giovedì, Giugno 13, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

L’astronauta spagnolo Frank Rubio ha recuperato quasi al 100% dopo una passeggiata spaziale da record

Los Angeles (USA), 13 ottobre (USA) – L’astronauta salvadoregno-americano Frank Rubio ha dichiarato venerdì che, a parte il mal di schiena, si sente guarito quasi al “100%” in meno di tre settimane dal suo ritorno. Sulla Terra dopo un volo spaziale . Registrazione di 371 giorni consecutivi sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS).

Durante una conferenza stampa al Johnson Space Center della NASA a Houston, in Texas, Rubio, 47 anni, ha detto di sentire ancora qualche fastidio alla parte bassa della schiena e ai piedi.

La salute e il recupero di Rubio hanno suscitato grande interesse perché è l’astronauta della NASA che trascorre più giorni nello spazio e la sua esperienza aiuterà a preparare i piani futuri per tornare sulla Luna e raggiungere Marte.

L’astronauta, che è un medico, ha ammesso di aver avuto paura del condizionamento subito all’arrivo, in particolare di come il suo corpo rispondeva alla gravità. “Non appena siamo atterrati, il mio corpo si è reso conto che eravamo a terra e che non avrebbe più galleggiato”, ha spiegato.

Dopo alcuni giorni riuscì a dormire bene e non ebbe problemi con la dieta.

Ha anche riconosciuto che il suo stato mentale è molto buono, grazie al sostegno che ha ricevuto dai suoi colleghi della ISS, dal team della NASA, dalla sua famiglia, dagli amici, dalla comunità e dalla “fede” che ha mantenuto durante tutto questo tempo.

Lo spagnolo ha detto che ciò che gli è mancato di più durante il suo anno lontano dalla Terra è stato uscire e godersi la natura. Durante questo periodo lo ha anche aiutato ad apprezzare “quanto sia unico” questo pianeta.

READ  Google si sta riarmando nella battaglia dell’intelligenza artificiale con Gemini

“Ci permette di apprezzarlo e di dire che dobbiamo prendercene cura e dobbiamo prendercene cura in modo da garantire che i nostri figli e nipoti abbiano un grande futuro”, ha detto.

Rubio è stato costretto a restare sei mesi in più del previsto. L’astronauta, nata a Los Angeles da madre salvadoregna, è partita il 21 settembre 2022 a bordo della navicella spaziale Soyuz MS-22, e il ritorno era inizialmente previsto per marzo 2023.

Ma a metà dicembre dello scorso anno, l’agenzia spaziale russa Roscosmos ha rilevato un malfunzionamento nel sistema di raffreddamento dello scafo esterno della nave a causa di una collisione micromoide, che ha costretto il ritorno dell’astronauta a essere rinviato e a rimanere sul posto. Nello spazio, la Stazione Spaziale Internazionale ha quattro equipaggi diversi e due record al suo attivo.

Ammette che era “difficile” sapere che avrebbe perso sei mesi di prove con la sua famiglia, ma la sua formazione militare e la sua esperienza lo hanno aiutato: “Sai di avere una missione e un lavoro da svolgere e devi concentrarti”.

Ha affermato che la cosa importante era “concentrarsi sul compito e decidere che lo farò con il miglior comportamento possibile”.

Parte di quella forza psicologica l’ha ereditata anche da sua madre, Mirna Argueta, che vive in El Salvador, da sua moglie Deborah, dai suoi quattro figli e dalla comunità spagnola, che lo ha sostenuto dandogli “resilienza e forza”.

Riconosce anche la responsabilità di rappresentare El Salvador e la sua comunità ispanica. “È un grande onore rappresentare non solo il nostro Paese, ma anche la nostra comunità e, come ho sempre detto, sono uno dei primi, non l’ultimo, ispanici che continueranno a far parte della storia”.

READ  Sindaci e sindaci della Santa Fe peronista hanno creato il proprio spazio

L’astronauta ha sottolineato che i sei mesi trascorsi sulla Stazione Spaziale Internazionale gli hanno permesso anche di portare avanti i suoi esperimenti scientifici.

“Ho imparato dai miei errori e sono diventato più efficiente”, dice del suo secondo semestre in orbita. “Penso che ogni informazione che riceviamo (da questa missione) sia importante perché dobbiamo prepararci per andare sulla Luna o su Marte”, ha detto. Evie

amv/ims/rrt

(immagine)

Desideria Zullo
Desideria Zullo
"Educatore generale della birra. Pioniere del caffè per tutta la vita. Sostenitore certificato di Twitter. Fanatico di Internet. Professionista dei viaggi."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles