Aprile 24, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Quali pezzi di spazzatura spaziale somigliano all'auto che sorvolò la Spagna?  |  internazionale

Quali pezzi di spazzatura spaziale somigliano all'auto che sorvolò la Spagna? | internazionale

L'auto che ha sorvolato il cielo spagnolo dall'alba di venerdì a sabato è uno dei milioni di resti di razzi e satelliti che si muovono ad alta velocità nell'orbita terrestre bassa e il cui smaltimento è uno dei grandi problemi da risolvere nella scienza e nell'economia spaziale .

(Leggi: Energia solare spaziale: quanto è praticabile questa fonte di generazione?)

L'Istituto spagnolo di scienze spaziali ha subito escluso che l'auto fosse un missile, come inizialmente si pensava. Considerato un pezzo di spazzatura spaziale, questo oggetto straordinariamente luminoso che ha viaggiato attraverso lo spazio spagnolo ha suscitato l'interesse degli appassionati di astronomia.

Questo fenomeno è così comune che nel 2023, più o meno nello stesso periodo, diversi osservatori a Sacramento, negli Stati Uniti, furono ipnotizzati da strisce di luce che illuminarono improvvisamente il cielo notturno, e subito dopo appresero che erano in fiamme a causa dei resti delle comunicazioni in disuso. . Equipaggiamento della Stazione Spaziale Internazionale due anni fa.

Milioni di oggetti detriti spaziali

L'orbita terrestre bassa è un deposito di detriti spaziali, per lo più oggetti creati dall'uomo, come pezzi di veicoli spaziali, piccole macchie di vernice di veicoli spaziali, parti di razzi, satelliti che non sono più operativi o esplosioni di oggetti in orbita che volano oltre Spazio ad alta velocità.

(Inoltre: la NASA seleziona 30 progetti che potrebbero avere un futuro.)

Secondo gli ultimi dati dell'Agenzia spaziale europea, intorno alla Terra si trovano circa 35.150 detriti classificati, del peso di 11.500 tonnellate, provenienti da 640 rotture ed esplosioni.Oppure collisioni o eventi anomali che ne hanno causato la frammentazione.

READ  PUBG Battlegrounds: ora gratuito per tutti

Ma fonti dell’ESA indicano che ““Non tutti i detriti spaziali vengono tracciati e catalogati”.Le loro stime indicano che ci sono più di 131 milioni di oggetti di detriti spaziali inutili di dimensioni comprese tra 1 mm e 10 centimetri in orbita attorno alla Terra ad una velocità media di 36mila chilometri all'ora.

La maggior parte dei detriti spaziali si muove molto rapidamente e può raggiungere una velocità di circa 29.000 chilometri orari, circa sette volte più veloce di un proiettile.

A causa della velocità e delle dimensioni della spazzatura. Gli esperti concordano sul fatto che la spazzatura spaziale rappresenta un rischio per la sicurezza delle persone e delle proprietà nello spazio e sulla Terra.

Il professore dell'Università di Malaga (Spagna) José Luis Torres mette in guardia da questi rischi: “Qualsiasi pezzo più grande di un centimetro è fatale se entra in collisione con i satelliti operativi”, di cui attualmente ce ne sono circa 6.000 in orbita.

Il ricercatore Hugh Lewis, esperto di detriti spaziali presso l’Università di Southampton (Regno Unito), ha concluso che il problema dei detriti spaziali è stato “sottostimato” e che la quantità di detriti in orbita potrebbe moltiplicarsi di un fattore 50 da qui al 2100 in base ai piani previsti. operazioni.

(Inoltre: Sogni di lavorare per la NASA?: Si aprono le iscrizioni per la nuova generazione di astronauti.)

Un problema privo di regolamentazione: la mancanza di una regolamentazione esplicita, al di là di un trattato internazionale delle Nazioni Unite sulla conformità non obbligatoria, afferma che “i detriti spaziali sono un esempio del cosiddetto fallimento del mercato, perché poiché non ci sono diritti di proprietà, nessuno li gestisce .” Torres.

READ  MediaTek e Nvidia stanno lavorando insieme per integrare l'intelligenza artificiale e i giochi nelle auto del futuro

L'atmosfera è un utile alleato nella rimozione dei detriti spaziali, perché al di sotto dei 480 chilometri sopra la superficie, la maggior parte degli oggetti si disintegra naturalmente nella spessa atmosfera inferiore e brucia in meno di 10 anni. Tuttavia, al di sopra dei 100 km, dove l’atmosfera è più rarefatta, accade il contrario e i detriti si disperdono nello spazio.

Gli esperti di detriti spaziali concordano “Non è responsabilità di un paese, ma di tutti i paesi che navigano nello spazio”. La sua gestione rappresenta una sfida internazionale da risolvere e un’opportunità per preservare l’ambiente spaziale per future missioni esplorative.

Evie