Aprile 18, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il gas naturale resiste come fonte alternativa di energia rinnovabile  Energia |  Caratteristiche aggiuntive

Il gas naturale resiste come fonte alternativa di energia rinnovabile Energia | Caratteristiche aggiuntive

La guerra in Ucraina, la pandemia e le pressioni del cambiamento climatico hanno rimodellato le fonti energetiche che alimentano la macchina europea negli ultimi anni. Il carbone sta scomparendo a una velocità vertiginosa, mentre le energie rinnovabili sono impegnate in una battaglia decisiva per diventare la principale fonte di produzione di elettricità e consentire all’Europa di raggiungere gli obiettivi climatici entro il 2030. Nel frattempo, gas e GNL mantengono il loro status di alternative. Fonte di transizione energetica: consente di rifornire la popolazione con impianti a ciclo combinato quando viene interrotto il vento che muove le pale degli aerogeneratori o il sole che fornisce energia ai pannelli fotovoltaici.

I prezzi del gas naturale hanno oscillato in modo significativo, ma gli esperti dicono che si stabilizzeranno nel 2024 intorno alla soglia dei 30 dollari per megawattora, soprattutto grazie alla diversificazione degli importatori e all’aumento delle riserve. All’inizio di febbraio il prezzo di un megawattora di gas era intorno ai 25 dollari, un prezzo molto basso per questi tempi: nel 2022 è ben al di sopra dei 100 dollari. Ciò è continuato fino a gennaio 2023, quando ha iniziato a diminuire costantemente, secondo il mercato di riferimento olandese TTF. La guerra in Ucraina e le conseguenti sanzioni alla Russia hanno imposto severe restrizioni sul gas importato da quel paese, costringendo paesi come la Germania ad adattare le proprie fonti e strutture di approvvigionamento a una nuova forma di gas leggermente più complessa: il gas naturale liquefatto.

Dopo quasi due anni di guerra, la dipendenza dell’Europa dal gas russo è scesa dal 41% nel 2021 all’8% nel 2023, un numero significativo che riflette ancora il fatto che c’è ancora molto lavoro da fare. Ora, il gas in forma gassosa proveniente dalla Norvegia e dal Nord Africa (attraverso il gasdotto che collega l’Algeria all’Italia), e in forma liquida dagli Stati Uniti, che è diventato il più grande esportatore mondiale di gas naturale liquefatto, alimenta l’industria. Secondo l’Agenzia internazionale dell’energia, l’Europa importa il 46% del suo fabbisogno di GNL attraverso l’Atlantico tramite navi metaniere ad alta tecnologia. Questi recipienti devono mantenere sempre la temperatura del gas a -162°C.

READ  Bilance dinamiche globali Mercato 2022 Tendenze attuali e future, attori principali, segmenti di settore e previsioni regionali fino al 2031

Concessione iberica

Julio César Gutierrez, dell'Associazione spagnola del gas, difende questa fonte come energia di transizione verso la completa decarbonizzazione dell'economia europea, nonché la posizione vantaggiosa della Spagna in termini di lavorazione e stoccaggio del GNL. “La nostra geografia e il fatto che non siamo collegati all’Europa ha portato allo sviluppo di un’industria qui per riconvertire il gas liquido nella sua forma gassosa”, spiega Gutierrez. Quando il gas russo finì nel nord Europa, lo comprarono dalla Spagna per un po’, finché non cominciarono a costruire i propri impianti di riconversione. “La Germania ha costruito due terminali in tempi record e ha in programma di costruirne altri due o tre. “Hanno saltato sul carro del GNL perché è l'unica alternativa”, aggiunge l'esperto.

Ciò consente loro di importare GNL dagli Stati Uniti, accumulare riserve e utilizzarle nei momenti di maggiore necessità o quando le fonti rinnovabili non sono in grado di soddisfare la domanda energetica. Anche i prezzi dei megawattora sono diminuiti a causa dell'eccedenza di offerta accumulata quest'anno. Le temperature erano moderate, il fabbisogno di elettricità non era così elevato come nelle altre stagioni e le riserve – all'inizio di gennaio 2024 – hanno raggiunto l'80%, dopo aver raggiunto il 100% poco prima dell'inverno, secondo l'agenzia. ). Per quanto riguarda l’Europa, dopo lo shock dell’invasione dell’Ucraina, che ha portato l’elettricità a raggiungere prezzi esorbitanti nel 2022, ha accumulato quanto più possibile per evitare shock.

Ciò ha portato il prezzo a tornare ai limiti raggiunti prima della guerra. “Abbiamo già da un mese prezzi inferiori a 30 dollari per megawattora. Penso che si possa dire che i prezzi, se non completamente stabilizzati, sono molto vicini alla stabilizzazione, e questo è vero”, difende Jorge Morales, direttore di Specialized Media. Energia in arrivo. Nonostante la febbre dell’accaparramento, il gas non è la panacea in grado di realizzare la trasformazione ambientale di cui l’Europa ha bisogno. “Ha un soprannome naturaleMa non c'è niente di naturale in questo, e il metano rilasciato nell'atmosfera durante questo processo è 80 volte più inquinante dell'anidride carbonica, dice l'esperto.

READ  Corso di analisi tecnica di trading di CryptoSharks

È stata inoltre imposta la combinazione di gas naturale e fonti pulite. “Già da anni il gas naturale comincia ad essere visto come il partner ideale per le fonti energetiche rinnovabili. “Si utilizzano impianti a ciclo combinato in modo che quando scompare il sole o il vento e la produzione di energia diminuisce notevolmente, la combustione del gas viene utilizzata per soddisfare il fabbisogno popolazione in quel momento”. Morales però sostiene che questa strategia è superata e sta lasciando il posto a nuove tecnologie nel campo della produzione di batterie in grado di accumulare grandi quantità di energia. “Forniscono risultati straordinari, molto migliori delle centrali a gas”. Questo cambiamento è già chiaro: secondo l’Ember Analysis Center, nel dicembre 2023 in Europa l’energia eolica supererà il gas naturale come fonte energetica.

Crocevia americano

La battaglia del GNL si è spostata negli Stati Uniti, che nel dicembre 2023 ne hanno esportato 8,6 milioni di tonnellate, una cifra senza precedenti nella sua storia. La febbre del GNL sembra non avere limiti: sono previsti progetti del valore di 17 milioni di dollari per aumentare le sue capacità di esportazione. Una di queste infrastrutture, il già progettato Corridoio Calcasieu 2, sarebbe dovuta diventare il più grande terminal di esportazione del mondo – con un costo di 10 miliardi di dollari – finché Joe Biden, l'attuale presidente degli Stati Uniti, all'inizio di febbraio non ha frenato la costruzione di nuovi terminali. La decisione ha suscitato gioia tra i sostenitori dell’ambiente, che hanno esercitato forti pressioni a favore di questa misura.