Febbraio 27, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Chloe rimodella la sua cupola e assume l’ex Saint Laurent per il suo team di progettazione

Chloe rimodella la sua cupola e assume l’ex Saint Laurent per il suo team di progettazione

Chloe riorganizza il suo team creativo. L’azienda francese, di proprietà di Richemont, integrerà nel proprio team la creativa Chemena Kamali, dirigendo uno studio di design parallelo al team. Il trasferimento fa parte di una ristrutturazione del suo team creativo.

Chemena Kamali ha una lunga storia nel settore della moda. Council ha una laurea in Fashion Design alla Central Saint Martins e ha iniziato la sua carriera come assistente di design presso Chloé. Nel 2007 lavora come designer per la collezione donna di Alberta Ferretti fino al 2008, quando lavora per tre mesi nella stessa posizione per Strenesse. Nel 2012, il dipartimento è tornato a lavorare per Chloé come Head of Design fino al 2015, quando è entrata a far parte di Lanvin nello stesso ruolo. Nel 2016, Kamali ha iniziato la sua carriera in Saint Laurent come Design Director fino ad oggi.

La designer Gabriela Hearst, designer creativa dell’azienda dal 2020, ha lasciato il suo incarico tre anni dopo la sua nomina il 6 giugno.. Hearst lascerà l’azienda dopo la Paris Fashion Week, che si svolgerà tra il 25 settembre e il 3 ottobre.

Ha firmato il direttore creativo di Chloé, che è di proprietà del Gruppo Richemont, dopo l’addio di Natacha Ramsay-Levi. Hirst è entrato a far parte dell’azienda francese nel bel mezzo della sua transizione verso un modello di business più sostenibile, poiché il designer ha una storia legata alla tutela dell’ambiente e alla responsabilità sociale.

Dalla sua fondazione nel 1952 da parte di Gabe Aghion, Chloe è passata attraverso diverse mani come Karl Lagerfeld, Stella McCartney, Phoebe Philo, Hannah McGibbon, Claire Waight Keller e Natasha Ramsay-Levy.. L’azienda è una delle roccaforti del fashion business di Richemont, specializzata in gioielli e orologi. Il conglomerato ha chiuso il 2022 con un fatturato di 20.000 milioni di euro, ma i suoi utili sono scesi a 301 milioni di euro.

READ  Daniela Spala è pronta a guarire nel nuovo video di "Sad Songs"

Richemont ha rafforzato la sua strategia di sostenibilità nel 2022, dopo aver integrato il suo primo Sustainability Manager. Fino ad allora, la strategia aziendale spettava al Chief Financial Officer ed era supportata dal Group CSR Director. Inoltre, il conglomerato svizzero disponeva di un comitato per la sostenibilità composto da tre specialisti della sostenibilità esterni all’azienda e tre senior manager del gruppo.