Marzo 4, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Lo spazio della sinistra deve essere ampliato per presentare un progetto politico utile ai cittadini”.

“Lo spazio della sinistra deve essere ampliato per presentare un progetto politico utile ai cittadini”.

Il 21 ottobre, Toni Morillas (Torridongimino, 1982) è diventata la prima donna presidente della Federazione Internazionale di Malaga, in sostituzione di Guzmán Ahumada, che si è dimessa quando gli mancavano due anni per completare il suo mandato. L’attuale portavoce di Con Málaga nel Consiglio della Città Metropolitana ha creato una leadership dal carattere femminista e affronta sfide come il rafforzamento dei caucus di sinistra e l’offerta di un’alternativa al Partito Popolare dominante nella provincia.

-La posizione di Coordinatore Generale era quella che ti aspettavi?

-Non mi aspettavo. Ho la fortuna di guidare un’organizzazione con una lunga storia nella contea, con implementazione regionale e istituzionale, e siamo stati in grado di mettere insieme un team di gestione desideroso di affrontare alcune delle sfide che ci attendono: migliorare e rafforzare le terre dell’Università dell’Indiana; Mettere in atto un processo politico che ci consentirà di essere in condizioni migliori per le elezioni municipali del 2027 e di porre la centralità dell’azione politica nella mobilitazione e nella lotta sociale.

– Quale contributo può apportare il tuo profilo politico alla leadership della Federazione Internazionale?

– Il mio contributo è un impegno militante verso un progetto fine a se stessoUna politica che aspira ad aprire la strada alle trasformazioni economiche e sociali di cui il nostro governatorato ha bisogno.

– Quali obiettivi ti sei prefissato?

La sfida principale per la sinistra trasformativa è riuscire a trovare formule di cooperazione tra le varie organizzazioni che fanno parte di questo spazio, permettendoci di espandere lo spazio della sinistra trasformativa nel governatorato e presentare una proposta politica utile per la sinistra trasformativa. Sinistra. Le persone stanno lavorando duro e ci stanno mettendo in buone condizioni per competere per i governi locali nel 2027.

READ  God of War arriva su PC e Cory Barlog parla dei motivi per cui Sony ha preso questa decisione | PS5 | Playstation | consolle | lanciare | gioco sportivo

– Si parla molto di stare insieme, ma quando ciò viene raggiunto sorgono controversie e controversie interne. L’impressione è che non riescano a trovare stabilità.

– I processi di convergenza in cui ci troviamo ora devono essere eredi dell’apprendimento dei processi di convergenza da cui proveniamo. Questa volontà di convergenza della sinistra non è priva di contraddizioni e difficoltà. Al momento ci sono due edifici principali. Il primo riguarda il riconoscimento reciproco delle organizzazioni e ciò che rappresentiamo nella regione. L’altro riguarda la convinzione che quando generiamo spazi di lavoro unificati da elementi su cui siamo d’accordo, abbiamo un maggiore potere di trasformazione e siamo più forti. Pertanto, il processo di aggregazione in atto, che deve essere alimentato, coccolato e lasciato bollire, deve essere in grado di facilitare la convivenza delle diverse e pluralistiche organizzazioni politiche di cui fa parte, e deve anche favorire e rafforzare un’intera comunità sociale. . La diffusione consente l’eroismo popolare per il progetto politico.

Morillas, durante l’intervista tenutasi nel Municipio Metropolitano, dove ricopre la carica di consigliere comunale.

Salvador Salas

– Riuscirà il marchio Somar a raccogliere questo movimento di confluenza dopo anni di cambi di nome che hanno ingannato i suoi elettori?

– Sommer e le organizzazioni che fanno parte della coalizione sono riusciti a realizzare qualcosa che in qualche modo ha rotto il copione scritto per 23-J e che ha iniziato a erodere il dominio dell’UDC. Ora dobbiamo costruire questo spazio e aspiriamo affinché SUMAR diventi uno spazio politico pluralistico e diversificato, con meccanismi che facilitino il processo decisionale democratico, costruisca programmi politici in modo democratico e, soprattutto, debba avere la capacità di essere capace di parlare a tutte le persone che si organizzano per difendere l’istruzione o la salute pubblica e di essere uno strumento utile non solo per difendere un programma politico che permetta la tutela, la difesa e la cura dei servizi pubblici, del buon impiego e della trasformazione della società. Un modello produttivo, ma anche uno spazio utile all’organizzazione popolare.

