Aprile 24, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Mostra di Emma Molina e il suo spazio temporaneo a Madrid

Mostra di Emma Molina e il suo spazio temporaneo a Madrid

Conoscenza della presenza del personaggio famoso Galleria Emma Molina Da Monterrey (Messico) per la prima volta con uno spazio effimero in Calle Belen, n. 2, a Madrid, Arte con eccellenza Intervista l'esperto su questa iniziativa e prova Periodi di identitàè disponibile fino al 17 marzo nella capitale spagnola.

Come si è adattata la Galleria Emma Molina alla scena madrilena in questo spazio effimero e in che misura progetti di internazionalizzazione di questo tipo contribuiscono all'arte contemporanea e in particolare all'arte in cui ti trovi. Difesa?

Quando una galleria viaggia, che sia negli Stati Uniti, in Messico o in Europa, cresce molto nell’esperienza di mercato e, soprattutto, nell’esposizione degli artisti a livello internazionale. Fa parte di ciò che stiamo cercando di ottenere in questo modo. Sono viaggi che fanno crescere molto l'artista a partire dalla percezione che ha di sé e, soprattutto, fa esperienza, prende quel coraggio buttandosi fuori e affrontando un altro pubblico che non è il suo pubblico naturale. Essere a Madrid, in questo spazio temporaneo, dà una dimensione enorme alla loro sicurezza creativa e alla visibilità come artisti. Ci rendiamo conto che i risultati non sono immediati e che dobbiamo sempre lavorare per ottenerli nel lungo periodo.

Quali sono le caratteristiche della mostra collettiva “Identity Breaks”? Gli artisti partecipanti – Alex Hank, Carlos Lara, Luciano Matos, Guillermo Santamarina, Miguel Soler Roig, Alba Soto e Mónica Mora – hanno stili e opere molto diversi, sebbene lo spazio sia visto come un filo conduttore. Integrazione di molteplici punti di vista e riferimenti culturali complessi?

Incorporare 5 artisti completamente diversi allo stesso tempo è stato molto conveniente nello spazio che abbiamo potuto ottenere. Se ci fossero più artisti sarebbe sicuramente impossibile. Lo spazio fa la differenza tra ciascuno di essi, perché consente l’individualità e li rende relativamente isolati gli uni dagli altri. Volevamo mostrare ciò che per noi è più interessante della scena di Monterey. Ma non sono gli unici, ci sono molti artisti meritevoli in Messico, per i quali francamente abbiamo bisogno di un grande museo. Qui abbiamo potuto farlo grazie alle proprietà dello spazio che ci permettono una certa distanza gli uni dagli altri. Penso che parlino tra loro con molta calma e abbiamo realizzato una collezione che rappresentava ciò che stavamo facendo dopo 25 anni come galleria.

READ  Incontra il team dietro Innovative Gaming Monitor - Samsung UK Newsroom

Alex Hank. 1952119209114-K2023. Carboncino su fogli di betulla

Che rapporto avrà con gli spettacoli?

Le offerte sono un incidente intenzionale. Ci siamo resi conto che c'è produzione, non che in Messico non ci sia produzione, ma che quello che abbiamo visto a Madrid è molto più interessante e intenso.

Grazie alla nostra amica curatrice Neria Orbito, abbiamo potuto realizzare questo trio di donne che esprimono un modo di agire e di esibirsi. È molto diverso da quello a cui siamo abituati ed era il seguito che ci serviva in uno show che all'epoca era ancora, per così dire, a metà. Penso che questa parte della loro offerta porti un ulteriore complemento a ciò che esponiamo sulle pareti.

Quali sono le tue aspettative per questa mostra durante l’Art Week? Quali vantaggi vede alla luce dell'apertura permanente della mostra a Madrid?

Il nostro obiettivo nel scegliere Art Week per presentarlo è quello di poter contribuire alla scena culturale di Madrid con una nuova proposta e che il pubblico possa accedere allo spazio, incontrare gli artisti e venire a vedere la performance… Noi ne sono molto, molto felice, è riuscito a combinare molti elementi, che si sono riuniti in brevissimo tempo come se fosse naturale.

Ci siamo sentiti molto supportati durante l'intero processo. Mi è sempre sembrato che venire in Spagna sia come venire a casa mia, e spero che tutti si sentano allo stesso modo quando vanno lì e quando hanno accesso alla mostra che abbiamo lì, che è anche molto attiva, a Monterrey Nuovo Leon.

Nella prima pagina: Carlo Lara. Paesaggi del XX secolo e paesaggi indigeni, 2024 dalla serie Crying Paintings. Acrilico e birra.

READ  Una nuova patch di Cyberpunk 2077 risolverà i bug più comuni la prossima settimana