venerdì, Giugno 21, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Nairo Quintana: “Avevo paura di partecipare al Giro”

Allunga la mano e bacia il santo. Questo è ciò che ha ottenuto Nairo Quintana (34 anni, Competa) Nel 2014 Alla sua prima partecipazione a l’Italia gira, Un’edizione nella quale ha conquistato la maglia rosa come uno dei più grandi giovani talenti al mondo. Ora la situazione è molto diversa. Dopo aver superato un infortunio sulla sirena, ha quasi messo fine alla partecipazione del colombiano Ritorna alla Corsa Rosa dopo sette anni (Allora era secondo a Tom Dumoulin), Nessuna aspirazione Affronta il generale ma con A Carica emotiva Ciò che conta dopo il vuoto del 2023: il ritorno ad una meravigliosa rimonta a colori Movistar. Di questa nuova sfida Nero ha parlato con AS.

—Come ti senti fisicamente e mentalmente per affrontare questo Giro?

– Il mio morale è molto buono e sto migliorando fisicamente. Tornavo dall’infortunio e sono arrivato a disputare il Giro d’Italia senza essere al meglio.

Aveva il coronavirusHa subito una grave caduta nel Volta in Catalogna… Ha dovuto affrontare più difficoltà di quanto si aspettasse.

– Sì, perché ho perso la possibilità di essere in un posto dove avrei potuto fare una serie di gare, ricevere lo stimolo della competizione in modo che il corpo potesse arrivare qui molto bene, ed è stato esattamente il contrario. Non avevo concorrenza e stavo lottando tra uscire dal coronavirus e sfruttare i giorni rimanenti per arrivare al Giro e lasciarmi l’infortunio alle spalle.

– Hai avuto paura di partecipare al Giro?

-Sì, naturalmente. È stato un infortunio molto grave e fortunatamente siamo riusciti a superarlo più velocemente di quanto ci aspettassimo. Spero di poter migliorare durante il Giro in modo da poter avere una buona forma la scorsa settimana e poterne trarne beneficio.

READ  Il Bayern Monaco ha rubato una gemma al Barcellona

—È una gara che ti riporta alla mente bellissimi ricordi, con la tua vittoria nel 2014. Negli ultimi dieci anni come sei cambiato come ciclista e come persona?

– Tutto è cambiato in generale, in meglio. Come persona sono più calmo, più rilassato, perché quando provi a vincere ci sono situazioni di tensione, devi essere molto aggressivo e tenace… A livello di condizione fisica, dieci anni fa ero al massimo e adesso Sono. Mi ritrovo.

Nairo Quintana sorride nel suo hotel Movistar in Grande Partenza.Apple Media/Movistar

—Allora tu, Froome, Contador e Nibali eravate i grandi padroni del ciclismo. Ora, con Pogacar, Vingegaard, Evenepoel e i loro partner, come ritieni che il ciclismo sia cambiato di più?

– Oggi, le circostanze hanno fatto sì che tutto andasse molto più velocemente. Il sistema di competizione è stato modificato con una serie di punti che richiedevano un grande sforzo dal primo all’ultimo concorrente. È un po’ più denso. Dopo il Corona virus nessuno vuole perdere un secondo del proprio tempo. Tutti ne approfittano per ottenere la prestazione migliore, ma in realtà succede in tutti gli sport. La tecnologia è avanzata così tanto che sembra che quegli anni fossero il secolo scorso.

—Se migliori nella terza settimana, quale fase è migliore per te?

– Dobbiamo vedere come le squadre sviluppano la loro strategia di gara e come lavora il mio corpo per sapere quale tappa può essere più adatta a noi.

-L’attrezzatura viene fornita con Ener Rubio come leader Per il generale. Che ruolo ti aspetti per lui?

-Vedo che sta bene. L’anno scorso era tra i primi dieci (In realtà è arrivato 11°) E in questa stagione ha continuato a crescere. Il suo corpo ha continuato a svilupparsi. Speriamo e crediamo che possa essere di nuovo nella top 10, ma partiamo con molta cautela e da lì vedremo se riuscirà a lottare per la top five.

READ  Andres Guardado, il calciatore straniero che ha giocato più partite con il Real Betis

“Come persona, ora sono più calmo.”

Nairo Quintana (Team Movistar)

—Risultati a parte, affrontano questo Giro con il peso dei famosi punti UCI nel triennio in corso. Questo significa una pressione in più quando si affrontano le corse?

-Sappiamo che dobbiamo sempre fare punti. Che ce l’abbiamo o no, dobbiamo sempre aggiungerlo. È ovvio che questo è il momento in cui ne abbiamo bisogno e non possiamo rilassarci. Devi farli. Purtroppo la situazione che abbiamo avuto con cadute e infortuni di tutti i corridori nelle gare a cui avremmo partecipato ci ha fatto sì che fossimo un po’ indietro. Ma prima o poi siamo tutti sicuri che saremo nella posizione giusta e che le cose andranno bene.

—Il fatto che questo Giro non abbia responsabilità di classifica generale ti fa pensare alla più ambiziosa Vuelta a España?

-Sì, dobbiamo fare bene la Vuelta. Logicamente sarebbe il comandante Enrique, ma devo stargli vicino e aiutarlo. La Vuelta è la nostra gara di casa e non possiamo permetterci di fallire.

-Dopo le difficoltà affrontate negli ultimi anni, è tornato in quella che era sempre stata la sua casa. Cosa significa competere ancora con Movistar in un Grand Tour?

-Sono felice. È una squadra che conosco, nella quale mi trovo molto bene, con uno sponsor che mi è stato impareggiabilmente fedele. Sono molto grato. È la mia squadra e lo sarà sempre.

—Come uscirai da questo Giro completamente soddisfatto?

– Essere l’eroe del romanzo. Non so esattamente se ho vinto oppure no, ma da protagonista sarei soddisfatto.

Segui il Canale Diario AS su WhatsAppDove troverai tutti gli sport in un unico posto: notizie attuali del giorno, agenda con le ultime notizie sugli eventi sportivi più importanti, highlights di foto, opinioni sui migliori marchi AS, resoconti, video e un po’ di umorismo di tanto in tanto .

READ  Mondiali 2022 Qatar: Olanda - Stati Uniti, trasmissione in diretta oggi
Graziana Spina
Graziana Spina
"Estremo appassionato di tv. Appassionato di cibo impenitente. Tipico esperto di birra. Amichevole esperto di internet."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles