovere un divieto che impediva l'uso della sua tecnologia in missioni “militari e belliche”. L’emendamento apre la porta alle agenzie e ai dipartimenti di sicurezza per utilizzare gli sviluppi dell’intelligenza artificiale generativa (AI) dell’azienda per migliorare le loro operazioni.

La nuova politica è entrata in vigore il 10 gennaio. Prima di questa data, gli standard OpenAI qualificavano l’utilizzo di sistemi come ChatGPT e GPT-4 nell’industria militare e bellica come un’attività “ad alto rischio”. “Esistono casi d'uso legati alla sicurezza nazionale che sono in linea con la nostra missione”, spiega l'azienda guidata da Sam Altman.


Il prossimo attacco con armi biologiche potrebbe essere pianificato dall’intelligenza artificiale

L’utilizzo dell’intelligenza artificiale come strumento per lo sviluppo di armi biologiche sarà uno dei temi del primo vertice internazionale sulla sicurezza dell’intelligenza artificiale.


L’organizzazione vieta ancora l’uso dei suoi algoritmi di intelligenza artificiale per sviluppare armi, monitorare le comunicazioni, distruggere proprietà e creare qualsiasi tipo di strumento che causi danni. Il portavoce di OpenAI, Nico Velez, ha spiegato che l'obiettivo dell'aggiornamento della policy è “creare una serie di principi universali facili da ricordare e applicare, soprattutto perché i nostri strumenti sono ora utilizzati a livello globale dagli utenti comuni che ora possono anche creare sistemi”. .

La società ha dichiarato che sta collaborando Agenzia per i progetti di ricerca avanzata della difesa degli Stati Uniti Progettare nuovi strumenti di sicurezza informatica e migliorare la protezione Programmazione Che supporta l’infrastruttura di sicurezza del paese.

Le politiche di utilizzo aggiornate arrivano in un momento in cui le forze armate di tutto il mondo hanno dimostrato la loro intenzione di integrare l’intelligenza artificiale e i sistemi di apprendimento automatico per migliorare le loro strategie militari. Gli Stati Uniti si distinguono in questa direzione.

READ  vietare l'esportazione della propria tecnologia magnetica

Kathleen Hicks, vicesegretaria alla Difesa degli Stati Uniti, ha affermato alla fine dello scorso anno che l’intelligenza artificiale è “una parte essenziale dell’approccio globale all’innovazione su cui si stanno concentrando l’agenzia e i combattenti”. Ha avvertito che la maggior parte dei sistemi intelligenti sul mercato “non sono ancora tecnicamente abbastanza maturi per conformarsi ai nostri principi etici sull’intelligenza artificiale”.

OpenAI vuole entrare in un mercato redditizio e controverso

OpenAI sta cercando di esplorare nuove opportunità di business in un settore da milioni di dollari. La spesa militare è aumentata del 3,7% nel 2022, raggiungendo i 2,24 trilioni di dollari. Questa cifra equivale al 2,2% del PIL mondiale, secondo le stime dello Stockholm International Peace Research Institute (SIPRI). Gli Stati Uniti sono il Paese che investe più risorse nelle questioni legate alla difesa Con una spesa stimata in 877 miliardi di dollari, tre volte la cifra registrata in Cina, il secondo Paese che stanzia la maggiore quantità di denaro per le missioni militari.

L’uso di sistemi basati sull’intelligenza artificiale nel settore militare ha destato preoccupazione. Lo scorso novembre, il governo del Regno Unito ha pubblicato un rapporto in cui elencava lo sviluppo di armi biologiche letali, gli attacchi automatizzati alla sicurezza informatica e la progettazione di modelli robusti di IA autonoma come i principali rischi legati all’utilizzo dell’IA in guerra e nella difesa. Ci sono alcune proposte volte a ridurre queste minacce.