Aprile 16, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un secolo di arte informale di Luis Rey Polo

Un secolo di arte informale di Luis Rey Polo

Nella seconda metà del XX secolo, una nuova generazione di artisti arrivò a rivoluzionare il mondo dell'arte: gli informali. Da qui nascono grandi nomi come Josep Genovart, Antonio Tapies Oppure l'artista Luis Rey Polo, di cui l'anno di nascita 2024 segna il centenario. Fu uno degli artefici del movimento che ruppe gli schemi dell'arte, come era conosciuta.

Il movimento informale è emerso in Catalogna negli anni ’50 e ’60 come corrente trasformatrice alla ricerca della libertà creativa e dell’espressione artistica, nel contesto della dittatura franchista in cui era immersa la Spagna. Un'arte che abbandona l'organizzazione compositiva e tutto ciò che è dettaglio razionale, e sceglie opere che non rappresentano nulla, ma sono manifestazioni plastiche dotate di un valore proprio.

Eamonn Angelini Rota espone dipinti di Luis Rey Polo

Cristobal Castro / Tiro con l'arco / Collaboratori

In questo contesto, Luis Rey Polo impara il disegno, la scultura e la fotografia. “Entusiasta e curioso, amava e ammirava la sua famiglia, soprattutto i suoi nipoti”, così lo descrive la figlia dell’artista, Itziar Re. Nato nel 1924, fin da giovane unisce l'amore per la matematica, le scienze e il disegno, formandosi presso scuole prestigiose come la Escola de Belles Arts de Sant Jordi di Barcellona.

Fu solo nel 1951 che ricevette un'opportunità unica che avrebbe segnato il corso della sua vita: una borsa di studio all'Università di Harvard. Circolo Mayol Andare a studiare a Parigi. Josep Maria de SucreIl direttore del centro, intuendo le doti artistiche di Re Polo, non esitò a inviarlo nella capitale francese, che all'epoca era un riferimento per le avanguardie artistiche. “Josep Maria de Sucre è stato un mentore per tutta questa generazione di talenti che ha inviato a Parigi, dove avrebbero potuto svilupparsi e crescere come artisti”, spiega Itziar Re.

Josep Maria de Sucre è stato il mentore di un'intera generazione di talenti che ha inviato a Parigi, dove avrebbero potuto svilupparsi e crescere come artisti.


Itziar ReFiglia di Luis Rey Polo

Ottenere una borsa di studio da Circle Maul significa raggiungere l'apice della formazione artistica. Nonostante i numerosi ostacoli incontrati nell'ottenimento del passaporto per recarsi in Francia, Ray Polo riuscì finalmente ad atterrare a Parigi. L'aria che si respira nella capitale bohémien è molto diversa da quella della Spagna. Gli artisti possono muoversi, dipingere per le strade ed esprimere ciò che sentono senza repressione.

Lì, Ray Polo coincide con futuri impulsi di informalità come Tàpies, Cuixart, Guinovart o Ràfols-Casamada. Sebbene ci siano alcune differenze, l'apprendimento e l'aiuto tra tutti sono reciproci e, al loro ritorno in Spagna, ritorna una nuova generazione di artisti colti che rivoluzioneranno il panorama artistico.

Orizzontale

Eamonn Angelini Rota espone il dipinto “Bollillos” di Ray Polillo.

Cristobal Castro / Tiro con l'arco / Collaboratori

Al suo ritorno da Parigi, Ray Polo ha ricevuto un premio per uno dei suoi disegni Premio Joan Mirò Anno 1963. L'ottenimento di questo premio è considerato fondamentale per il pittore, poiché significa la fine della sua formazione accademica e l'inizio della sua carriera artistica.

Farà parte del set di disegni 5Il decimo modello Negli anni '60 con José María Caedida e Albert Coma Estadilla e il gruppo 3 More than 1 Point Vista, accompagnato da Albert Casals e dai fratelli Pujol Grau.

Parteciperà a vari eventi Saloni di MayoQuesto è un concorso che gli permetterà di mettere in mostra il suo lavoro e ottenere un riconoscimento internazionale. Ciò aumenterà il numero dei suoi dipinti che saranno esposti nei musei di tutto il mondo, da Amsterdam a New York.

Dipinto di Re Polo

La pittura di Ray Polo si inserisce nella nuova tendenza dell'informalità delle seconde avanguardie della metà del XX secolo. I suoi dipinti sono tecniche miste su tela o carta e materiali, dove l'artista mescola gli acquerelli con altri elementi come pietre o metalli, producendo reazioni chimiche, che si riflettono poi nella composizione finale delle sue opere.

