Aprile 25, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Non mi metterò il naso negli affari di Luis Enrique.”

Il tecnico francese Didier Deschamps ha parlato ai media nella sala stampa di Clarefontaine, dopo aver annunciato la lista definitiva delle partite contro Germania e Cile, durante la sosta per le nazionali del prossimo marzo. Il 55enne allenatore del Bayonne ha parlato della gestione di Luis Enrique con Mbappe, e ha detto di lui: “Non ficcherà il naso nei suoi affari”, e ha confermato che parla regolarmente con il capitano della “nazionale francese”..

Gestire Luis Enrique con Mbappe: “Grande, grandissimo (ironicamente). Considerando il numero di partite giocate… L'elemento freschezza in una grande competizione è fondamentale. Farli giocare sì, ma giocare ogni tre giorni… Ci sarà stanchezza, ma meno Più è, meglio è. Per quanto riguarda la velocità di Kylian, non preoccuparti. È una decisione del tuo allenatore. Quando allenava la Spagna, non gli piaceva che interferissimo nei suoi affari, quindi non lo farò. Ma se può dare più spazio a Kolo Mwani…”

Mbappé: “Kylian ha sempre occupato molto spazio. Non mi interessa se deciderà ora o poi, dipende da lui e dai suoi genitori. Questo ha delle conseguenze anche per lui, ma ho avuto casi in cui i giocatori dovevano firmare contratti durante le competizioni e ho dovuto aprire la porta.Parlo con Kylian E con tutti i giocatori, devo parlare della tua situazione e di cosa sta succedendo o potrebbe succedere.

Pogba“Ho parlato con lui ed è stato un duro colpo per lui a livello mentale e psicologico. Metterà tutte le sue forze per difendersi. L'arbitro è stato molto duro dopo tutto quello che è successo. Non mi piace prendere posizioni decisive. Vorrei dargli il meglio affinché possa godersi il campo e giocare ancora.

READ  Giannis Antetokounmpo e Damian Lillard faranno il loro debutto insieme contro i Lakers

Giochi Olimpici: “Smettetela di pensare che sono io a decidere. Se Thierry Henry decide di convocare un giocatore della sua stessa fascia d'età o superiore, sarà nella sua squadra. Adesso, per essere il più obiettivo possibile, ho esperienza come giocatore “, ma il nostro obiettivo comune è avere la migliore squadra possibile. Dimentichiamo quello che è successo alle ultime Olimpiadi, la situazione in cui si è trovato Sylvain Ripoll due anni fa, a causa dei club francesi. Non sono contro Thierry, sono con lui, “Ma dal punto di vista del giocatore è molto complicato collegare due competizioni, sia dal punto di vista fisico che psicologico. L'obiettivo rimane così com'è: ottenere la migliore squadra possibile. Auguro a Tite tanto incoraggiamento e spero può rispondere con un sì netto e inequivocabile. “Immaginate un giocatore che dice sì a giugno, ma nel frattempo cambia club… Quando andremo al ritiro di Clairefontaine, sarà “Le cose sono chiare tra chi va e chi va a quelli che non vanno.”