sabato, Giugno 22, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

La Banca di Spagna avverte di un’economia debole e riduce le aspettative di crescita per il 2024 di quattro decimi all’1,8% | Economia

già visto. Il quadro del rallentamento dell’economia mostrato l’anno scorso si ripeterà nel prossimo futuro, quando si parlava di recessione tecnica ma alla fine la situazione è stata salvata dalla spesa pubblica e dal settore estero. La Banca di Spagna mette ancora una volta in guardia dai segnali di debolezza mostrati dall’attività nella seconda metà dell’anno, anche se questa situazione dovrebbe migliorare con l’avanzare del 2024 grazie all’aumento del reddito reale dovuto alla moderazione dei prezzi, alla ripresa del commercio e allo sviluppo delle politiche europee. investimenti del fondo. L’organo di vigilanza mantiene tuttavia la previsione di crescita per quest’anno al 2,3%. Tuttavia, questa performance peggiore nell’ultimo periodo dell’anno, che ha risentito dell’aumento dei tassi di interesse, dell’aumento dei prezzi dell’energia e del rallentamento dei partner commerciali, avrà un effetto a catena che spingerà l’istituzione ad abbassare le sue previsioni per quest’anno. Che esce in quattro decimi all’1,8%.

La Banca di Spagna spiega, nelle previsioni pubblicate martedì, che tra aprile e giugno il PIL è cresciuto leggermente meno del previsto a causa del calo delle esportazioni – l’Istituto Nazionale di Statistica ha pubblicato una crescita trimestrale dello 0,4% – e rileva di aver osservato “campioni di debolezza nei mesi estivi.” Sottolinea che, sebbene il periodo estivo sia preferibile, “il consumo sarebbe aumentato a un ritmo inferiore rispetto a quello osservato nel secondo trimestre”. Per sostenere la perdita di forza, egli fa riferimento ai sondaggi condotti tra i manager, noti come Purchasing Managers’ Index (PMI), che indicano una contrazione sia nel settore manifatturiero che nei servizi. La moderazione si evidenzia nelle affiliazioni alla previdenza sociale, il cui sviluppo è stato “nettamente inferiore” rispetto ai primi quattro mesi dell’anno. Sottolinea i sondaggi che conduce per le aziende, che rivelano un calo del volume delle vendite. Queste previsioni non includono la revisione INE pubblicata lunedì.

Nel periodo tra luglio e settembre, l’autorità prevede che la crescita raggiunga lo 0,3%, in parte grazie al turismo, e sottolinea che l’economia è condizionata da tassi di interesse elevati per un periodo più lungo e da un deterioramento dell’attività globale, soprattutto in Cina ed Eurozona. e l’aumento dei prezzi del petrolio e del gas. Pertanto, “le informazioni più recenti indicano un impulso di attività relativamente debole nell’ultimo trimestre dell’anno”, afferma.

READ  "La Spagna è il nostro mercato numero uno in Europa"

In generale, l’entità parla di un dinamismo contenuto e insiste che non sia troppo basso rispetto ad altri periodi di rallentamento. Dal 2024 in poi si prevede una maggiore forza, sostenuta principalmente da una ripresa del reddito reale e del settore estero. Tuttavia, l’inasprimento delle condizioni finanziarie, la moderazione del turismo una volta esaurita la ripresa dovuta al Covid e il ritiro degli aiuti pubblici contro la crisi energetica continueranno a fare progressi anche nel prossimo anno. In particolare, l’autorità di vigilanza sottolinea il ruolo della politica monetaria una volta completato il suo trasferimento, che aumenta l’onere finanziario per chi ha debiti, limita il credito e aumenta il costo di nuove operazioni e rifinanziamenti.

Forza del mercato del lavoro

Tuttavia, la Banca di Spagna contestualizza la situazione e allo stesso tempo ricorda la forza del mercato del lavoro. Non solo in Spagna, ma in tutta Europa: mentre il PIL dell’Eurozona è cresciuto solo dello 0,2% nella prima metà dell’anno, l’occupazione è aumentata dell’1%. Questo ritmo sostenuto rispetto alla produzione è dovuto, secondo la banca, a due ragioni. La prima è il peso maggiore dei servizi, che impiegano un numero maggiore di lavoratori rispetto all’industria. In secondo luogo, il contesto di un elevato tasso di posti vacanti, che spinge le aziende a trattenere un numero maggiore di dipendenti, anche in un periodo di rallentamento, considerato modesto e temporaneo. Il rapporto conclude che, nonostante il rallentamento del mercato del lavoro in Spagna iniziato a maggio e continuato fino al terzo trimestre, questa flessibilità occupazionale dovrebbe aiutare l’economia spagnola a resistere.