Il processo di creazione di un murale è un duro lavoro. Viene effettuato uno studio preliminare delle proporzioni, del colore, dei materiali e della struttura del tessuto. “Uno di questi giorni voleremo via”, ha scherzato Itziar Re, la figlia di Re Polo, riferendosi agli esperimenti di suo padre nei suoi dipinti con elementi come l’aria o l’acqua, che a volte producevano reazioni chimiche imprevedibili.

Dettagli del pannello

Particolare del dipinto “Obstacles” di Luis Rey Polo del 1997.

Eamonn Angelini Rota

Uno dei suoi dipinti più famosi è il dittico Barriere, Nel 1997 è stato testimone dello sviluppo del lavoro artistico di Ray Polo. Non è un dipinto informale per definizione, in quanto possiamo decifrare il messaggio dell'opera: due persone su un percorso ad ostacoli. Ciò indica lo stile della pittura negli ultimi anni della sua vita.

Orizzontale

Eamonn Angelini Rota, nipote del pittore Ray Polo, con il suo doppio dipinto “Ostacoli” appeso dietro di lui.

Cristobal Castro / Tiro con l'arco / Collaboratori

Opera scultorea

Anche la scultura ricamata di Ray Polo risponde a uno stile sorprendente e stravagante, influenzato dall'informalità dei suoi dipinti. La prova di ciò è il lavoro fertilità, che si trova nel Parc d'Escultures del FC Barcelona. Progettato a forma di fontana, la sua collocazione iniziale era in un'antica fabbrica di serrature a Villadecans. Dopo la chiusura, il FC Barcelona ha offerto a Ray Polo la possibilità di spostare la sua opera nel parco delle sculture La Masia, costruito a Sant Joan Despí.

E così accettò, ma con la clausola che fosse collocato in un lago, perché era una sorgente, ma il monumento fu collocato in mezzo a una piana erbosa. L'acqua non venne più rilasciata dalla statua.

la mia testa

Una delle sculture in ferro e pietra di Rey Polo degli anni '60.

Cristobal Castro / Tiro con l'arco / Collaboratori

Cala Morell, una manifestazione dell'architettura di Ray Polo

Ray Polo ha avuto l'opportunità di dimostrare le sue capacità ingegneristiche partecipando a un progetto di urbanizzazione Calla Morel, a Minorca. I lampioni, le lampade, le serie di tegole utilizzate per dirigere l'acqua dai tetti, i vasi di ceramica utilizzati come serbatoi d'acqua o la spirale discendente che termina la ringhiera delle scale sono esempi dell'architettura del carattere personale di re Paolo che vediamo oggi in questa urbanistica.

L'idea dell'artista è che l'architettura dovrebbe essere in armonia con il paesaggio

Per Ray Polo era essenziale che le case fossero in armonia e integrate nel paesaggio, e non il contrario. Ha studiato il terreno e tutte le sue caratteristiche: orientamento, vegetazione, topografia…

Ha registrato alberi che dovevano essere salvati, rocce che non doveva toccare ed esposizione a correnti d'aria o radiazioni solari. La struttura del movimento si basa sull'unione tra arte e design e sulla fusione di architettura, scultura e pittura in uno solo.

100 anni dall'apparizione di Re Polo

Mostre, libri e altri eventi

Orizzontale

Eamonn Angelini Rota, nipote del pittore Luis Rey Polo, in videochiamata con la madre, Itzier Rey.

Cristobal Castro / Tiro con l'arco / Collaboratori

L'anno 2024 segna il centenario della nascita di Luis Rey Polo. Per questo motivo il nipote dell'artista, Eamonn Angelini Rota, ha potuto programmare una mostra nel mese di aprile… Museo dell'OspitalitàChe continua fino a settembre.

Per inaugurare la mostra sono previste diverse conferenze, con la speranza di trasformarla in una mostra itinerante in diverse parti della Spagna e dell'Europa. Eamonn dice anche di aver contattato il Centre Pompidou di Parigi, dove ha mostrato grande interesse per una mostra del lavoro di Ray Polo.

Orizzontale

Ritratto di Ray Polo con il nipote, Eamonn Angelini Rota.

Cristobal Castro / Tiro con l'arco / Collaboratori

Altro progetto sul tavolo è la pubblicazione di un libro contenente la biografia e tutte le opere di Ray Polo, basato sul testo Re Polochi ha scritto Antonio Leiva Sull'artista nel 1996.

La famiglia continua a cercare tra scatole di file e a contattare vari media che potrebbero avere informazioni su Ray Polo.

Itziar Re e Aimon Angelini Rota, madre e nipote dell'artista, sperano che quest'anno sia “fruttuoso” e di poter mostrare l'eredità di Re Polo, di cui si sentono molto orgogliosi.

Leggi anche

■ Come posso partecipare alla comunità VANGUARD?

READ  CABOT CONTRO. The Swans ha già una data in anteprima su HBO Max