– Le differenze all’interno di Somar con Podemos possono influenzare il livello provinciale nelle istituzioni in cui condividono un incontro?

Abbiamo un ottimo rapporto con tutte le organizzazioni in campo politico. A Malaga, tutte le forze politiche che fanno parte dello spazio hanno l’impegno e la convinzione di coltivare l’alleanza a livello provinciale e crediamo nella logica di promuovere un processo politico congiunto in cui avviare la disputa egemonica del paese. PP a Malaga.

Nello specifico, il PP conserva oggi la quota maggiore di potere a Malaga. In questo senso, oltre ai vantaggi per i popolari, quale responsabilità ha la sinistra perché questa situazione si verifichi?

La responsabilità più grande che avremmo potuto assumerci, e che deve essere il punto di partenza per pensare al futuro, è la nostra incapacità di tradurre lo stato di incertezza e disagio che esiste tra i cittadini in un progetto politico che ispiri speranza. C’è una progressione di posizioni politiche reazionarie a livello sociale che si esprime nel fatto che nella nostra provincia abbiamo il primo governo locale governato dal partito Vox (a Mijas) e si esprime anche in quella deriva “trumpiana” della politica. Il partito popolare è il luogo in cui finisce per attuare la retorica della negazione o l’agenda della negazione che l’estrema destra mette sul tavolo.

Il ruolo della sinistra nel conservatorismo

– Se si guardano i dati, l’impressione è che la sinistra non stia ottenendo i massimi risultati in termini di conservatorismo, perché pensi che ciò sia dovuto a questo?

L’elemento centrale è la mancanza di capacità politica di tradurre queste turbolenze sociali in un progetto politico di speranza, ed è a questo che dobbiamo dedicarci, anima e corpo, nel prossimo periodo. Credo che nella provincia di Malaga, dal giorno delle elezioni generali del 23 luglio, il predominio del PP abbia cominciato a erodersi. C’è un disordine sociale latente che si sta già esprimendo sotto forma di conflitto e mobilitazione sociale nella sanità pubblica e nell’istruzione pubblica… Il nostro ruolo è quindi quello di tradurre questi disordini in un’organizzazione sociale e in un progetto politico che protegga il pubblico. Servizi e garanzie sono linee strategiche che ci offrono un futuro pieno di speranza nel nostro governatorato.

– Cosa chiede l’IU al nuovo governo di Malaga?

– Porre al centro l’agenda dei diritti umani e continuare ad approfondire il progresso dei diritti sociali, del lavoro e delle donne. Un’agenda che mira ad affrontare il problema principale della nostra provincia, ovvero le disuguaglianze a livello sociale ed economico, e che riguarda anche le politiche di accesso agli alloggi e che continua ad approfondire tutto ciò che ad essa è correlato. Questa nuova generazione di diritti femministi e diritti dei gay.

Lavoreremo per rendere presto il treno costiero una realtà perché è una necessità”.

– Farai pressione sui tuoi ministri affinché pongano il veto al progetto della torre portuale?

Il Mina Hotel non è un progetto che risponde all’interesse pubblico della città, e quindi non c’è abbastanza motivazione per cambiare la classificazione del terreno per la realizzazione di questo progetto. È anche il simbolo di un modello di città che non condividiamo. Naturalmente sottoporremo la questione al nostro gruppo congressuale e faremo tutto quanto in nostro potere affinché questo progetto non vada avanti.

– È favorevole alla riqualificazione da parte del governo del terzo quartiere della regione orientale?

Crediamo che dovrebbe esserci una discussione tra tutti i dipartimenti e anche con i residenti su come affrontare i trasporti nella regione orientale e che dovrebbe includere anche la questione della metropolitana e non solo la questione della terza corsia. .

– Promuoverete il progetto di estensione del treno costiero?

Continueremo quello che abbiamo fatto finora, cioè promuovere e lavorare affinché il treno costiero diventi una realtà e potrebbe esserlo molto presto, perché di fatto è una necessità e un conto in sospeso con questo governatorato.