Nonostante il rallentamento dell’attività, l’autorità di vigilanza sottolinea anche il maggiore dinamismo dell’economia spagnola rispetto a quella europea. Ciò è dovuto in gran parte alla composizione settoriale: all’importanza del turismo e dell’ospitalità in Spagna, che è aumentata significativamente dopo la pandemia, e al minor peso del settore manifatturiero, che è proprio quello che soffre della crisi energetica e dei tempi di inattività. Per il commercio globale. Anche la ridotta esposizione delle esportazioni spagnole verso la Cina ha un impatto. Inoltre, come evidenzia il rapporto, i settori che consumano più energia e che mostrano la maggiore vulnerabilità resistono meglio in Spagna che in paesi come la Germania, forse perché hanno avuto meno problemi dovuti alla carenza di approvvigionamento perché non sono dipendenti sulla Russia.

READ  Le previsioni stimano che l'economia cresca al 3%.

Anche la crescita della popolazione avrà un impatto positivo sull’attività. Nell’ultimo anno e mezzo il loro numero è aumentato di 700.000 persone solo a causa dei flussi migratori. La banca afferma che questi espatriati favoriranno l’aumento della popolazione attiva e il dinamismo del mercato del lavoro.

Sebbene gli aumenti salariali concordati nell’accordo siano moderati, pari al 3,4% per il 2023 e al 4,3% negli accordi appena firmati, il costo del lavoro aumenta più fortemente, avverte la Banca di Spagna. Le ragioni sono il significativo aumento dei contributi sociali, del 7% nella prima metà dell’anno, e salari più alti rispetto agli accordi, in quei settori dove compaiono segnali di carenza di manodopera. Tuttavia, le informazioni disponibili indicano che la maggior parte degli aumenti salariali sono in linea con quanto concordato tra gli operatori sociali, il che allevia in qualche modo le preoccupazioni della banca sui cosiddetti effetti di secondo impatto. Dopo una forte ripresa nel 2022, Supervisor prevede che la crescita dei margini aziendali ritorni alla normalità, supportata dai primi dati per il 2023 e in parte dovuta all’aumento dei costi del personale che dovranno affrontare.

Alta inflazione

Nel breve termine, l’inflazione complessiva è in ripresa a causa dell’aumento dei prezzi del petrolio e l’impatto statistico del calo dei prezzi del carburante verificatosi nell’ultima parte del 2022 si conclude, raggiungendo un massimo del 5% sui tassi annuali a metà del prossimo anno. Inoltre, il ritiro degli aiuti pubblici contro la crisi energetica farà sì che l’IPC aumenti leggermente nel 2024 – e i prezzi dell’energia potrebbero aumentare fino al 25% nella primavera successiva al ritiro, il che suggerisce che ciò potrebbe accadere nel 2024. modo graduale per evitare quel salto. Escludendo condizioni meteorologiche avverse – vedi petrolio e alcuni tipi di frutta e verdura – il costo del cibo diminuirà nei prossimi trimestri mentre diminuiscono i prezzi dell’energia e dei fertilizzanti. La banca si aspetta un graduale rallentamento dei prezzi dei prodotti non energetici una volta completato il processo di conversione dell’aumento dei prezzi degli input in prezzi finali. Anche se questo percorso di moderazione ha rallentato l’inflazione di fondo a causa del bel tempo, dell’aumento della domanda di svago e ospitalità e dell’aumento dei costi del personale. Come risultato di queste forze, l’indice spagnolo allineato all’euro registrerà una varianza media del 3,6% nel 2023 (quattro decimi in più rispetto all’ultima previsione ma ben al di sotto dell’8,3% registrato lo scorso anno); Il tasso salirà al 4,3% nel 2024 (sette decimi in più), per scendere all’1,8% nel 2025.

READ  Il benefattore della piattaforma Crypto vuole aiutare Musk ad acquistare Twitter

Per quanto riguarda i rischi, la banca spiega che gli effetti dell’inasprimento della politica monetaria sono difficili da calibrare e potrebbero portare a scenari di maggiore debolezza dell’attività e dei prezzi. Inoltre, non esclude l’ipotesi opposta: il radicamento dell’inflazione. Se questo numero rimane elevato, potrebbero esserci più richieste e commenti di stipendio. Riconosce la possibilità che il deterioramento dell’economia cinese sarà più profondo del previsto. Sottolinea che il complesso contesto geopolitico può anche costituire molteplici fonti di instabilità. Per quanto riguarda la situazione politica in Spagna, gli indicatori di incertezza utilizzati dalla Banca sono al minimo e non danno alcuna indicazione di rischio.

Segui tutte le informazioni Economia E un lavoro In Facebook E Twittero nel nostro Newsletter settimanale

Programma dei cinque giorni

Le quotazioni economiche più importanti del giorno, con chiavi e contesto per comprenderne la portata.

Ricevilo nella tua email

Desideria Zullo
Desideria Zullo
"Educatore generale della birra. Pioniere del caffè per tutta la vita. Sostenitore certificato di Twitter. Fanatico di Internet. Professionista dei viaggi."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles