Maggio 18, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Nicolas Jarry: “Non è facile giocare qui”

Nicolas Jarry: “Non è facile giocare qui”

“C'è stata una mancanza di intensità che gli ha impedito di controllare la partita”. Così il cileno Nicolas Jarry ha analizzato la sua sconfitta nella finale di Buenos Aires, vinta da Facundo Diaz Acosta 6-3, 6-4.

Il 28enne cileno ha dichiarato: “Mi ha suggerito uno stile di gioco con palloni alti e pesanti, che non sono riuscito a risolvere per tutta la partita”.

Inoltre, in risposta a ESPNTennis.comÈ stato inserito nel contesto della vittoria in semifinale sullo spagnolo Carlos Alcaraz, il candidato più importante che difendeva il titolo. “È stata una vittoria speciale. Anche se non era una finale o una partita di Coppa Davis, l'ho inserita tra le prime cinque”.

Già nell'induzione, Jarry, 21 anni, era a disagio: “Venivo da tre partite molto difficili e non sono riuscito a ripetere il livello, quindi mi congratulo con Vako per come ha giocato. Non mi ha sorpreso, vado per continuare la sua tournée in Sud America a Rio de Janeiro e Santiago nel suo Paese, dove dovrà difendere il titolo: “Giocava ad un livello così straordinario, non potevo fargli del male”.

Non è facile giocare qui, ho fallito e non ero il favorito del pubblico in nessuna delle mie partiteha detto il cileno, riferendosi al fatto che tutti facevano il tifo per ciascuno dei suoi rivali: lo svizzero Stan Wawrinka, il connazionale di La Plata Tomas Echeverri, lo stesso Acaraz e infine Díaz Acosta.

Il tennista, allenato dall'argentino Juan Ignacio, ha concluso: “Sono rimasto positivo per tutta la settimana. Ho quasi perso contro Stan, che ha servito per la partita, e ho avuto l'opportunità di giocare la finale dopo aver battuto un grande giocatore come Carlito.» Sheila.

READ  Nove anni dopo, Djokovic è tornato alle semifinali di Monte Carlo