Aprile 25, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Trump dà una nuova scadenza per pagare la cauzione nel caso di frode civile – Escambray

Questa è una vittoria per l'ex presidente, perché impedisce il sequestro di alcuni dei suoi beni che avrebbe dovuto affrontare se non avesse pagato la cauzione inizialmente emessa.

Trump con il suo avvocato Susan Nicholls in un'aula di tribunale di New York, USA, il 25 marzo 2024. (Foto: Reuters)

Lunedì gli avvocati di Donald Trump sono riusciti, nel caso di frode commerciale, anche davanti a un tribunale di New York, a sospendere la sentenza emessa lo scorso febbraio sull'accusa di frode civile, che gli imponeva il pagamento di una cauzione di 454 milioni di dollari, e il cui termine scadeva il questo giorno.

Nelle scorse ore la Corte d'appello ha deciso di sospendere questa procedura se l'ex presidente avesse pagato una cauzione di 175 milioni di dollari entro 10 giorni.

Questa è una vittoria per l'ex presidente, perché impedisce il sequestro di alcuni dei suoi beni che avrebbe dovuto affrontare se non avesse pagato la cauzione inizialmente emessa.

Il giudice Arthur Engoron ha imposto la multa più alta dopo aver dichiarato colpevoli Trump e i suoi due figli adulti in un processo in tribunale per aver manipolato il suo patrimonio netto e i valori immobiliari della società immobiliare della sua famiglia per ingannare finanziatori e compagnie di assicurazione.

Se Trump non versa la somma, la sua immagine cambierà radicalmente agli occhi di molte persone, perché dice di essere un miliardario e di grande successo. “Se non puoi pagare la cauzione per qualsiasi importo, è ovviamente un grosso problema”, ha detto all'AFP l'ex procuratore federale e autore di libri Andrew Weissman. Le accuse di TrumpQuesto prima che venisse emessa la nuova decisione.

READ  I lavoratori del Canale di Panama denunciano il piano di taglio dei posti di lavoro (+ foto)

Nelle ore mattutine del 25 marzo, Trump ha scritto sulla sua piattaforma Truth Social che il numero specificato da Engoron era “fraudolento”.

L’ex capo dello Stato ha detto: “Dovrebbe essere zero, non ho fatto niente di male!”

La campagna di Trump della scorsa settimana ha chiesto donazioni da “un milione di sostenitori patriottici di Trump”, affermando che “l’iconica Trump Tower” era tra le sue proprietà a rischio di sequestro.

Il caso è stato deciso a Manhattan, dove le proprietà di Trump come la Trump Tower o 40 Wall Street potrebbero essere nel mirino del procuratore generale di New York Letitia James, una democratica che ha avviato la causa civile nel 2022.

(preso da Francia 24)