Ottobre 3, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il giorno del parcheggio è arrivato: domina il parcheggio! | Regalo

Un’altra città è possibile. Un luogo in cui l’auto non è l’eroe per eccellenza. a qualsiasi spazio pubblico Lavorare per incontrare altri cittadini. Per un drink, per chiacchierare, per giocare a un gioco da tavolo… o semplicemente per condividere.

Questa è la premessa Parco (ji) oggi, Un’originale iniziativa che si celebra ogni 16 settembre, in cui i cittadini di tutto il mondo sono invitati ad occupare, per un giorno, i parcheggi che il resto dell’anno sono riservati ai soli veicoli privati, con l’obiettivo di farne uno spazio pubblico per divertimento e divertimento per tutti, che abbiano un’auto o meno.

L’idea, che coincide con l’inizio della Settimana Europea della Mobilità (SEM), è nata nel 2005 nella città di San Francisco (USA). Lì, un gruppo di attivisti che stava contemplando l’uso dello spazio pubblico nella loro città si è reso conto che le strade erano piene di metri quadrati e molto economiche rispetto al resto della città, i cui prezzi erano – e sono tuttora – tra le nuvole. Di fronte a tale disparità, hanno deciso di intraprendere un’azione che sembrava insignificante, ma che si è rivelata rivoluzionaria: pagare due ore di parcheggio e inserire erba artificiale e una panchina.

In effetti, Park(ing) Day è stato ispirato da un lavoro che è stato fatto molti anni fa, negli anni ’70. Fu allora che la cantante e artista americana Bonnie Ora Sherk decise di creare quello che lei chiamava giardini portatili, Oppure parchi portatili, che portano nelle strade poco trafficate della città spazi verdi effimeri, molto simili a quanto propone attualmente Park(ing) Day.

Oggi, divenuto un evento molto seguito in tutto il mondo, il Park(ing) Day non è più solo un’azione cittadina: molti grandi Comuni la promuovono attivamente, con l’obiettivo di Un invito a pensare Su come utilizziamo gli spazi pubblici.

La strada è di tutti

A Malaga, Assemblea ruote tonde (attenzione al ciclismo urbano e alla mobilità sostenibile) è una delle aziende più impegnate a celebrare con stile questa storia. Sì, domani sabato ci sarà più afflusso di persone. “Tra le attività che organizziamo nella Settimana Europea della Mobilità, il Park (G) Day consiste nel sottolineare l’importanza di distribuzione di luoghi pubblici, Restauro di spazi ceduti ad auto private, per uso e diletto collettivo”, spiega José Luis Martin, il suo presidente.

“È importante partecipare perché evidenzia la necessità di questi spazi per i cittadini della città”, aggiunge Jose Luis. I conducenti consapevoli lo presumono come gesto di vendetta più in città, mentre i conducenti egoisti lo considerano un ulteriore fastidio alla loro libertà di scegliere la modalità di pendolarismo, poiché cercano sempre di ottenere un parcheggio pubblico gratuito ovunque si trovino.

Carlos Montoya, anche lui parte delle Ruedas Redondas, parteciperà a questa edizione del Park(ing) Day. Nello specifico occuperanno due posti auto in Calle Lagunillas e, in collaborazione con Bar La Polivalente, organizzeranno Giornata della cultura. Spiega a El Eco de Los40: “Sarà un luogo in cui i cittadini possono incontrarsi, discutere, intrattenersi e divertirsi”.

“Questo è un progetto aperto a tutti”, aggiunge. L’obiettivo è mostrare l’enorme volume degli spazi pubblici destinati al parcheggio privato. quanti spazio disponibile Ci sarebbero nei paesi e nelle città se fossero destinati a scopi sociali e sostenibili? “, si chiede. “Abbiamo un disperato bisogno di luoghi all’ombra dove possiamo condividere le cose con i nostri vicini. La condivisione è in diretta! “.

READ  Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere terrà un panel al Comic-Con di San Diego, seguilo dal vivo