Febbraio 28, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Bolivia rispetta la Decisione sulla Giustizia Andina sul Carburante

La Bolivia rispetta la Decisione sulla Giustizia Andina sul Carburante

“La misura che adottiamo è strettamente coerente con quanto stabilito nella sentenza, perché i vettori con targa straniera non pagheranno più un prezzo più alto rispetto ai vettori con targa boliviana, che prestano i loro servizi sotto registrazione e licenza nella normativa regolamentare quadro della CAN”, ha affermato l’autorità.

Nel luglio dello scorso anno, la Corte di Giustizia della CAN si è pronunciata a favore del Perù, ordinando alla Bolivia di “cessare la condotta dichiarata in violazione” a causa della differenza nel prezzo del carburante tra i veicoli boliviani e quelli boliviani con targa internazionale. Come quelli del Perù.

La sentenza ha ordinato l'adattamento della legislazione boliviana all'ordinamento giuridico della comunità, per cui lo Stato Plurinazionale aveva tempo fino al 19 gennaio di quest'anno per modificare la sua regolamentazione nel settore degli idrocarburi.

In risposta, giovedì il governo boliviano ha emanato il decreto supremo (DS) 5106 che definisce la commercializzazione di carburanti liquidi destinati a “veicoli con targhe nazionali e/o straniere”.

La normativa specifica che l'imposizione di tariffe per i mezzi “utilizzati nel trasporto internazionale di passeggeri su strada e nel trasporto internazionale di merci su strada, autorizzati e registrati nel quadro normativo della Comunità andina, sarà effettuata in conformità con il prezzo internazionale stabilito dall’Agenzia Nazionale per gli Idrocarburi (ANH)”.

Secondo Sales, con questa determinazione, la Bolivia smette di “violare i principi del trattamento nazionale di non discriminazione e di libera concorrenza” e dimostra il suo impegno nell’armonizzare le norme giuridiche interne con i principi del diritto internazionale.

Ai sensi della DS 5106, il Ministero degli Idrocarburi e dell'Energia, attraverso l'Autorità Portuale Nazionale e in coordinamento con il Ministero dei Lavori Pubblici, attraverso la sua Agenzia del Ministero dei Trasporti, emanerà, entro un termine massimo di 30 giorni, i relativi regolamenti a rispettare quanto segue: Stabilito nella sentenza.

READ  La prima donna afroamericana entrerà nella storia della Corte Suprema degli Stati Uniti

Sales ha dichiarato in una conferenza stampa che il suo ufficio ha presentato venerdì un documento informativo sull'operato dello Stato boliviano insieme ad una copia del DS 5106 per l'analisi della Corte di Giustizia della CAN.

lam/jpm