Aprile 23, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il diritto all’aborto è nella sua Costituzione

Il diritto all’aborto è nella sua Costituzione

Tempo di lettura approssimativo: 1 minuto e 41 secondi

Lunedì 4 marzo entrambe le camere del Parlamento francese terranno una votazione finale per includere il diritto all'aborto nella Costituzione, dopo che questa è stata approvata dal Senato il 28 febbraio.

Voto storico. Considerando i risultati separati, sia all'Assemblea nazionale che al Senato francese, dove la maggioranza dei parlamentari ha votato a favore dell'inclusione del diritto all'aborto nella Costituzione. costituzioneSembra che l'approvazione da parte di entrambi i consigli il 4 marzo sarà imminente.

Sebbene l’aborto volontario sia stato depenalizzato nel Paese da quasi 50 anni, Con il voto unanime di lunedì, la Francia punta a diventare il primo Paese al mondo a sancire questo diritto nella propria Costituzione.

L'inizio dei lavori è previsto alle 15.30 alla Reggia di Versailles, dove il provvedimento dovrà ottenere la maggioranza dei tre quinti per essere sancito come diritto costituzionale, dopo aver superato le iniziali resistenze del Senato, controllato da un partito di maggioranza. Da destra.

Il presidente Emmanuel Macron ha chiesto che la sessione confermi l’adozione definitiva dell’aborto come “libertà garantita”, dopo che la procedura è stata approvata al Senato il 28 febbraio con una maggioranza di 267 voti contrari e 50 voti contrari.

Anche l’Assemblea nazionale, la camera bassa del parlamento francese, ha accettato di includere questo diritto nella Magna Carta, il 31 gennaio, con l’approvazione di 493 parlamentari e 30 contrari.

“Ci hai svegliati”
Una donna manifesta con un cartello con la scritta “L'aborto nella Costituzione” in occasione della Giornata internazionale della donna./Foto d'archivio: © AP / Christophe Ena

Questi passi arrivano dopo che il presidente Emmanuel Macron aveva promesso l’anno scorso di adottare le misure necessarie affinché questo diritto, riconosciuto dal suo Paese nel 1975, non corra il rischio di essere revocato.

READ  Vucic: L’Unione europea non ha mai dato alla Serbia lo stesso sostegno dato all’Ucraina

Sono aumentati i timori di fronte a quello che veniva considerato uno specchio di quanto accaduto Negli Stati Uniti, dove la Corte Suprema ha ribaltato la destra mezzo secolo, nel 2022Quindi il via libera o la restrizione era disponibile per ogni stato. Una forte battuta d'arresto per i diritti delle donne nella prima potenza mondiale.

“Il comportamento della Corte Suprema degli Stati Uniti ha fatto un favore alle donne di tutto il mondo, perché ci ha svegliato”, ha affermato Claudine Montiel, presidente di Women of the World.

La defunta ministra della Sanità francese, Simone Veil, che difese l’adozione del diritto all’aborto negli anni ’70 e fu un’icona dei diritti delle donne, avvertì all’epoca che “il verificarsi di una crisi politica, economica o religiosa era sufficiente per mettere in dubbio i diritti delle donne.” “

Leah Hoctor del Centro Diritti di riproduzioneHa aggiunto che la Francia può ora presentare “il primo testo costituzionale ampio ed esplicito di questo tipo, non solo in Francia”. EuropaE anche a livello globale”.

con Reuters E Agenzia di stampa francese

Visite: 1