Marzo 5, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Uno studio rivela lo stadio dello scioglimento in Groenlandia e mette in guardia sui rischi futuri

Uno studio rivela lo stadio dello scioglimento in Groenlandia e mette in guardia sui rischi futuri

I risultati contraddicono la visione di lunga data secondo cui l’isola più grande del mondo è stata un’impenetrabile fortezza di ghiaccio negli ultimi 2,5 milioni di anni, e mostrano invece che sarebbe più vulnerabile ai cambiamenti climatici causati dall’uomo di quanto si pensasse in precedenza.

“Se vogliamo capire il futuro, dobbiamo capire il passato”, ha detto ad AFP Paul Berman, scienziato dell’Università del Vermont negli Stati Uniti e coautore dell’articolo pubblicato sulla rivista Science. La ricerca si è basata su una carota di ghiaccio estratta a 1.390 metri sotto la superficie della Groenlandia nord-occidentale dagli scienziati di Camp Century, una base militare segreta che operava negli anni ’60.

Il turista ammira i pinguini di Adelia sull’isola di Petermann, in Antartide. | immagine: Raccolta di immagini universali tramite Getty

Terra Verde

Sebbene ai ricercatori sia stato negato l’accesso al campione esatto per decenni, Berman ha affermato che in un certo senso si trattava di “provvidenza”, poiché le sofisticate tecnologie utilizzate per datare il nucleo sono molto recenti.

Orso polare

Questa foto mostra un orso polare in piedi su un iceberg coperto di neve circondato da ghiaccio veloce o ghiaccio marino attaccato alla costa nel sud-est della Groenlandia nel marzo 2016 (foto di Christine Ledry/AFP). | immagine: Francia Agenzia di stampa

Tra questi spicca la “datazione della luminosità”, che ha permesso agli scienziati di determinare l’ultima volta che i sedimenti sepolti sotto la superficie terrestre sono stati esposti alla luce solare.

In una stanza buia, gli scienziati hanno preso strisce interne di carote di ghiaccio e le hanno esposte alla luce blu-verde o infrarossa, liberando gli elettroni intrappolati che formano una sorta di antico orologio che mostra l’ultima volta in cui sono stati esposti alla luce, cancellando così il segnale di luminescenza.

La datazione brillante ha fornito il punto finale del periodo senza ghiaccio, sebbene il punto di partenza provenisse da un’altra tecnologia. All’interno del quarzo nel cuore di Camp Century, forme rare – chiamate isotopi – degli elementi berillio e alluminio si accumulano quando i sedimenti sono esposti al cielo e ai raggi cosmici.

Osservando il rapporto tra le forme naturali di questi elementi e gli isotopi più rari, gli scienziati sono stati in grado di dedurre per quanto tempo le rocce erano in superficie e per quanto tempo erano state sepolte. Hanno scoperto che i sedimenti sono stati esposti meno di 14.000 anni fa, il che significa che l’area era precedentemente priva di ghiaccio.

Le città costiere sono in pericolo

Il nucleo di Camp Century è stato prelevato a soli 1.200 chilometri dal Polo Nord e il suo studio ha permesso di dimostrare che l’intera area era un tempo ricoperta di vegetazione. Ciò si è verificato in un periodo di riscaldamento naturale chiamato periodo interglaciale, quando le temperature erano simili a quelle odierne, circa 1-1,5°C più calde di quanto non fossero nell’era preindustriale.

Le simulazioni del team di ricercatori hanno mostrato che lo scioglimento della calotta glaciale avrebbe causato un innalzamento del livello del mare tra 1,5 e 6 metri in quel momento. Ciò indica che tutte le regioni costiere del mondo, sede di molti centri abitati globali, rischiano di essere sommerse nei prossimi secoli.

Joseph McGregor, un climatologo della NASA che non è stato coinvolto nello studio, ha osservato che l’era glaciale che ha spinto la Groenlandia attraverso questo tratto è durata decine di migliaia di anni, molto più a lungo di quanto finora causato dall’uomo.

“Stiamo facendo un gigantesco esperimento nell’atmosfera terrestre e non conosciamo i risultati”, ha detto Berman.. “Non lo prendo come ‘Oh mio Dio, il cielo sta cadendo’, lo prendo come se dovremmo andare avanti.”