Aprile 23, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I combattimenti a Gaza, la situazione dei civili e altro ancora

I combattimenti a Gaza, la situazione dei civili e altro ancora

L'attesa è “insopportabile”, dice la madre dell'ultima donna americana di 95 anni ritenuta ostaggio di Hamas.

Gadi Hajji, a sinistra, e Jodi Hajji.  Giusto.  (Inserito dalla famiglia Hajji)

Gadi Hajji, a sinistra, e Jodi Hajji. Giusto. (Inserito dalla famiglia Hajji)

La famiglia di Judy Weinstein Hajji e Jad Hajji ha trascorso le ultime 11 settimane pregando e implorando il ritorno dei loro cari, due cittadini americani ritenuti ostaggi di Hamas.

Venerdì è emersa la notizia che Gad, un israeliano-americano di 73 anni, era morto mentre era in custodia di Hamas. Si ritiene che sua moglie Judy sia ancora tra gli ostaggi e la sua famiglia si aggrappa all'idea che un giorno verrà rilasciata.

“Spero che Jodi venga rilasciata, che riceva qualche tipo di assistenza medica e che possa tornare a casa”, ha detto Andrea Weinstein, la sorella di Jodi, in un'intervista alla CNN questa settimana prima della notizia della morte di Gadd. “Possiamo abbracciarla ed essere lì per tutto ciò di cui ha bisogno per riprendersi da questa terribile situazione che ha dovuto sopportare”.

Judy, una donna di 70 anni che possiede la cittadinanza israeliana, americana e canadese, è l'ultima donna americana ritenuta tra gli ostaggi tenuti a Gaza. Anche altri sei americani, tutti uomini, rimangono prigionieri.

Inizialmente si credeva che Jodi potesse far parte di un accordo sugli ostaggi concluso il mese scorso per consentire ad Hamas di rilasciare almeno 50 donne e bambini. Mentre due americani furono rilasciati in base all'accordo, Jodi no. Israele ha proposto una pausa di una settimana nella guerra per restituire 35 ostaggi, ma Hamas rifiuta qualsiasi discussione su uno scambio di prigionieri fino a quando Israele non finirà la sua operazione militare, ha riferito venerdì la CNN.

READ  La polizia di Miami ha aumentato la sorveglianza dopo incidenti e violenze

Mentre i funzionari statunitensi credono che esista un modo per garantire il rilascio di altri ostaggi, sembra che la famiglia di Jodi possa solo aspettare.

“I nostri cuori sono spezzati”, ha detto Weinstein, che vive a New Haven, nel Connecticut, “Pensare che qualcuno possa ferire mia sorella e suo marito, che sono persone pacifiche, amorevoli e generose, è semplicemente inconcepibile”. “È davvero difficile immaginare cosa sta succedendo.”

“Sono molto preoccupata e sconvolta. Voglio sapere se Jodi è viva e se è tenuta in ostaggio. Non saperlo è stato insopportabile”, ha detto alla CNN in una nota la madre di 95 anni.