Settembre 23, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un mondo come Giove a 1.400 anni luce di distanza è più caldo del Sole

Un mondo come Giove a 1.400 anni luce di distanza è più caldo del Sole

bagliore del sole Weizmann Institute of Science

MADRID, 16 AGOSTO (Stampa Europea) –

Gli astronomi hanno identificato un oggetto caldo simile a Giove in orbita attorno a una stella considerata la più calda di sempre. Circa 2.000 gradi più caldo della superficie del sole.

In uno studio pubblicato in astronomia naturale, ha riportato la scoperta di un sistema costituito da due corpi celesti, distanti circa 1.400 anni luce, che insieme forniscono un’eccellente opportunità per studiare la calda atmosfera di Giove, nonché per far avanzare la nostra comprensione dell’evoluzione di pianeti e stelle. Questo sistema binario, che è il più estremo del suo genere finora conosciuto in termini di temperatura, è stato scoperto analizzando i dati spettrali raccolti da Il Very Large Telescope dell’Osservatorio europeo meridionale in Cile.

A differenza dei pianeti caldi il cui bagliore è oscurato da Giove, questo corpo può essere visto e studiato perché è molto grande rispetto alla stella che lo ospita, ed è 10.000 volte più leggero della stella normale.

Il sistema binario comprende due corpi celesti, che sono chiamati “nani” ma sono di natura molto diversa. Una è una “nana bianca”, il residuo di una stella simile al sole dopo che ha esaurito il suo combustibile nucleare. L’altra parte della coppia, non un pianeta o una stella, è una “nana bruna”, un membro di una classe di oggetti che ha una massa compresa tra quella di un gigante gassoso come Giove e una piccola stella.

READ  Questo pericoloso Trojan vuole rubare i dettagli del tuo conto bancario con chiamate false

Le nane brune sono talvolta chiamate stelle fallite perché non sono abbastanza massicce da innescare reazioni di fusione dell’idrogeno. A differenza dei pianeti giganti gassosi, le nane brune lo sono Abbastanza grandi da sopravvivere alla “trazione” dei loro compagni stellari.

“La gravità delle stelle può far sì che gli oggetti si avvicinino alla rottura, ma questa nana bruna è densa, 80 volte la massa di Giove compressa nelle dimensioni di Giove”, dice. È una dichiarazione L’autore principale dello studio, Nima Halakoun, è un ricercatore post-dottorato presso il Weizmann Institute of Science. “Questo gli permette di sopravvivere e formare un sistema binario stabile”.

Halakun afferma che il sistema scoperto da lei e dai suoi colleghi offre l’opportunità di studiare l’effetto dell’intensa radiazione ultravioletta sulle atmosfere planetarie. Questa radiazione gioca un ruolo importante in una varietà di ambienti astrofisici, dalle regioni di formazione stellare, attraverso i dischi primordiali di gas da cui si formano i pianeti attorno alle stelle, fino alle atmosfere dei pianeti stessi. Questa intensa radiazione che può causare la vaporizzazione dei gas e la rottura delle molecole, Possono avere un impatto significativo sull’evoluzione sia stellare che planetaria. ma questo non è tutto.

“Solo un milione di anni dopo che la nana bianca si è formata in questo sistema, una piccola quantità di tempo su scala astronomica, Abbiamo avuto una rara occhiata ai primi giorni di questo tipo di sistema binario compatto”, Halakon dice. Aggiunge che mentre l’evoluzione delle singole stelle è ben nota, l’evoluzione dei sistemi binari interagenti non è ancora ben compresa.

“I gioviani caldi sono l’antitesi dei pianeti abitabili: sono luoghi molto inospitali per la vita”, afferma Halakon. “Le future osservazioni spettroscopiche ad alta risoluzione di questo caldo sistema simile a Giove, idealmente realizzate con il nuovo James Webb Space Telescope della NASA, potrebbero rivelare come le condizioni calde e irradiate influenzino la struttura dell’atmosfera, Qualcosa che potrebbe aiutarci a capire gli esopianeti in altre parti dell’universo”.

READ  Shawn Layden di PlayStation rivela perché ha lasciato Sony