PROGETTO “GARANZIA GIOVANI”: ci sono 14 mila iscritti ma i colloqui ancora non riescono a partire e si rischia di rimandare indietro i fondi europei per i giovani

unione-europea

Basterebbe guardare a quanto fatto nella vicina Regione Puglia, dove i giovani registrati sono stati tutti convocati per i colloquio. E sono ancora più preoccupanti le dichiarazioni di Nicola De Michelis della direzione generale politiche reionali della Commissione europea, secondo cui ancora oggi il nuo Por della Calabria non è stato presentato a Bruxelles. Anche in questo caso i nostri amministratori sono stati capaci di arrivare ultimi in assoluto. Abbiamo assistito in queti mesi solo a chiacchiere e giochi di potere. Basta, dobbiamo utilizzare tutte le opportunità che ci offre l’Europa per dare lavoro e diritti ai calabresi. Ecco perchè ci vuole forza di sinistra che riaffermi il valore del lavoro per tutti, che creda nei giovani e metta il rilancio dell’occupazione giovanile al primo punto dell’agenda di governo della futura regione».
Da Bruxelles infatti il messaggio è stato chiaro: se entro dicembre prossimo non ci sarà tutta la rendicontazione del vecchio programma europeo regionale la Calabria perderà i fondi non spesi che verranno assegnati ad altre regioni d’Europa dove i progetti ci sono e vengono attivati.