Novembre 27, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il peso chiude in perdita sul dollaro dopo il ritorno dell’avversione al rischio

21 ottobre 2021 | 14:15

Il Il peso chiuso con perdite vs dollaro Questo giovedì dopo il ritorno dell’avversione al rischio che ha colpito principalmente i mercati dei capitali, delle materie prime e dei cambi; Inoltre, permangono rischi al ribasso per l’attività economica globale.

Il dollaro interbancario ha chiuso la giornata a 20,3220 pesos, registrando una perdita dello 0,68% dal peso messicano, secondo i dati della Banca del Messico (Banxico).

In questo modo, il peso ha registrato la sua più grande perdita nei confronti del dollaro dal 29 settembre, quando ha chiuso in ribasso dell’1,04%.

Durante gli scambi giornalieri, il peso ha toccato un minimo di 20,1883 e un massimo di 20,3195 pesos per dollaro.

Nella vendita al dettaglio, il dollaro viene venduto per 20,82 pesos alle finestre Citibanamex, 10 centesimi in più rispetto a ieri.

L’indice del dollaro, che misura la performance della valuta rispetto a un paniere delle sei valute più scambiate, è salito dello 0,22% attestandosi a 93,76 unità.

Sebbene la maggior parte dei risultati trimestrali delle società negli Stati Uniti siano stati positivi, alcune società hanno riportato aumenti dei prezzi, a causa dell’aumento dei prezzi delle materie prime e dei costi di trasporto, in particolare il trasporto marittimo, ha affermato Banco Base in una nota.

Ciò contribuisce all’elevata avversione al rischio poiché l’aumento dell’inflazione aumenta le possibilità che le banche centrali inaspriscano le politiche monetarie in un momento in cui l’economia globale non si è completamente ripresa dall’impatto della pandemia.

negli Stati Uniti, Le richieste settimanali per l’indennità di disoccupazione sono diminuite di nuovo a metà ottobretoccando un nuovo minimo dell’epidemia dall’inizio dell’epidemia.

Nella settimana terminata il 17 ottobre, 290.000 persone hanno chiesto l’indennità di disoccupazione, secondo i dati del Dipartimento del Lavoro.

Sono invece riprese le attività della società immobiliare cinese EvergrandeDopo tre settimane di sospensione, registrando un calo durante la sessione asiatica del 12,54%, dovuto al fatto che la società ha indicato di non essere in grado di procedere alla vendita degli asset e potrebbe non adempiere ai propri obblighi finanziari.

Al momento, i mercati temono di confermare un default sul debito in scadenza a settembre, dopo un periodo di grazia di 30 giorni. Inoltre, altre società del settore immobiliare in Cina stanno affrontando difficoltà finanziarie, quindi le prospettive di crescita economica in quel paese potrebbero continuare a peggiorare.

Per quanto riguarda gli indicatori economici, l’Istituto Nazionale di Statistica e Geografia (ingegneria) Ha pubblicato i risultati dell’indagine mensile delle imprese commerciali (EMEC) che ha riportato che durante il mese di agosto il reddito delle vendite al dettaglio è rimasto invariato in termini reali rispetto al mese precedente, mentre il tasso annuo ha mostrato una crescita del 7,3%, come un risultato di quest’ultimo. La base di confronto nell’anno è molto bassa a causa dell’impatto dell’epidemia.

Le cifre mostrano che ad agosto 2021, le entrate al dettaglio sono inferiori dell’1,4% rispetto al livello di febbraio 2020, prima della pandemia.

Gli indici di Wall Street sono scambiati in ribasso giovedì mentre gli investitori esaminano i rapporti sugli utili e i dati del mercato del lavoro.

nelle materie prime, I prezzi del petrolio sono in perditaIn mezzo a un diffuso calo delle materie prime industriali.