Aprile 16, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Italia è una terra ostile per Marc Marquez

L’Italia è una terra ostile per Marc Marquez

La sua unica vittoria in MotoGP risale al 2014, quando Ducati chiude la porta al suo acquisto, e ha già due incontri con Viñales e Bagnaia, il vincitore della ‘print race’ di questo fine settimana.

L’Italia sembra un territorio particolarmente ostile Marco Marquez. Sei volte campione del mondo in MotoGP, gareggiando nella massima divisione del motomondiale, è riuscito a vincere una sola volta sul circuito del Mugello. Una vittoria prima del 2014, che si è aggiunta alle vittorie in 125cc e Moto2 rispettivamente nel 2010 e nel 2011. Dal 2014, negli ultimi 21 anni, gli è sfuggita più volte la vittoria nel Gran Premio, che ha avuto due grandi dominatori nella classe regina: Valenti Rossi E Giorgio Lorenzo. Il primo ha fatto tesoro di sette vittorie consecutive, mentre il secondo è riuscito a ottenere sei vittorie, cinque delle quali consecutive.

Dalla loro introduzione nel 1991, Honda e Yamaha si sono distinte come le protagoniste. A partire dal 2017, nonostante una breve pausa con il successo del marchio Tuning Fork nel 2021 Fabio Quartararo Per i manubri, la Ducati l’ha presa sul serio. Ora, questo marchio italiano domina il meglio di un campionato del mondo. Le sue macchine sono eccellenti, quindi non sorprende che Lorenzo preveda che Mark ne controllerà una in un futuro non troppo lontano. Qualcosa a cui, per ora, il CEO del brand ha chiuso le porte, Claudio DominicaliCon un’affermazione terribilmente forte.

“Marc Marquez è un talento straordinario, non ha bisogno di dimostrare nulla, sta facendo bene, ma la Ducati trae la sua forza dal lavorare con i suoi piloti, con il senso della famiglia. I risultati si dimostrano giusti per noi e lo faremo continuiamo così”, ha detto qualche giorno fa Sky Sport Italia. Per ora i suoi due piloti, pecco bagnaiaCampione del mondo in carica e leader della Coppa del mondo in carica, e Marco BessecchiCon 106 e 102 punti rispettivamente, la Spagna è in lizza per vincere il titolo quest’anno. Giorgio MartinoIn gara con una delle sue cavalcature al terzo posto, a 15 punti dal secondo classificato.

READ  L'Indonesia supera l'India per numero di casi di virus corona, stabilendo un nuovo centro di epidemia

Bagnaya, vincitore A Gara sprint Leggermente sconnesso, questa domenica partirà dalla pole position al Mugello, con Marc Marquez secondo e suo fratello Alex Terzo. Che l’Italia porti spesso cattive vibrazioni all’anziano Marquez è stato dimostrato dai suoi due scontri sia con il leader in carica della Coppa del Mondo che con il suo compagno di squadra. Maverick Vinales Per tutto questo fine settimana. In entrambi i casi, per il suo modo di cercare una scia per provare a migliorare le opzioni della sua Honda. In effetti, l’italiano, infatti, a quanto pare ha fatto una brutta apparizione durante l’allenamento questo sabato quando si è sentito ferito quando è stato lanciato.

“Non capisco la sua rabbia perché non l’ho fermato. Infatti la mia intenzione era quella di staccare perché aveva un giro veloce per poter continuare il giro, ma ha deciso di arrabbiarsi e, ovviamente, se aveva buttato quel giro che non avrei seguito. Lui, perché sono uscito dai box. Ma, alla fine, la sua rabbia mi ha aiutato a prendere la scia e rimanere in quella prima fila”, ha ammesso Marc Marquez dopo le prove. Con il suo secondo posto in griglia, ovviamente, Faranno fatica a lasciare l’Italia con buoni sentimenti. La scelta per realizzarlo è nelle tue mani. Di nuovo, in territorio apparentemente ostile.

Secondo il criterio di

Schema fiduciario

Saperne di più