Febbraio 28, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Zermatt lancia un collegamento diretto tra la Svizzera e l’Italia

Zermatt lancia un collegamento diretto tra la Svizzera e l’Italia

La nuova funivia “vola” per 1,6 chilometri sopra il ghiacciaio Theodoul. Zermatt Bergbahnen AG

Attraversare le Alpi senza toccare terra dalla Svizzera all’Italia e viceversa è già possibile con il nuovo collegamento tra il Petit-Cervin a Zermatt e la Testa Grigia in Italia. Il progetto si rivolge principalmente ai turisti asiatici, che potranno viaggiare dall’Italia al Nord Europa utilizzando modalità di trasporto del tutto nuove.

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 luglio 2023


Oliver Grivat

Dal 1° luglio i turisti possono viaggiare da Zermatt, in Svizzera, al Piccolo Cervino a 3.883 m e da lì a Cervinia, sul versante italiano del Cervino, cambiando la funivia. E viceversa, senza nemmeno toccare terra.

“Questa è una nuova porta per il turismo svizzero”, afferma entusiasta Markus Hassler, direttore delle funivie di Zermatt (Zermatt Bergbahnen o ZBAG). Dopo aver visitato Roma, Firenze o Venezia in rotta verso la Francia, prima di tornare a casa dopo un tour europeo di due settimane.

Le cabine del nuovo giro del ghiacciaio del Cervino viaggiano a 1,6 km sopra il ghiacciaio del Teodulo, fluttuando nel cielo. Nessun pilastro è necessario per mantenere la campata di 363 metri.

La nuova sezione collega Petit-Cervin a Zermatt e Testa Grigia in Italia. www.matterhornalpinecrossing.com

>> Questo è il percorso della nuova linea tramite Google Earth

Turismo di massa e turismo asiatico

All’ufficio turistico di Zermatt, una delle località più famose al mondo grazie al Cervino, tutti sorridono: “I mercati asiatici stanno riprendendo bene nel 2023. I turisti del sud-est asiatico stanno tornando a Zermatt, soprattutto dalla Corea del Sud, Indonesia, Taiwan, Singapore e Tailandia, Giappone e Cina, anche se alcuni mercati hanno bisogno di un po’ più di tempo, spiega il direttore del turismo Daniel Lueken.

Prima della pandemia di Covid-19, nel 2019, il turismo asiatico rappresentava il 14,6% del totale delle località svizzere. Nel 2021 ha raggiunto il livello più basso con lo 0,8%. Nel 2022 è già salito al 5,3%.

Entro il 2023, in assenza di dati recenti, l’aumento dovrebbe essere ancora più significativo. La verità è che Zermatt non vedeva una folla asiatica così numerosa da molto tempo. Il 2023 dovrebbe essere l’anno del turismo asiatico, ma il turismo di massa è ancora il benvenuto in un resort di lusso come Zermatt? Non ci piacciono i grandi gruppi che vengono a Zermatt. Il resort preferisce famiglie o piccoli gruppi”, ha risposto Markus Hassler, sulla base delle reazioni dei rappresentanti del turismo svizzero in Asia. “Sono i prezzi a decidere”.

Zermatt e il Cervino, la cui ombra è così importante per la reputazione della località. Francisco Martínez / Alamy

Il viaggio di andata e ritorno costa 240 franchi

Con un biglietto di andata e ritorno per Zermatt-Cervinia a ben 240 franchi, il viaggio non è decisamente rivolto al turismo di massa. Ma 156 franchi per un viaggio di un’ora e mezza non sono un prezzo proibitivo: «Abbiamo fatto dei calcoli. Zermatt vuole questo: al massimo da 100 a 150 persone al giorno. In stagione gli impianti di Zermatt portano da 8000 a 9.000 passeggeri al giorno, quindi più di un centinaio di persone non fanno pendere la bilancia”, afferma Markus Hassler.

La stazione in cima al Cervino sarà collegata al versante svizzero e italiano da due impianti automatici e da un piccolo mezzo ferroviario, che consentirà lo scambio di cabine tra i due sistemi in fune.

Anche se si trova vicino al confine italiano, la stazione a valle del Matterhorn glacier ride si trova interamente su suolo svizzero. Grazie a questa stazione, posta a quota 3.458 m, è possibile stabilire un collegamento tra la tratta italiana e quella svizzera situata a pochi metri di distanza.

A partire dal 2024, con l’entrata in servizio della nuova cabinovia attualmente in costruzione da Zermatt, Baggage Management faciliterà il trasporto passeggeri con consegna bagagli con due trasporti giornalieri per direzione.

L’Italia vuole copiare la Svizzera

In Italia le vecchie funivie non sono dello stesso livello, ma l’esempio svizzero sta già dando spunti alla regione autonoma della Valle d’Aosta, dove si trova Cervina e sono già in corso progetti per rinnovare il collegamento. Cervinia e Testa Grigia, al confine italo-svizzero.

Una splendida stazione di partenza per le nuove cabinovie sul versante svizzero. Zermatt Bergbahnen AG

In vista del futuro, gli svizzeri stanno progettando di cedere un pezzo di terra al confine italo-svizzero per ampliare la stazione degli arrivi. Non resta che ottenere le necessarie autorizzazioni, soprattutto da Berna, che controlla il percorso doganale.

Tutto a vantaggio del turismo svizzero. La Svizzera ha infatti finanziato l’intero nuovo impianto dal Petit-Cervin alla Testa Grigia, il cui costo è salito a 60 milioni di franchi svizzeri. “È un investimento per il futuro”, afferma Markus Hassler, che si compiace di vedere un ritorno alla redditività dopo gli anni difficili del Covid-19, quando gli italiani chiudevano le piste agli sciatori mentre durava il lockdown.

Il gestore degli impianti di risalita di Zermatt ritiene che gli abitanti ei turisti svizzeri saranno interessati a fare shopping sul versante italiano della montagna, provare la cucina italiana o giocare a golf a Cervinia.

Cervino. Dal versante italiano, il Cervino è appena riconoscibile. Credito: Francesco Bonino / Alamy Foto Stock

Il nuovo collegamento renderà il comprensorio sciistico di Zermatt-Cervinia il secondo più grande al mondo, con 540 km di piste. È qui che, condizioni di innevamento permettendo, si svolge a novembre la discesa libera più lunga del mondo sul confine italo-svizzero: dal Petit-Cervin al lago Sim Bianchi, lunga 5 km e alta 1.000 m. Un record completo sia della lunghezza che della durata della gara.

J. Testo adattato dal francese da Ulf

Conforme agli standard JTI

Conforme agli standard JTI

Mostra anche: SWI swissinfo.ch, certificato da JTI

READ  Dibattito sulla salute virale