Marzo 4, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Notizie, combattimenti a Gaza, morti e altro ancora

Notizie, combattimenti a Gaza, morti e altro ancora

“Ci aspettavamo di morire da un momento all'altro”: i residenti di Gaza descrivono la fuga di Khan Yuni mentre Israele espande le operazioni

Palestinesi sfollati dalla città di Khan Yunis a causa degli attacchi israeliani, 22 gennaio 2024. (Credito: Ahmad Hasaballah/Getty Images)

Migliaia di persone stanno lasciando Khan Yunis, poiché l'esercito israeliano ha affermato di aver circondato la città nel corso di nuove operazioni a ovest dell'area.

Il video della CNN, registrato lunedì, mostra gli sfollati seduti sul lato della strada e vicino alla riva del mare mentre si dirigono verso ovest e sud. L'esercito israeliano aveva ordinato ai civili di lasciare diverse aree dentro e intorno alla città e di dirigersi verso la costa, che ha descritto alla CNN come “più sicura”.

Il video mostra automobili, camion e trattori che trasportano le famiglie e i loro beni di prima necessità, tra cui coperte, materassi e scorte di cibo. Ma molti camminano.

Hisham Sayegh ha detto di aver visto morire quattro persone, costringendolo a partire con la sua famiglia mentre i bombardamenti si intensificavano nella zona.

“Ci sono morti a terra. Li abbiamo lasciati indietro. Ci sono morti all'interno delle case”, ha detto Al-Sayegh. “Ci aspettavamo di morire da un momento all'altro.”

Amer Hajo, del nord di Gaza, ha detto che si trasferirà per la terza volta. Ha aggiunto: “Ora ci stiamo muovendo di nuovo verso l'ignoto. I bombardamenti sono continuati per tutta la notte. Questa mattina (lunedì) ci siamo svegliati con un carro armato nel nostro corridoio, quindi siamo partiti”.

Umm Muhammad, una donna di Khan Yunis, ha detto che lei e la sua famiglia rimarranno per strada finché non decideranno dove andare, e non possono permettersi il trasporto a sud fino a Rafah. “La verdura, la farina e l'acqua sono costose. Non ci sono bagni. Nessuno si prende cura di noi come se non fossimo umani”.

READ  La Francia sta cercando di raggiungere un consenso su un progetto di legge sull’immigrazione

“Siamo in strada da più di 100 giorni”, ha detto, “ovunque andiamo, ci chiedono di andarcene, ed eccoci qui in strada ancora e ancora”.

Umm Adel, una donna di Gaza City, ha detto alla CNN che la sua famiglia era a Khan Yunis e che sua nipote è morta perché “non c’erano né ossigeno né medicine per lei”.