Aprile 24, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Celebrazione della Giornata dei Diritti Umani in Sud Africa

L’evento nazionale coincide con il trentesimo anniversario dell’inizio della democrazia in Sud Africa e si svolge con lo slogan “Tre decenni di rispetto e promozione dei diritti umani”.

Tra i punti salienti all'ordine del giorno di oggi figura il massacro di Sharpeville del 1960, dove la polizia uccise manifestanti pacifici che marciavano contro le discriminatorie leggi stradali dell'apartheid.

La Presidenza ha sottolineato che l'organizzazione di questo evento a Sharpeville (nella provincia centrale del Gauteng) simboleggia l'impegno del governo a onorare i sacrifici fatti da coloro che hanno combattuto e sono morti per la nostra liberazione in quelle comunità e in altre in tutto il Sud Africa.

In questa occasione, Cyril Ramaphosa ha incoraggiato i sudafricani a continuare a onorare coloro che hanno combattuto “per i diritti di cui tutti noi godiamo e abbiamo a cuore oggi”.

Intervenendo all'evento, ha affermato che, nonostante siano passati molti decenni, ricordiamo ancora con grande tristezza e dolore le 69 persone uccise e molte altre mutilate mentre protestavano pacificamente contro la grave ingiustizia subita.

Ha sottolineato che ricordiamo ancora come tutti i neri sudafricani (e quelli di altre origini etniche e non europee) siano privati ​​dei diritti umani fondamentali a cui hanno diritto, compresa la parità di trattamento, di votare, di essere ascoltati e di vivere ovunque loro vivono. Vogliono istruzione, assistenza sanitaria e protezione della legge.

Ha sottolineato che “la nostra lotta è stata una lotta per realizzare la visione della Carta della Libertà, adottata dall'Assemblea del Popolo nel 1955, per un Sud Africa prospero e libero e dove tutti godono di pari diritti e opportunità”.

Ha aggiunto che questi principi, questi ideali, queste lotte e questi sacrifici sono ciò che ha permesso la realizzazione della nostra democrazia e l'adozione della Carta dei Diritti, che è al centro della costituzione democratica del paese.

READ  Una riunione d'emergenza del Gruppo dei Sette per affrontare la variabile "Covid Omicron"

Ora, mentre celebriamo 30 anni di libertà, rifletteremo sui progressi che abbiamo fatto nella progressiva realizzazione dei diritti sociali ed economici sanciti dalla nostra Costituzione, ha affermato il Presidente sudafricano.

Allo stesso modo, le istituzioni che fanno leggi, rappresentano opinioni e chiedono regolarmente consiglio al popolo sudafricano, ha continuato Ramaphosa.

Sottolineiamo inoltre l'indipendenza del sistema giudiziario, la vitalità dell'attuale società civile sudafricana, l'attività sindacale e la libertà dei media.

promemoria/automatico