Ottobre 3, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Italia di Draghi è il secondo Paese Ue a combattere la crisi energetica

Laura Serrano Conte

Roma, 5 sett. L’Italia di Mario Draghi, che ha speso quasi 50.000 milioni di euro nell’ultimo anno, è il secondo Paese dell’Unione Europea (Ue) a stanziare più fondi per combattere l’aumento dei prezzi dell’energia e sta preparando nuovi aiuti nella parte finale del suo governo. I partiti, durante tutta la campagna elettorale, hanno proposto ricette molto diverse per affrontare l’inverno.

Complessivamente, l’UE ha speso oltre 278.000 milioni di euro, guidata da Germania (60.200 milioni di euro) e Italia (49.500 euro), secondo uno studio del think tank Bruegel di Bruxelles.

In relazione al Prodotto Interno Lordo (PIL), l’Italia è cresciuta del 2,8% ed è il terzo Paese dopo la Grecia (3,7% -6.800 milioni-) e la Lituania (3,6% -2.000-). La Spagna ne ha stanziati 27.300, il 2,3% del PIL e la Germania l’1,7%.

“L’Italia non poteva fare molto, dovevamo tenere conto dei limiti che abbiamo in termini di debito pubblico”, che nel 2021 supererà il 150% del PIL – solo dietro la Grecia (189%) nell’Ue-, ha spiegato a Effe Angelo. Daraborelli è professore di energia e cambiamenti climatici alla Lewis University di Roma.

“Ora la Russia deve prepararsi per l’inverno se taglia le sue esportazioni di gas. La Spagna è in una posizione migliore perché riceve gas dall’Algeria e ha una grande capacità rinnovabile, il che le conferisce uno stato più calmo”, ha aggiunto. .

Più aiuto lungo la strada

L’aumento dei prezzi dell’energia derivato dalla guerra in Ucraina e la dipendenza dell’Unione Europea dal gas e dal petrolio di Mosca hanno messo sotto controllo le economie del vecchio continente, in questo senso il governo dell’economista Mario Draghi ha cercato di alleviare famiglie e aziende in difficoltà .

READ  Distruggi i monumenti in Italia sulla nave Maserati

Ora sta finalizzando un nuovo ordine di aiuti che potrebbe raggiungere gli 8.000-10.000 milioni di euro nel quarto trimestre, quando si teme che la situazione economica possa peggiorare con l’arrivo dell’inverno e la riduzione delle esportazioni di gas da parte della Russia.

L’Italia era una delle ventisette persone più dipendenti dal gas di Mosca prima di febbraio, acquistando il 40% delle forniture annuali, ma da allora è alla ricerca di fornitori alternativi e ora rappresenta meno del 20%.

Le riserve di gas dell’Italia sono all’82% e l’obiettivo è che raggiungano il 90% ad ottobre, che per Taraborrelli è “un motivo di tranquillità ma non garantisce sicurezza per l’intero sistema” se la Russia cancella le sue esportazioni.

Il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, ha recentemente espresso un parere simile, sottolineando che “questo significherebbe la chiusura di quasi un quinto dell’industria italiana”.

Obbligazioni e tasse sull’energia

Quasi 50.000 milioni di euro dall’Italia per combattere questa crisi energetica hanno contribuito a fornire sussidi a famiglie e PMI, ma anche a congelare i cosiddetti “oneri fissi” del sistema sulle bollette energetiche.

Ha ridotto al 5% l’IVA sulle bollette del gas, consentito il pagamento delle rate, facilitato l’accesso ai prestiti per le aziende elettrointensive e approvato un bonus di 30 centesimi al litro sul prezzo della benzina. , diesel, metano e GPL, saranno in vigore fino al 5 ottobre.

Per evitare di aumentare il suo già ingente debito pubblico, l’Italia ha utilizzato i proventi della vendita all’asta dei diritti sulle emissioni di gas serra e una tassa sui profitti imprevisti delle società energetiche, salita al 10% a marzo e al 25% a maggio.

READ  Italia: il senatore fraudolento eletto in Argentina potrebbe imporre modifiche al referendum dall'estero | La denuncia contro Adriano Carrio ha provocato una guerra politica

Ricette per l’inverno

L’inverno sta arrivando mentre l’Italia si avvicina alle elezioni generali del 25 settembre e ogni partito ha i propri piani per affrontare la situazione.

I fratelli di estrema destra Italia e Lega e il conservatore Forza Italia e la coalizione di destra favorita dai sondaggi dovranno sostituire fino a 30.000 milioni di euro di spesa pubblica.

Il Partito Democratico Progressista (PD) si impegna a limitare i prezzi delle bollette ea raddoppiare le tasse sugli utili straordinari delle compagnie energetiche; Il Movimento 5 Stelle (M5S) ha sostenuto che la tassa dovrebbe essere estesa ad altri settori che hanno beneficiato della pandemia, compresi assicurativo e prodotti farmaceutici.

Al momento, il governo in carica sta valutando l’approvazione di un programma di risparmio energetico che ridurrà la temperatura dei radiatori di un grado – da 20 a 19 nei prossimi giorni e funzionerà un’ora in meno al giorno. EFE

lsc/sig/mj

(Fonti di file su www.lafototeca.com: codice di riferimento, 13942778, 14230209 e altri)