Settembre 25, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

‘Sono il risultato della discriminazione’: Yalitza Aparicio ha raccontato come ha affrontato il razzismo dopo ‘Roma’

Yalitza Aparicio ha raccontato com’era la sua vita dopo una protagonista a Roma (Foto: EFE/Iván Mejía)

Anni dopo il successo mondiale dell’ultimo film del regista messicano Alfonso Cuarónl’eroe della storia Yalitza Aparicio Parla con la rivista lei Su come vivere l’intero processo dopo essere stato nominato per l’adesione Oscar e il Come ha affrontato il razzismo manifestato dagli attori e da altri messicani.

Lo ha ammesso anche l’insegnante durante una conversazione con l’attrice cilena Daniela Vega È stato in grado di misurare l’impatto della sua presenza e della sua nomination agli Awards 2018.

“Ne parlavo con l’attrice cilena Daniela Vega, quando l’ho incontrata mi ha detto: ‘È strano che quando ero in Oscar Mi hanno attaccato e picchiato con tutto. Sono arrivato ed è successa la stessa cosa. E non è perché siamo volti nuovi, perché ci siamo sempre stati, ma siamo diversi da quello che vedevano loro», ha detto Aparicio.

La campionessa della Roma ha raccontato come ha dovuto affrontare il razzismo dopo la sua apparizione agli Oscar 2018 (Immagine: Instagram/@yalitzaapariciomtz)
La campionessa della Roma ha raccontato come ha dovuto affrontare il razzismo dopo la sua apparizione agli Oscar 2018 (Immagine: Instagram/@yalitzaapariciomtz)

Questo lo ha spinto aPer il protagonista Roma Ha parlato dell’effetto del razzismo che ha ricevuto su di lui non solo da altri attori, ma anche dai suoi stessi connazionali. questo fece Aparicio sarà riluttante ad aprire le porte a nuovi progetti cinematografici.

Tuttavia, la 27enne Oaxacan ha affermato che quei commenti negativi l’hanno spinta a creare contenuti che avrebbero ispirato i suoi follower.

Ho pensato: “Non ci può essere tale discriminazione e questo rifiuto di noi stessi”. L’ho visto nei commenti e nelle critiche nei miei confronti, per esempio. Mi hanno chiesto molto se volevo continuare al cinema e io non lo sapevo perché era un bombardamento così anti-illusorio. Ma è sorto il desiderio che si potesse dire: “Ora chiunque arriva in ritardo non ne debba soffrire”, come ho detto, le porte devono aprirsi. Capisco di avere una buona piattaforma per ispirare gli altri e non voglio che passino quello che ho passato io‘ ha detto l’attrice.

Aparicio è stato nominato Ambasciatore di buona volontà dell'UNESCO nel 2019 (Foto: Instagramyalitzaapariciomtz)
Aparicio è stato nominato Ambasciatore di buona volontà dell’UNESCO nel 2019 (Foto: Instagramyalitzaapariciomtz)

Inoltre, Ha raccontato il dolore che ha dovuto affrontare dopo essere stata nominata ambasciatrice di buona volontà dall’UNESCO nel 2019, perché non si sentiva adeguatamente preparato a causa della grande responsabilità che comportava questa situazione.

READ  Chi è il protagonista di Thor nell'episodio 1x07 di What If della Marvel?

Quando l’UNESCO Mi sono semplicemente spinto e ho pensato: “Come farò a diventare un ambasciatore indigeno se non parlo una lingua indigena?, io sono il risultato di me stesso Questa distinzione è il motivo per cui ho perso la lingua.. Ma mi hanno detto esattamente: “Hai osato parlare e accettare di essere il risultato di questa discriminazione”. Per questo è importante segnalarlo, per evitare che continui a succedere. È questa responsabilità condivisa di cui sto parlando che ha aperto le porte, è la stessa lotta che alla fine riguarda il rispetto e l’accettazione”, ha detto Muallem.

Secondo il sito ufficiale dell’organizzazione, Gli Ambasciatori di buona volontà sono personalità che mettono la loro reputazione al servizio degli ideali dell’UNESCO. Si impegnano per due anni a formare l’opinione pubblica mondiale.

L'attrice ha subito il razzismo da parte di un attore messicano (Foto: Quartoscuro)
L’attrice ha subito il razzismo da parte di un attore messicano (Foto: Quartoscuro)

Durante l’anno Yalitza è stato nominato ambasciatore, nel mese di febbraio, L’attore messicano Sergio Guerre È stato catturato in un video clip durante una riunione di famiglia in cui è stato sentito dire che l’educatore per formazione non è un’attrice e l’ha persino attaccata: “Hanno deciso di nominare un indiano pizzicato dicendo ‘Sì signore, no signore’?”.

Alla luce di ciò, l’attrice ha risposto alla Goweri difendendo le sue radici e rammaricandosi che uno dei suoi compatrioti abbia usato la parola “indiano” in modo dispregiativo.

Sono orgoglioso di essere un nativo di Oaxaca e mi scuso che ci siano persone che non conoscono il vero significato delle paroleL’attrice ha risposto in un comunicato.

Continuare a leggere: