Settembre 21, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Video | Euripista ha chiesto scusa al senatore per avergli detto di giocare a calcio con la testa di Pedro

Durante la campagna per le elezioni presidenziali del 2018, gli account Twitter hanno moltiplicato le segnalazioni di odio e intimidazione nei confronti di diversi candidati, tra cui un euripista autodefinito. “El Cordobus”, Creatore di centinaia di contatti con i tuoi post.

“Vorrei fare pace con i seguaci di Guerrilla Pedro su Twitter: propongo che il nostro IVÁN DUQUE vinca nei prossimi giorni. Vi invito a ospitare una partita di calcio allo stadio El Campon, ma poiché non c’è palla, useremo la testa di Pedro.”, Ha menzionato nell’aprile 2018.

Per questa esercitazione, l’allora candidato alla presidenza ha chiesto all’ufficio del procuratore generale di indagare su chi ci fosse dietro il conto. Una volta identificato, nel 2019 il senatore ha sporto denuncia formale contro l’ex esercito Roberto Carlos Diaz Fedoya, che si faceva chiamare “El Cordobus”.

In questo caso, il Politica delle opportunità, Ciò consente al processo penale di terminare se viene concesso un evento simbolico come un’amnistia generale.

Questa mattina, 23 luglio, nella città di Madeleine, e con il sostegno della Fondazione Forzanto Futuros, è stata effettuata un’ampia operazione di risarcimento per la vittima, Gustavo Pedro, in cui l’ex militare minacciato si è scusato per i suoi messaggi di diversi anni fa.

“Sono arrivato ad ammettere il mio errore e a scusarmi pubblicamente e personalmente con il medico perché ho la possibilità di tenerlo al mio fianco. Il messaggio che ho scritto all’epoca è stato che nel 2018 ho sentito che era sbagliato farlo perché era un atto minaccioso e non ho misurato le conseguenze”., ha detto Thias Pedoya.

Aggiungo: “Allo stesso tempo, invitare tutta la gente del Paese a non ripetere questo tipo di eventi e minacce, ferisce ciò che tutti noi vogliamo, verso la pace. Sono una persona con buoni principi… Ho aperto le porte della Procura per indagare e non mi sono mai nascosto».

READ  I codici dell'Italia sono aumentati; Investing.com Italia dal 40 allo 0,45% di Investing.com

Dal canto suo, il senatore Pedro ha promesso di condannarlo perché si tratta di “una mossa modello” o una sorta di insegnamento a chi crea minacce sui social network.

“In questo caso volevo avviare un processo contro una delle migliaia di persone che usano i social network per intimidirmi, ma non sono l’unico destinatario di minacce in Colombia. Trascende vari spettri politici, ideologici e sociali”.disse Pedro.

Nel suo discorso, il politico ha detto che era naturale pensarlo come un “guerrigliero” anche per le strade: “Sono un senatore repubblicano, non un guerrigliero. Se fosse un guerrigliero, non sarebbe qui, sarebbe da qualche altra parte e in un modo diverso, ma oltre a credere di farsi male con quella parola, cosa sta cercando di dire al guerrigliero? Cerca di equiparare una forma di lotta militare a un’ideologia”..

“Oggi, all’udienza pubblica, una delle persone che ci ha minacciato e calunniato attraverso le reti darà una scusa pubblica e si ritirerà. La diligenza avrà luogo nella città di Medellin. Minacciare la morte attraverso le reti è un crimine”. Pedro ha informato i suoi follower su Twitter.

Vedi l’azione generale qui:

Continua a leggere: